A- A+
Economia
Manovra: Cgil, Cisl e Uil si scoprono a favore della polizia fiscale

Il sindacato contro il sussidio, sembra l’ossimoro per eccellenza, eppure accade questo in tempi di riallineamento politico e d’opinione. C’è una forza motrice che spinge i tre più grandi conglomerati sindacali, Cgil – Cisl e Uil, a punzecchiare l’esecutivo in carica, nonostante per loro stessa ammissione, rappresenti un’inversione di tendenza rispetto all’austerity degli scorsi anni.

Se da un lato rimproverano come timidi gli interventi su lavoro ed investimenti, come forse per esempio timido è stato il loro attacco nei confronti del PD di Renzi quando approvava il Jobs Act, dall’altro addirittura si ergono a difensori della produttività Paese e, udite udite, censori dei sussidi di disoccupazione. Non è una boutade. Nella nota contro il Def scrivono: “Si introducono misure che non determinano creazione di lavoro, ma rischiano di rappresentare mere politiche di assistenza.”

Insomma, un giorno urlano per il ripristino della Cassa Integrazione, l’altro strillano contro gli aiuti, restano silenti quando l’Articolo 18 viene falcidiato dallo Statuto dei Lavoratori, e adesso "vogliono un Paese che costruisce il proprio futuro e lo rappresenta a partire dal lavoro, libero, dignitoso e di qualità, si basa su un sistema virtuoso di convivenza, rispettoso delle necessità e dei bisogni delle persone, in un'ottica di reciprocità, chiave di volta per una reale integrazione".

Ecco, dimenticavamo un altro baluardo di cui s’è fatta comandante in capo l’organizzazione sindacale, la lotta al razzismo e la xenofobia, tenendo a freno le possibili derive della Nazione. Effettivamente importare meno schiavi a 30 centesimi l’ora per raccogliere i pomodori potrebbe ledere quel sano dialogo che prima s’era creato, grazie alla cinghia di trasmissione delle OO.SS.

Parole di disapprovazione per la Flat Tax, per cui vorrebbero al contrario maggiore progressività dell’imposta, ignorando il fatto che oggi chi paga pegno per questo sistema sono proprio coloro che dovrebbero tutelare, ovvero impiegati e pensionati, e in ultima analisi si avvalgono della facoltà di resuscitare una misura dell’epoca Monti. Ovvero il limite al contante a mille euro, e la tracciabilità di tutti i pagamenti in forma elettronica. La triplice si scopre cane sciolto della polizia tributaria, in tempi in cui il lavoro è difficile rappresentarlo, meglio punirlo.

@andrewlorusso

Commenti
    Tags:
    cgilcisluilgovernomanovrasussidio disoccupazioneflat tax
    i più visti
    in evidenza
    Heidi Klum, Taylor Mega e poi... Tutti i topless da urlo (e non solo)

    Belen, Diletta Leotta e... GALLERY

    Heidi Klum, Taylor Mega e poi...
    Tutti i topless da urlo (e non solo)


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand

    Francoforte 2019: Volkswagen presenta la nuova immagine del brand

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.