Conti pubblici/ Finanziaria, Baldassarri ad Affari: così Tremonti sembra Prodi e TPS

Mercoledì, 28 ottobre 2009 - 15:49:00

mario baldassarri1
Mario Baldassarri

"Così com'è, la Finanziaria ci mette a rischio, se per caso euro e tassi d'interesse dovessero aumentare il quadro della finanza pubblica si complicherebbe ulteriormente. In più, farla light vuol dire accettare tutti gli andamenti tendenziali su Pil, occupazione e debito determinati da Prodi, Padoa Schioppa e Visco".

Così il presidente della Commissione Bilancio al Senato, Mario Baldassarri, sceglie Affaritaliani.it per spiegare quella che da molti è stata definita come la contro-Finanziaria. Una manovra da 35 miliardi. Cifra coperta, in primis, con 20 miliardi di tagli alla spesa e che ne genererebbe 140 di Pil in più. E la cabina di regia all'interno del Pdl sulla politica economica? "Non mi occupo di organigrammi".


L'INTERVISTA

Ci sono stati dei mal di pancia all'interno della maggioranza per la Finanziaria light di Tremonti. Lei ha presentato delle proposte per emendare la manovra: può spiegare la sua contro-Finanziaria?
"La mia proposta parte da una considerazione molto importante".

Quale?
"Se facciamo una Finanziaria leggera, accettiamo l'andamento inerziale tendenziale. Che dice che il Pil del 2007 verrà recuperato appena nel 2013. L'occupazione nel 2014, il deficit nel 2015 e il rapporto debito/Pil nel 2020. In pratica, i dati del 2007 ritorneranno con questa cadenza. Nel frattempo, l'equilibrio della finanza pubblica rimane fragile".

Perché?
"Se per caso i tassi d'interesse dovessero aumentare oltre il previsto e se l'euro si apprezzasse oltre l'1,60 usd come qualcuno prevede, queste condizioni prefigurerebbero una nuova emergenza. Posto che non possiamo fare nessuna nuova manovra con un euro in più di deficit, quaesto implica il dovere di mettere mano alla spesa pubblica".

Facendo cosa?
"Tagliandola, per poter ridurre le tasse a imprese e famiglie, spingere sugli investimenti, sulle risorse per le forze di polizia e la sicurezza e sulla ricerca e innovazione tecnologia. Questa premessa è diventata oggetto di emendamenti alla Finanziaria appena presentata. Dove, nell'emendamento complessivo, indico 35 miliardi di tagli da effettuare sugli acquisti dei beni e servizi della Pubblica Amministrazione, anche perché negli ultimi 3-4 anni sono aumentati del 50%, soprattutto nella Sanità. E trasformando i fondi perduti in credito d'imposta. Intervento che consentirebbe di raccogliere altri 15 miliardi".

0 mi piace, 0 non mi piace



Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA