A- A+
Economia
Luigi Giampaolino

Una stoccata a Monti e una carezza a Berlusconi. La Corte dei conti critica la manovra lacrime e sangue del Professore e definisce "intuitive e dondate" le ragioni del condono, strumento caro al Cavaliere.

L'obiettivo di una sanatoria sarebbero la "deflazione del contenzioso" e la "realizzazione in tempi rapidi di introiti che difficilmente potrebbero essere realizzati". Sono le parole del procuratore generale della Corte dei Conti, Salvatore Nottola, precisando che la normativa del condono può avere tuttavia "un effetto patologico" legato alla mancata riscossione del gettito. "Altro discorso" è il condono ediliozio, "da evitare".

Come da tradizione, per l'inauguarzione dell'anno giudiziario, la Corte disegna un ritratto delle casse italiane. A partire dalla corruzione, capace di minare la solidità dello Stato più di "prestigio, imparzialità e buon andamento della pubblica amministrazione". L'allarme è stato lanciato dal presidente della Corte, Luigi Giampaolino (nella foto). "In particolare - ha osservato - la natura sistemica della corruzione ha comportato un ingigantimento del bene giuridico offeso e una rarefazione del contenuto di disvalore dei singoli comportamenti di corruzione". I danni stimabili dalla corruzione sarebbero di 60 miliardi.  

Al di là del male della corruzione, Giampaolino ha tirato le orecchie a Monti, perché l'aumento della pressione fiscale "già 'fuori linea' rispetto ad altri paesi europei ha favorito le condizioni per ulteriori effetti recessivi". E questo nonostante l'equilibrio resti "fragile", con il rischio di "una rincorsa incompiuta" degli obiettivi di bilancio. Come a dire che gli sforzi chiesti dal Professore potrebbero non essere sufficieni. "Al nuovo Parlamento e al nuovo governo spetta il compito di esplorare, restando all'interno del sentiero di risanamento che conduce al pareggio di bilancio, le azioni in grado di generare una più equilibrata composizione di entrate e spese, una volta superata l'emergenza finanziaria".

Il procuratore generale della Corte, Salvatore Nottola, ha invece puntato il dito contro le società partecipate, spesso troppo opache: "Sono stati calcolati in oltre 5 mila gli organismi privati che, costituiti e partecipati dagli enti locali, gestiscono i loro servizi, con un indebitamento valutato in 34 miliardi di euro. Nelle aree di coesistenza di capitali 'pubblici' e 'privati' vanno di frequente ad annidarsi fenomeni di corruzione. E' ormai indispensabile e urgente procedere alla formazione di un testo legislativo organico sul sistema degli enti partecipati da pubbliche amministrazioni e delle risorse da essi impiegate, che riconosca esplicitamente la loro natura pubblica".

 

Tags:
corte dei conticondono fiscalecorruzione
in vetrina
Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

i più visti
in evidenza
Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

Novità editoriali

Da Picasso all'arte islamica in Iran
Jaca Book, ecco i libri in uscita

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Citroen Berlingo vent'anni di successi

Citroen Berlingo vent'anni di successi

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.