A- A+
Economia
Google Huawei, clamorosa rottura. "Ma i servizi Android funzioneranno"

Google ha rotto con Huawei. Con un annuncio destinato ad avere conseguenza clamorose anche se non ancora quantificabili, la società americana che produce il sistema operativo Android, lo stesso che fa funzionare la stragrande maggioranza degli smartphone nel mondo, ha annunciato la sospensione delle relazioni con la cinese Huawei, che il goverbo statunitense ha inserito tra le società "a rischio" per la sicurezza nazionale. La settimana scorsa Donald Trump ha vietato ai gruppi statunitensi gli scambi con compagnie straniere ritenute pericolose per la sicurezza nazionale, una misura che ha come obiettivo Huawei, il colosso delle telecomunicazioni cinese, il cui nome compare nell'elenco di società con cui è possibile negoziare solo dopo aver ottenuto il via libera dalle autorità, istituito dal Dipartimento del commercio degli Stati Uniti. "Stiamo rispettando questo decreto e esaminandone le implicazioni", ha fatto sapere Google in una dichiarazione ad AFP.

Le implicazioni possono quindi essere importanti in questo caso perché la collaborazione tra Google e i produttori di smartphone è indispensabile per rendere i propri sistemi compatibili con i telefoni. Quindi Google dovrà interrompere le attività che comportano il trasferimento di tecnologie che non sono pubbliche (vale a dire, "open source"), e questo costringerebbe il produttore cinese a utilizzare solo la versione "open source" da Android, ha detto ad AFP una fonte. Huawei, in sostanza, non sarà più in grado di accedere alle applicazioni e ai servizi proprietari di Google, come Gmail. Huawei è da tempo nel mirino delle autorità statunitensi che la accusano e nel primo trimestre ha venduto 59,1 milioni di smartphone, ovvero il 19% di quota di mercato, più di Apple, ma ancora dietro alla sudcoreana Samsung. Huawei è anche un player leader nel settore del 5G. 

Huawei: Android, nessun problema tablet e smartphone esistenti

"Per le domande degli utenti Huawei in merito ai nostri passaggi per conformarsi alle recenti azioni del governo degli Stati Uniti: ti assicuriamo che, mentre rispettiamo tutti i requisiti del governo USA, servizi come Google Play e sicurezza di Google Play Protect continueranno a funzionare sul tuo dispositivo Huawei esistente".

Huawei: Intel, Qualcomm, Xilinx e Broadcom bloccano forniture

Dopo Google, anche le principali aziende Usa produttrici di chip e microchip - da Intel a Qualcomm, da Xilinx a Broadcom - hanno bloccato le forniture a Huawei, adeguandosi alle indicazioni dell'amministrazione Trump. Lo riferisce l'agenzia Bloomberg. Le societa', si legge, hanno gia' informato i propri dipendenti che le forniture destinate al colosso tecnologico cinese saranno congelate. Questa mossa di fatto paralizza uno dei maggiori fornitori mondiali di dispositivi di rete e di smartphone.

Commenti
    Tags:
    googlehuaweiandroidgoogle huaweigoogle licenza huaweigoogle licenza android huaweihuawei google newshuawei licenzahuawei licenza androidhuawei licenze googlesmartphonesicurezzadazi usa cinadonald trumpusa cina dazitrump huawei
    i più visti
    in evidenza
    Usa, calciatore cubano sparito Diserta durante la Gold Cup

    L'allenatore: 'Non ho sue notizie'

    Usa, calciatore cubano sparito
    Diserta durante la Gold Cup


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Parco Valentino 2019, da oggi al 23 giugno Torino torna capitale dell'auto

    Parco Valentino 2019, da oggi al 23 giugno Torino torna capitale dell'auto

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.