A- A+
Economia
Decreto Dignità, ok del Senato. E' legge. Le novità
LaPresse

Disco verde definitivo del Senato al decreto legge Dignità nel testo licenziato da Montecitorio. Il provvedimento ha ottenuto 155 voti favorevoli e 125 contrari (un solo astenuto). Il decreto è ora legge dello Stato.  

Qualche novità (come le nuove regole sui voucher e la proroga dello sgravio contributivo per gli over 35 e, sul lato fiscale, la compensazione crediti/debiti Pa) e molte correzioni (come il differimento dell'entrata in vigore della stretta sui contratti a tempo determinato) per il dl Dignità, il primo provvedimento di "peso" del Governo Lega-M5s.

L'iter è stato lungo e a tratti disordinato: alla Camera il percorso in commissione è avanzato più volte a rilento e in più occasioni è sembrato che la macchina di Governo non sia ancora oliata. Mentre al Senato in commissione, a causa dell'ostruzionismo del Pd, è stato deciso di far arrivare il testo in aula senza mandato al relato. Il provvedimento - come voluto dal ministro Luigi Di Maio - è stato approvato da entrambi i rami del Parlamento senza la fiducia. Ma vediamo le novità inserite a Montecitorio (a Palazzo Madama non è stato modificato).

Tags:
decreto dignità
i più visti
in evidenza
Governo, nuovo murale di Tv-Boy Conte pinocchio. E SalviMaio...

Costume

Governo, nuovo murale di Tv-Boy
Conte pinocchio. E SalviMaio...


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Porsche svela la nuova Cayenne Coupé

Porsche svela la nuova Cayenne Coupé

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.