A- A+
Economia
Dieselgate, ex manager VW condannato in Usa a 7 anni di carcere

Un secondo dipendente di Volkswagen è stato condannato a una pena carceraria per il suo ruolo giocato nello scandalo emissioni esploso negli Stati Uniti nel settembre 2015 e che costrinse il gruppo tedesco a un mea culpa riguardante quasi 11 milioni di vetture.

Oliver Schmidt, cittadino tedesco 48enne, ieri si è presentato in un tribunale di Detroit (Michigan), dove un giudice ha pronunciato la sentenza a suo carico: dovrà trascorrere 7 anni dietro le sbarre (periodo a cui verrà sottratto il tempo già trascorso in prigione, dove finì a gennaio) e dovrà pagare una multa di 400.000 dollari. E' esattamente quello che rischiava quando lo scorso agosto si dichiarò colpevole.

Dal 2014 all'inizio del 2015 aveva lavorato da Ann Arbor (Michigan) come capo dell'ufficio per l'ingegneria e l'ambiente di Volkswagen in America. Era accusato di avere contribuito a imbrogliare funzionari Usa e consumatori con veicoli a motore diesel su cui era stato montato volutamente un software illegale pensato per permettere a VW di superare i test da laboratorio sulle emissioni condotte dal governo Usa.

Il giudice Sean Cox si è pronunciato dicendo che la frode rappresenta un "crimine molto serio e preoccupante a danno del nostro sistema economico". Dal suo punto di vista, Schmidt ha fuorviato "consapevolmente" gli inquirenti e ha "partecipato attivamente" nella distruzione di documenti e prove.

Rivolgendosi al cittadino tedesco - che ha accettato di essere espulso dagli Usa una volta che la pena verrà scontata - Cox ha detto: "Hai visto come un'opportunità di avanzamento della tua carriera il tentativo da parte di VW di coprire questa frode immensa negli Stati Uniti". Schmidt ha detto di accettare "la responsabilità delle cose sbagliate che ho commesso".

Commosso, ha aggiunto: "Ho preso decisioni cattive e per questo mi scuso". L'ex manager di VW, come detto, è il secondo dipendente del gruppo tedesco a essere stato condannato al carcere. Lo stesso destino è toccato anche a James Liang, ingegnere che a sua volta si era detto colpevole; lo scorso agosto è stato condannato a 40 mesi di prigione. I due fanno parte di un gruppo di otto persone accusate nell'ambito del dieselgate. Gli altri risiedono in Germania e di loro non è attesa una estrazione in Usa.

Tags:
dieselgatevolkswagen

in vetrina
Ilaria D'Amico dice addio alla Serie A su Sky dopo 15 anni

Ilaria D'Amico dice addio alla Serie A su Sky dopo 15 anni

i più visti
in evidenza
Fedez-Ferragni: prove di nozze Le pubblicazioni... a Rozzano

Rozzano

Fedez-Ferragni: prove di nozze
Le pubblicazioni... a Rozzano

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
La nuova DS7 Crossback mette il turbo da 225 CV

La nuova DS7 Crossback mette il turbo da 225 CV

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.