A- A+
Economia

di Luigi Esposito – www.luigiesposito.it

Nell’attuale contesto le imprese italiane per evitare marginalizzazioni di mercato devono recuperare efficienza, velocità e innovazione. Sono questi i primi tre parametri che gli imprenditori indicano per  rafforzare la competitività delle proprie aziende. Efficienza nella struttura organizzativa incluso il conto economico, Velocità nella elaborazione strategica e nell’adozione delle conseguenti politiche gestionali operative,  Innovazione nel pensiero, nell’azione, nella comunicazione e nelle relazioni.

Crollano i vecchi perimetri di soggettività, di appartenenza, di “personale” e di “sociale” e tutti confluiscono in un mare di crescenti interconnessioni che rappresentano la nuova infrastruttura della comunicazione nella quale i consumatori appaiono spesso più rapidi nell’acquisire e utilizzare le informazioni di quanto non lo siano le imprese nel fornire news su insegne e brand. Accade talora che le generazioni native digitali e quella fetta più dinamica di migranti digitali surclassino le organizzazioni d’impresa ancorate a modelli di lavoro non più attuali. Così, nei flussi informativi, il materiale prodotto dai consumatori, potenziali e reali, schiaccia il corporate/brand journalism e in definitiva gli utilizzatori finali appaiono più in gamba di numerose aziende dotate di risorse economiche e di intelligenze organizzate.  In diversi casi hanno addirittura perso il totale controllo del proprio brand cedendolo ai post dei consumatori sui social network.

Eppure da diversi anni i consumatori sono sempre più condizionati da logiche di reputazione e da meccanismi collaborativi. Le imprese prima di realizzare prodotti e servizi generano conoscenza, nuova intelligenza, attraverso le naturali conversazioni  tra dipendenti e tra questi e il mondo esterno. Si creano relazioni di fiducia e processi di collaborazione che se incardinati nella giusta trama comunicativa aggiungono valore ai brand e alle insegne. Nelle aziende occorre liberare la conoscenza, stimolare la creatività e il lavoro collettivo e i comunicatori sono chiamati a raccontare la storia dell’impresa, del territorio, degli uomini e delle donne che l’hanno realizzata. Nei segmenti food e beverage, in particolare il wine, diventa ancor più importante liberare la storia e consegnarla ai consumatori perché il mercato prima assorbe e poi rilascia  quella nuova linfa che l’impresa rielabora. 

La conversazione come perno fondamentale del sistema comunicativo, in cui ogni soggetto - consumatori, giornalisti, blogger, manager, esperti, dipendenti, ecc. - ascolta e produce nuovi contenuti che alimentano e trasformano la conoscenza produttiva. Gli imprenditori devono però essere aperti a sperimentare e ad accogliere tutti i punti di vista. 

Tags:
aziendeimpreseripresa

in vetrina
Premio Ambasciatori di Puglia 2018, tra i vincitori anche Linus

Premio Ambasciatori di Puglia 2018, tra i vincitori anche Linus

i più visti
in evidenza
Coca Cola, ecco il nuovo spot "Babbo Natale sei tu". Video

MediaTech

Coca Cola, ecco il nuovo spot
"Babbo Natale sei tu". Video

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.