A- A+
Economia
Esm, all’Eurogruppo passa la riforma:diventerà Fondo Monetario Europeo

Bepi Pezzulli non è uno che gira attorno ai problemi: “in questa partita a scacchi, Bruxelles ha fatto l’arrocco”. L’avvocato d’affari, Presidente del think-tank eurocritico e filo-britannico Select Milano si riferisce alle deliberazioni prese all’Eurogruppo di dicembre, col silenzio-assenso di Roma.   I 19 ministri delle finanze dell’Eurozona hanno adottato un documento di riforma dell’ESM che ha un solo possibile destinatario: l’Italia. Secondo Milano Finanza “l’impressione è che la Commissione Ue si prepari alla possibilità di un intervento in previsione di un aumento insostenibile del cost of funding italiano. A Bruxelles sanno che l’economia italiana è in recessione e attendono i dati del Q4 che sanzioneranno due trimestri consecutivi di decrescita”. Nel global market outlook di dicembre, Goldman Sachs ha tagliato le proprie stime di crescita per l'Italia dallo 0,9% precedente (report di settembre) allo 0,4% per l’anno 2019.

Nel dettaglio, l’Eurogruppo ha deciso di rafforzare gli strumenti di controllo della Commissione Ue sulle finanze pubbliche degli Stati membri. Lo European Stability Mechanism (il fondo salva-stati) da organismo di co-operazione inter-governativa diventa quindi una istituzione comunitaria. Di conseguenza, le decisioni operative passano dai governi degli Stati membri alla Commissione Ue. Lo schema apre nei fatti alla trasformazione in Fondo Monetario Europeo come previsto nel Piano Juncker. Questo significa risorse in cambio di riforme strutturali. Quali riforme strutturali? Quelle decise a Bruxelles. In conferenza stampa, il Presidente dell’Eurogruppo, il portoghese Mario Centeno, non si è nascosto dietro la proverbiale foglia di fico: “Abbiamo concordato di rafforzare il ruolo dell’Esm per essere in condizione di prevenire crisi nell’area euro e sviluppare capacità di intervento e risoluzione”. Pezzulli osserva: “ovviamente, non c’è nulla di sbagliato nella disciplina fiscale e c’è chi ne ha un disperato bisogno; tuttavia un conto è programmarla un conto è subirla senza saper incidere sui processi di formazione della politica comunitaria nelle sedi deputate”. Secondo le nuove norme, l’Esm potrà erogare linee di credito precauzionali, cioè fondi d’emergenza, agli Stati membri in temporanea difficoltà sui mercati dei capitali a condizione che essi rispettino i vincoli del Fiscal Compact. Cioè proprio quei vincoli, al centro del dibattito politico interno, sui quali l’Italia intende ottenere flessibilità. Vengono inoltre introdotte le “single-limb cacs”. Tutto il debito pubblico emesso nell’Eurozona a far data dal 2013 già contiene  clausole di azione collettiva, che permettono allo Stato emittente di negoziare con gli investitori di maggioranza la ristrutturazione di una tranche di debito anche contro la volontà degli investitori di minoranza. Le single-limb cacs ora prevederanno l’aggregazione del debito in maniera tale che una singola decisione di ristrutturazione si estende a tutto il circolante. Evidentemente, la nuova formulazione serve per imporre disciplina ai Governi “dissoluti” aumentando l’austerità delle politiche di bilancio. Poiché Cipro, Irlanda, Portogallo e Spagna sono economie ormai saldamente risanate dopo l’intervento dell’Esm seguito alla recessione globale, tanto fermento risponde a timori di shock nella zona Euro se le tensioni sul bilancio in Italia dovessero peggiorare. Juncker ha evidentemente deciso di giocare d’anticipo.

Il documento dell’Eurogruppo è all’ordine del giorno del Consiglio Europeo del 14 Dicembre per l’approvazione all’interno del pacchetto di riforma dell’unione economica e monetaria.

Mentre la tempesta incombe, il barometro a Roma segna bonaccia.

Commenti
    Tags:
    esmfondo salva statifondo monetario europeo
    i più visti
    in evidenza
    Lady Gaga cade giù dal palco Germanotta tonfo! FOTO-VIDEO

    Incidente allo show di Las Vegas

    Lady Gaga cade giù dal palco
    Germanotta tonfo! FOTO-VIDEO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    On Air la nuova campagna a 360 gradi di Opel Grandland X Hybrid4

    On Air la nuova campagna a 360 gradi di Opel Grandland X Hybrid4

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.