A- A+
Economia
Euro sopra quota 1,21 dollari: chi ci perde e chi ci guadagna

L'euro sale al top da tre anni sopra 1,21 dollari, sulla scia dell'accordo di governo in Germania. La moneta europea passa di mano a 1,2030 dollari, dopo essere schizzata fino a 1,2148 dollari, il massimo dal dicembre 2014. In Germania Cdu e Spd hanno trovato un accordo di principio per formare un governo di coalizione. Euro/yen a 135,29. Dollaro/yen sale a 111,52.

 

I VANTAGGI

- Viaggi all'estero piu' convenienti. Per il turista che si reca in un Paese straniero, in particolare negli Usa, l'euro forte consente un cambio piu' vantaggioso e da' piu' potere d'acquisto, non solo nello shopping, ma in tutte le forme di pagamento: dagli hotel, ai ristoranti, alle spese per i trasporti.

- Prezzo benzina tende a calare. Il costo dei carburanti, al netto delle tasse, tende a diminuire, o quantomeno a stabilizzarsi.

- Bollette energetiche piu' basse. I beni di importazione, a partire da quelli energetici, costano meno e quindi e' previsto un risparmio nella bolletta energetica, anche se gli aggiustamenti dei prezzi non sono automatici e quindi i vantaggi per le nostre tasche si faranno sentire a scoppio ritardato.

- Mutui e prestiti meno cari. L'euro forte non impedira' il tapering della Bce, ma probabilmente lo rallentera'. Inoltre spingera' la Bce a mantenere a lungo i tassi di interesse all'attuale livello, cioe' quasi a zero. Questo consentira' di tenere bassi i tassi sui mutui e sui prestiti.

- Importazioni favorite. Le aziende potranno comprare a costi piu' contenuti beni e soprattutto materie prime dall'estero, abbassando costi di produzione.

GLI SVANTAGGI

- Export penalizzato. Le aziende che esportano, quindi in teoria tutto il made in Italy, saranno svantaggiate perche' le merci prezzate in euro avranno un valore piu' alto rispetto a quelle in dollari o in altre valute, perdendo competitivita'. La penalizzazione sara' tanto piu' forte per quei prodotti i quali, piu' che sulla qualita', puntano sulla convenienza di prezzo. - Borse, penalizzate aziende export. Il super euro penalizza le aziende quotate specializzate in export e quindi in particolare la Borsa di Milano, in cui il peso di queste aziende e' molto forte.

- Costi bancari tendono a salire. I bassi tassi di interesse, che l'euro forte tende a mantenere, indeboliscono i profitti delle banche, le quali, per rifarsi, aumentano i costi de loro servizi.

- Rischio calo turisti in Italia. L'alto tasso di cambio dell'euro non incoraggia l'afflusso di turisti, specie quelli Usa, che potrebbero preferire mete in cui il dollaro ha piu' valore.

- La trappola dei prezzi troppo bassi. Draghi l'ha detto chiaro: l'euro forte e' una "fonte di incertezza" per le sue implicazioni a medio termine sull'outlook dell'inflazione dell'Eurozona. In pratica, non favorisce un aumento dei prezzi, li mantiene bassi troppo a lungo. In questo caso, il vantaggio a breve per i consumatori si tramuta in uno svantaggio a medio e lungo termine, poiche' crea instabilita' e incertezza, a danno della crescita dell'economia e dell'occupazione.

Tags:
eurodollarocambi
in vetrina
Young Boys-Juventus. Dybala, gol annullato per 'colpa' di Cristiano Ronaldo

Young Boys-Juventus. Dybala, gol annullato per 'colpa' di Cristiano Ronaldo

i più visti
in evidenza
L'Alta Velocità festeggia 10 anni Ecco lo spot Saatchi&Saatchi

Costume

L'Alta Velocità festeggia 10 anni
Ecco lo spot Saatchi&Saatchi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Kia presenta la Niro-E 100% elettrica

Kia presenta la Niro-E 100% elettrica

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.