A- A+
Economia
Evasione fiscale: in Italia meno evasione che in Germania ma nessuno ne parla
Advertisement

Lo sport del momento, più un voga tra i leader europei, è quello di insultare gli italiani gonfiando notizie vere solo parzialmente. Lo è ciclicamente anche per il tema dell'evasione fiscale, che tornerà presto ad essere centrale nel dibattito pubblico con il nuovo progetto di tassazione (la Flat tax) che ha in programma il neonato governo M5S-Lega. 

L'evasione fiscale è da decenni il cavallo di battaglia della sinistra, per la quale l'Italia ha tanti problemi ma in primis questo cancro, causa di tutti mali. Se guardiamo però i dati scopriamo, complici anche i media mainstream, che in altri Paesi come la Germania, faro della rigidità e del rispetto dello Stato, si evade ben di più.

E' di 351 miliardi di euro l'economia sommersa che in Germania sfugge a qualsiasi tipo di controllo, per un danno all'erario di circa 65 miliardi di euro. Quella italiana sarebbe dai 240 ai 333 miliardi di euro.

L'Institut der deutschen Wirtschaft (l’istituto per l’Economia tedesca) di Colonia ha reso noti i dati del 2017 come fa ogni anno. Sono dai 9 agli 11 milioni i tedeschi che lavorano occasionalmente "in nero" e 2 milioni e mezzo esclusivamente "in nero", in molti casi per non perdere sussidi e aiuti destinati ai disoccupati.

Ne dibatte da settimane l'importante quotidiano tedesco Die Welt eppure sembra che la notizia non possa varcare il confine italiano. Tra i media mainstream del Belpaese occorre continuare a battere il martello su questo cavallo di battaglia: i lavoratori in nero per antonomasia siamo noi, evasori nel sangue.

Gli “invisibili” tedeschi fanno lavori di ogni tipo: operai nelle costruzioni, artigiani, infermieri, donne delle pulizie, collaboratori domestici, imbianchini, aiutanti del meccanico o della parrucchiera di turno. L'economia tedesca cresce e con essa il nero. Se è fisiologico che cresca nelle piccole attività in cui per sopravvivenza il singolo sottrae denaro alla tassazione imponente dello Stato, il boom più diffuso è nell'edilizia, dove soprattutto bande criminali hanno preso il sopravvento nella gestione dei grandi appalti. Secondo i ricercatori tedeschi gli stessi gruppi si occupano anche di tratta di esseri umani, traffico di armi e prostituzione.

La rigidità e il “rispetto” tedesco, famoso nel mondo, sembra che valga solo per gli altri.

L'economista ed esperto proprio di sommerso Friedrich Schneider definisce “il nero” come un meccanismo diffuso che però cambia aspetto nel profondo se è esercitato dal singolo o da bande criminali. Per molti in Germania però “il nero” è un lubrificante per l'economia. Molti esercizi chiuderebbero se dovessero pagare i collaboratori in modo regolare. E nel dibattito pubblico impazzano le domande tipiche: Quante famiglie potrebbero permettersi la badante per la nonna o il padre se dovessero versare i contributi? L'anziano verrebbe affidato all'assistenza pubblica e costerebbero allo Stato molto di più. E poi, quante donne sarebbero disposte a svolgere un lavoro pesante se dovessero pagare le tasse?

“La doppia morale dei tedeschi”, era il titolo di Frankfurter Allgemeine Zeitung (Faz) un anno fa.

Il quotidiano di Francoforte accusava i tedeschi di essere rei di adottare due pesi e due misure, rigidi con gli altri Paesi e flessibili con sé stessi. Per il giornale tedesco sarebbe addirittura una quota tra il 75% e l’83% il totale delle famiglie che si avvalgono di lavoro domestico non regolarizzato, quota che rappresenta un 15-20% del totale del lavoro in nero. Un “nero” da economia ricca e florida. Niente a che fare con chi cerca solo di sopravvivere nel sommerso, finito nel precariato a vita o addirittura diventato vittima dei meccanismi di prestito o degli usurai. E' davvero impressionante il numero di italiani ridotti alle soglie della povertà assoluta, triplicati in 10 anni: 4,7 milioni di cittadini.

Ma se mettiamo a confronto il rapporto tra economia sommersa e Pil il dato si fa più critico per l'Italia. Se le stime ci attribuissero un'economia sommersa con il valore massimo di 333 miliardi di euro, il rapporto sarebbe il 21% sul Pil, mentre per la Germania i 351 miliardi sono solo il 13% sul loro Pil. Il rapporto vale però solo se consideriamo il nostro valore massimo (333 miliardi).

Tags:
evasione fiscaleevasione fiscale germaniaevasione fiscale italiatedeschi evasori

i più visti
in evidenza
Dalla Nigeria a stella dell'Italia Egonu super: 45 punti con la Cina

Mondiali di Volley, Italia in finale

Dalla Nigeria a stella dell'Italia
Egonu super: 45 punti con la Cina

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
F1 Texas, Hamilton anche nelle libere 2

F1 Texas, Hamilton anche nelle libere 2

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.