A- A+
Economia
Ex calciatori a rischio povertà. Colpa degli investimenti sbagliati

Sei ex calciatori italiani su dieci sono a rischio povertà. Difficile da credere, perché il mondo del calcio viene associato a stipendi con molti zeri, ville e auto di lusso. Ma i dati portati alla luce da Guglielmo Stendardo, ex grintoso difensore di Lazio e Atalanta, oggi avvocato e docente di diritto sportivo alla Luiss, lasciano pochi dubbi.

GRAVE LA SITUAZIONE ITALIANA
In un’intervista a Leggo, Stendardo si concentra in particolare sull’Italia. Nel nostro Paese la situazione degli ex calciatori è ancora più grave rispetto al resto d’Europa, dove il rischio di vivere al di sotto della soglia di povertà riguarda 4 professionisti su 10 a cinque anni dal ritiro.

MIRAGGIO CRISTIANO RONALDO
Scarsa istruzione e investimenti finanziari sbagliati. Sono questi i due motivi principali all’origine dei problemi economici dei calciatori di Serie A, Serie B e Prima Divisione dopo il ritiro. Perché la maggior parte di loro – come gli altri comuni mortali – possono solo sognare i 30 milioni di euro netti di ingaggio di Cristiano Ronaldo e si devono accontentare di cifre molto più modeste.

PENSARE AL DOPO RITIRO
Solo il 10% dei circa 3000 calciatori professionisti italiani, sottolinea Stendardo, guadagna una cifra che può permette di non lavorare dopo il ritiro. Tutti gli altri, e farebbero bene a farlo durante la carriera, devono pensare a un lavoro da fare quando i riflettori dello stadio si spegneranno per sempre.

7 SU 10 SI FERMANO IN TERZA MEDIA
L’istruzione carente è forse l’ostacolo più grande. Se si escludono casi rari come lo stesso Stendardo o Chiellini (laureato in economia con una tesi, ovviamente, sul business model della Juventus), la laurea resta un tabù per i giocatori di calcio. “Non è possibile che il 70% dei nostri calciatori abbia la terza media – spiega l’avvocato Stendardo – perché il giovane calciatore tende a trascurare l’istruzione”.

TENORE DI VITA ELEVATO
La tendenza ad avere un tenore di vita elevato durante gli anni di attività non aiuta, perché il ridimensionamento è complicato “e lì iniziano i disastri”. Per ovviare a questo rischio, Stendardo propone la creazione di un fondo di accantonamento per almeno 5 anni e la creazione di polizze che offrano rendite vitalizie per gli atleti.

INVESTIMENTI SBAGLIATI
Ma uno dei problemi principali riguarda la mancanza di educazione finanziaria che accomuna i calciatori, in questo caso senza distinzioni tra campionissimi e pedatori di serie minori. Anche un paio di Palloni d’Oro sono incappati in seri problemi finanziari per investimenti sbagliati o sciatteria. E’ il caso di Ronaldinho, che nel 2015 ha visto lievitare una multa fino a 2 milioni di euro, mentre il Divin Codino Roberto Baggio ci ha rimesso 7 miliardi di lire (parliamo del 1996) per una truffa orchestrata da alcuni promoter. O ancora il caso di Gigi Buffon, che qualche anno fa ha investito nell’azienda tessile Zucchi finendo col perdere circa 8 milioni di euro.

RIVOLUZIONE CULTURALE
“In troppi trascurano le più elementari regole degli investimenti – conclude Stendardo – Spesso sono errori grossolani di valutazione, ma di frequente sono anche scelte di manager e agenti senza scrupoli che non fanno gli interessi dei giocatori ma li conducono a rovine finanziarie. Serve rispetto delle regole e onestà nell’affrontare i problemi. Ma, soprattutto, serve una rivoluzione culturale in questo sport”.

Da: FinanciaLounge

Loading...
Commenti
    Tags:
    ex calciatoripovertàinvestimenti
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Trump a ruota libera su Macron "E' un rompi... ed è anche basso"

    Esteri

    Trump a ruota libera su Macron
    "E' un rompi... ed è anche basso"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lo sportivo GLA completa la gamma suv di casa Mercedes

    Lo sportivo GLA completa la gamma suv di casa Mercedes

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.