A- A+
Economia
Fca. scorporo di Marelli-Alfa-Maserati. Agnelli, futuro in stile De Agostini

di Luca Spoldi

"The trend is your friend" (la tendenza è tua amica, ndr), dicono i broker americani: così anche Goldman Sachs si accoda al trend di rivalutazione del titolo Fiat Chrysler Automobiles portando la raccomandazione a “buy” e il target price (prezzo obiettivo in Borsa, ndr) da 19,2 a 25,9 euro/30,1 dollari per azione. La Borsa, già eccitata dalla prospettiva di offerte cinesi per uno o più asset del gruppo, ha apprezzato, tanto che il titolo oggi guadagna circa un altro 2% circa superando i 12,6 euro per azione. Un trend rialzista che ha portato il titolo su livelli doppi rispetto a quelli di 12 mesi or sono e che ha registrato un’accelerazione nel corso degli ultimi tre mesi, in cui il guadagno ha superato il 33% (grazie in particolare al +25% segnato in agosto), proprio a seguito del possibile “spezzatino” futuro.

Un’ipotesi che per il momento nessuno conferma, ma su cui il mercato specula da tempo. Del resto basta un confronto con i più diretti concorrenti per rendersi conto della sempre più ardua sfida che Sergio Marchionne e il suo futuro successore avrebbero davanti se gli eredi Agnelli volessero cercare di far proseguire la storia del costruttore di Torino in ottica “stand alone”: l’acciaccata Volkswagen, per dire, vuole ridurre gli investimenti (“capex”) dal 6,9% delle vendite di fine 2016 al 6% dal 2020 al 2025, contando di vederli già calare al 6,6% entro fine anno. Anche così visto che nel 2016 il gruppo tedesco ha registrato ricavi complessivi per oltre 217 miliardi e che conta di incrementare la cifra di un 20% entro il 2020, significa che verranno investiti mediamente ogni anno oltre 12 miliardi di euro (un miliardo al mese abbondante).

fiat elkann
 

Fca, dal canto suo, ha investito lo scorso anno poco più di 8,8 miliardi ma dovrebbe vedere tale cifra ridursi a 6,5 miliardi già il prossimo anno. Sempre il gruppo tedesco nel 2015 poteva contare per le attività automobilistiche su una liquidità di 24,5 miliardi, saliti a 27,2 miliardi lo scorso anno e se quest’anno tale liquidità dovrebbe servire in gran parte a compensare i costi legati allo scandalo “dieselgate”, già dall’anno prossimo si prevede che la cassa possa tornare ad oltre 20 miliardi. Fca, dal canto suo ha chiuso l’anno passato con poco più di 17,3 miliardi di euro di cassa e assimilabili, in buona parte reperita facendo ricorso a emissioni obbligazionarie il cui peso secondo Morningstar è ormai attorno ai 21,87 miliardi, contro i 22,67 miliardi di capitale azionario. Come dire che, salvo insperati “colpi di fortuna” per Marchionne e chi gli succederà, sarà sempre più difficile tenere il passo, anche se gli esperti di Goldman Sachs prevedono che nei prossimi 18 mesi il gruppo italiano potrà registrare flussi di cassa (free cash flow) per circa 7,5 miliardi.

trump marchionne ape
 

Per estrarre ulteriore valore Marchionne dovrà fare leva sugli scorpori (e successive cessioni) di Magneti Marelli e Comau ed eventualmente su uno scorporo anche di quanto è rimasto del polo del lusso, ossia Maserati e Alfa Romeo. In questo modo oltre ad incassare potenzialmente sino a 12 miliardi, Marchionne metterebbe a nudo il “nocciolo duro” delle attività auto del gruppo (Jeep e Ram, che già oggi pesano per l’80% del risultato operativo), che così potrà risultare più appetibile ad eventuali nuovi partner industriali. A questo punto il mercato s'interroga: John Elkann e gli altri eredi Agnelli cosa faranno una volta avviato il processo di progressivo scorporo e cessione di attività “non core” e, per ultimo, individuato il partner con cui far convolare a giuste nozze quel che rimarrà del produttore automobilistico italo-statunitense?

Chi segue il titolo Fca spiega che la risposta può essere indovinata osservando le mosse di Exor: un tempo cassaforte del controllo di Fiat Auto, che rappresentava la principale partecipazione della holding, a fine giugno Exor poteva contare su un patrimonio netto di oltre 17,2 miliardi di euro, avendo acquistato un ulteriore 2,47% di Welltec (di cui possiede ormai il 16,19% del capitale) e dopo aver ricevuto il 4,28% di Gedi Gruppo Editoriale a seguito del completamento dello scorporo di Gedi (in cui sono confluite le attività di Itedi) da Fca, ha acquistato un ulteriore 1,71% di capitale della holding cui fanno capo La Stampa, L’Espresso-Repubblica, Il Secolo XIX e i giornali locali Finegil, oltre al 49% di Huffington Post Italia, alle emittenti radiofoniche Capital e Dee Jay e alle agenzie pubblicitarie Manzoni Advertising e PK.

(Segue...)

Tags:
fcaagnelliexorfiat chryslermagneti marellialfaferrarisergio marchionnejohn elkann

in vetrina
Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

Michelle Obama posa in look afro. Da Barack dedica d'amore per il suo libro

i più visti
in evidenza
Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

Siamo il secondo paese al mondo

Tre stelle a Mauro Uliassi
E' il decimo chef in Italia

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.