Fiat-Opel, Cremaschi (Fiom) ad Affari: "Gli Agnelli si preparano a vendere"

Martedì, 5 maggio 2009 - 20:05:00



Giorgio Cremaschi (Fiom)

Altolà dei sindacati tedeschi sua Fiat-Opel: troppi tagli. Intanto, secondo un documento del governo tedesco Torino dovrebbe sottostare a 14 regole su quartier generale, tasse e concertazione. Marchionne assicura: "Qualche taglio al personale, ma tutti gli stabilimenti resteranno aperti". E rilancia: interessati anche alle attività Gm in America Latina (vedi box). Anche i sindacati italiani protestano. Per il segretario nazionale della Fiom Giorgio Cremaschi, intervistato da Affari, "con lo spin-off, gli Agnelli si preparano a vendere l'auto. Sarà un massacro sociale".


L'INTERVISTA

LO SPECIALE DI AFFARI

Fiat-Opel/ I sindacati tedeschi frenano

Fiat/ L'accordo con Chrysler e Opel? Per gli analisti non è un affare. Ecco perché

Fiat/ Rumors: Banca Ifis verso un istituto di credito tedesco

Fiat/ Marchionne ora vuole Opel. Vola il titolo

Fiat/ Chrysler stima perdite 2009 a 4,7 mld di dollari

Fiat-Opel/ Marchionne convince il Tremonti tedesco. Il Lingotto: non sborseremo un euro

Immatricolazioni/ Per Fiat calo del 3% ad aprile

Portafoglio Fiat/ La borsa sogna lo spin off dell’auto, ma a questi prezzi potrebbe essere meglio vendere il titolo. Per gli analisti...

Futuro Fiat/ Per Marchionne, dopo la firma con Chrysler, inizia la vera sfida

A conti fatti/ Chrysler+Opel: un’operazione a costo zero per Fiat?

Marchionne sta facendo dei passi avanti nella trattativa per l'acquisizione di Opel. Quali saranno le conseguenze per gli stabilimenti italiani di Fiat della creazione di un nuovo colosso dell'auto?
"Siamo molto preoccupati. Preoccupazioni che, dopo la vicenda Chrysler, la possibile acquisizione del marchio tedesco ha acuito".

Perché?
"Per tre ragioni".

Quali?
"La prima è che si parla di scorporo dell'auto da Fiat".

E perché giudica in maniera negativa lo spin off ?
"Perché vuol dire che l'Italia si prepara a vendere l'automobile all'estero. Questa è la sostanza dell'operazione Fiat-Chrysler-Opel. Nessuno conosce il nome di chi controllerà il nuovo assetto azionario che nascerà dal grande merger".

Gli Agnelli, anche se diluiranno la loro partecipazione. Il vicepresidente John Elkann ha dato carta bianca a Marchionne...
"Non è vero. Chi l'ha detto? L'unione di Fiat-Chrysler ed Opel è un'operazione che può andar benissimo solo per Marchionne e per la famiglia Agnelli. Malissimo per i lavoratori".

Perché?
"Marchionne potrà diventare un dirigente di un grande gruppo internazionale dell'auto. Gli Agnelli potranno incassare una lauta plusvalenza di Borsa dalla vendita del loro pacchetto dopo che le azioni saliranno. Mentre gli stabilimenti italiani andranno incontro a un massacro sociale. Noi sindacati siamo sempre stati contro lo scorporo dell'auto dal gruppo Fiat". 

Lo spin-off, poi, è sempre stata una vecchia idea degli Agnelli...
"Esatto. Venne fuori anche durante il periodo della partnership di Torino con General Motors. Già lì ci opponemmo, perché in Italia si producono troppo poche automobili. Quindi, c'è il rischio che la produzione delle quattroruote sparisca dall'Italia".

Quindi, l'accordo a tre fra Fiat, Chrysler e Opel e lo spin off dell'auto rappresentano il primo passo degli Agnelli per la vendita dell'auto...
"Assolutamente sì".

Ha detto che sono tre le rarioni della sua preoccupazione. La seconda e la terza?
"Marchionne ha appena promesso che non chiuderà nemmeno uno stabilimento in Germania, ma che licenzierà solo alcuni lavoratori. Sottolineo che sulla situazione italiana non ha ancora espresso alcun giudizio. Marchionne sta facendo prima la trattativa con gli americani e i tedeschi e solo in un secondo momento la farà con gli italiani. Siamo in una situazione di totale sospensione. Non sappiamo assolutamente nulla. Mentre Pomigliano è completamente chiuso, i lavoratori Fiat lavorano in media due settimane al mese e la cassa integrazione imperversa sugli stabilimenti Fiat. E' scandaloso che si diano garanzie prima all'estero e poi all'Italia".

0 mi piace, 0 non mi piace



Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA