A- A+
Economia
Giovani e sussidiarietà, una scelta per il Mezzogiorno e per l'intero Paese

Investire sui giovani del Mezzogiorno e sul capitale umano. E’ questa la strada indicata dal Rapporto Sussidiarietà e giovani al Sud a cura della Fondazione sulla Sussidiarietà, a cura di Alberto Brugnoli e Paola Garrone, che sarà presentato questo fine settimana a Napoli. Il Rapporto propone una fotografia del meridione dal punto di vista sociale, economico e istituzionale, letta attraverso una domanda di fondo: cosa serve ai giovani affinché possano essere pienamente artefici del proprio futuro e dello sviluppo dei luoghi ai quali appartengono? Affaritaliani ha chiesto a Carlo Lauro, emerito di Statistica presso il Dipartimento di Scienze economiche della Federico II di Napoli, di anticipare alcune delle opzioni di fondo che scaturiscono dall’indagine.

Professore, l’indagine rileva che al Sud occorre puntare sui giovani. Ma come? “Il Rapporto rileva innanzitutto che, per perseguire adeguatamente questa opzione, occorre una scossa, un cambiamento del punto di vista: il Sud visto non più come periferia, bensì, secondo un’intuizione secolare e un dato geografico, come centro. In particolare, il centro di una delle aree di maggiore interesse al mondo, il bacino del Mediterraneo. Insieme a questo cambiamento del punto di vista, occorre però anche un radicale mutamento del modello di sviluppo nel segno della sostenibilità, sussidiarietà, facendo leva su “attori sistemici”, cioè soggetti capaci di catalizzare intorno a sé altri attori -pubblici, privati, profit e non profit- nei diversi settori e livelli di governance, nell’interesse dell’intero sistema. Se è questa la strada per un Mezzogiorno protagonista, ne deriverà un beneficio per tutto il Paese”.

La principale emergenza sociale resta comunque l’occupazione. Ci sono dei segnali positivi? “Nel terzo trimestre del 2017, l’occupazione nel Mezzogiorno ha registrato l’incremento di 108.600 unità lavorative in più rispetto al medesimo trimestre del 2016, ma si tratta di un dato ancora al di sotto del picco ante crisi quando il tasso di occupazione (20-64 anni) era pari al 44,8%, ben lontano tuttavia da quello del Centro Italia (63,2%) e del Nord (66,8%). Seppure in discesa oggi, il tasso di disoccupazione è al 17,9% che è decisamente superiore a quello del Nord Italia (10,6%) e ben lontano dalla percentuale media dell’Ue a 28 (7,5%). Il tasso di occupazione giovanile è invece pari al 46,6%, mentre i Neet rappresentano il 60% del totale nazionale”.

Quali interventi sostenuti nel Rapporto potrebbero adottare per ridurre questa emergenza sociale? “Sostenendo le famiglie nella fase pre-natale e in fase neo-natale; favorendo le opportunità occupazionali per i cittadini italiani ed i migranti attraverso la rete dei centri per l’impiego; avviando processi d’inserimento attraverso la formazione permanente; rafforzando le competenze di base”.

Quali attori dovrebbero contribuire a tutto questo? “Innanzitutto quelli che possono esprimere una visione e mobilitare risorse finanziarie con nuove modalità di gestione, dal governo nazionale a quelli regionali. Poli l’Unione europea che non può non riconoscere il Mezzogiorno come sua punta avanzata nel Mediterraneo”.

Ed i settori sui quali intervenire? “In primis sul sistema imprenditoriale integrando le imprese con i poli di eccellenza laddove ci sono, come la chimica e l’aerospazio, e incrementando l’export delle produzioni tradizionali e quelle a più elevato contenuto tecnologico. Infine, rafforzando le potenzialità del Sud dal punto di vista turistico. Nonostante negli ultimi anni la crescita del turismo sia stata costante, le presenze straniere (1/3 del totale nazionale) indicano ancora opportunità non adeguatamente sfruttate”.

Tags:
meridioneoccupazioneneetlavoro agile imprese

in vetrina
Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

Berlusconi prende tutto il Monza. Lui e Galliani pensano a Brocchi. I dettagli

i più visti
in evidenza
Gf Vip 3 cast, colpo di scena Annunciati 2 nuovi concorrenti

Spettacoli

Gf Vip 3 cast, colpo di scena
Annunciati 2 nuovi concorrenti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ferrari Monza SP1 e SP2, il nuovo concetto di serie speciale

Ferrari Monza SP1 e SP2, il nuovo concetto di serie speciale

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.