A- A+
Economia
Mes-fondo salva Stati, governo ancora diviso: deciderà il Parlamento

Mes-fondo salva Stati: Gualtieri difende l'accordo e si prepara a negoziare con l'Unione Europea. Scontro con M5s. A decidere sarà il Parlamento

Deciderà il Parlamento: il governo ancora diviso sulla riforma del meccanismo di stabilità europeo. Il Pd con il ministro dell'Economia Gualtieri a difendere l'accordo sul fondo salva stati, pronto a negoziare all'Eurogruppo per migliorare l'intesa, mentre il Movimento 5 stelle con Di Maio in testa, intenzionato a mantenere la posizione. E' questo in sintesi l'esito del vertice tenutosi a palazzo Chigi e durato circa tre ore. Mandato al responsabile di via XX settembre per negoziare all'Eurogruppo del 4 dicembre secondo una logica complessiva, che comprenda delle modifiche sui punti sul tavolo. ​"Il Governo affrontera' il negoziato riguardante l'Unione Economica e Monetaria (completamento della riforma del Mes, strumento di bilancio per la competitivita' e la convergenza e definizione della road map sull'unione bancaria) seguendo una logica di "pacchetto", hanno spiegato fonti di governo. 

Anche nel vertice si sono fronteggiate le due tesi riguardo al Mes con il Pd che alla fine ha sottolineato come non si sia parlato di rinvio della firma dell'accordo e che a decidere poi sara' proprio il Parlamento. E nell'esecutivo si guarda proprio alla data in cui si pronunceranno le Camere. Visto che nel Movimento 5 stelle i gruppi parlamentari non sono propensi a dare il via libera al Mes che - ha spiegato lo stesso Renzi - "avvantaggia le banche tedesche". Lo stesso Di Maio, uscendo da palazzo Chigi, ha ricordato l'appuntamento del 10 dicembre "quando il presidente del Consiglio verra' a riferire e il Parlamento dovra' approvare una risoluzione". In quell'occasione, se non si ricompattera' la maggioranza, c'e' il rischio di una frattura tra Pd e M5s. Mentre Italia viva si e' chiamata fuori, disertando l'incontro e spiegando che "si devono mettere d'accordo tra di loro". ​"C'e' stato un confronto civile, costruttivo. E' chiaro che ci sono opinioni diverse", ha riferito il ministro degli Esteri e capo delegazione dei pentastellati al governo. "Devono cambiare molte cose", la posizione M5s.

Nessuna luce verde al Mes, quindi. "Finchè tutto il pacchetto di riforma "non sarà chiaro è evidente che non si può chiudere nessun negoziato". Tra poche ore sara' il presidente del Consiglio a riferire della questione, prima alla Camera e poi al Senato. Con Salvini pronto ad attaccare il premier.

La maggioranza intanto e' alla ricerca di un'intesa anche sulle norme legate al dl fisco sull'inasprimento del carcere per i grandi evasori. Altra mina per la maggioranza la riforma della prescrizione che entrera' in vigore il 1 gennaio. Renzi e' 'tranchant': "Condivido pienamente la proposta" dell'esponente di Forza Italia Costa che intende fermare la riforma, ha spiegato il leader di Italia viva, "con la prescrizione 'mai' non e' civile, tu hai diritto ad essere condannato alla fine dei tre gradi di giudizio".

"In vista della prossima riunione dell’Eurogruppo del 4 dicembre 2019 - spiegano fonti di palazzo Chigi - il Governo affronterà il negoziato riguardante l’Unione Economica e Monetaria (completamento della riforma del Mes, strumento di bilancio per la competitività e la convergenza e definizione della roadmap sull’unione bancaria) seguendo una logica di “pacchetto“. Ogni decisione diventerà in ogni caso definitiva solo dopo che il Parlamento si sarà pronunciato a partire dalle risoluzioni che saranno approvate l’11 dicembre, in occasione delle comunicazioni che il Presidente del Consiglio renderà in vista del prossimo Consiglio Europeo. Tutto questo in linea con i punti 12) e 13) della risoluzione del Parlamento approvata il 12 giugno 2019".

Loading...
Commenti
    Tags:
    mesfondo salva statimes fondo salva stati riformafondo salva stati viscofondo salva stati contefondo salva stati salvinicontegualtieridi maiopditalia vivames renzimes conteunione europeames gualtieri
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    CAST, c'è la sensuale Paola Nove nomi per la Casa. Gallery

    GRANDE FRATELLO VIP NEWS

    CAST, c'è la sensuale Paola
    Nove nomi per la Casa. Gallery


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La “Coscienza” di ACI per la Cultura della Guida #GUIDACONCOSCIENZA

    La “Coscienza” di ACI per la Cultura della Guida #GUIDACONCOSCIENZA

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.