A- A+
Economia
Gualtieri apre agli investimenti. "Manovra restrittiva? Controproducente"

"E' ovvio che questo Governo si batte all'interno delle regole, che comprendono anche ilpieno uso della flessibilita' come chiesto da alcuni gruppi politici e come detto dalla presidente Von der Leyen": lo ha detto il ministrodell'economia Roberto Gualtieri rispondendo a chi gli chiede se per lamanovra 2020 bastera' la flessibilita' gia' prevista dalle regoleattuali. "C'e' poi il dibattito sulle regole, ma sono due questionidistinte e come tali vanno trattate" Ai miei colleghi "ho detto che una manovra restrittiva sarebbe controproducente e stiamo lavorando per collocarla nel quadro di una più generale e appropriata 'fiscal stance' dell'area euro": lo ha detto il ministro dell'economia Roberto Gualtieri al termine dell'Ecofin.

Il neo titolare delle Finanze è al secondo giorno di incontri europei. Ieri il debutto è arrivato con l'Eurogruppo, dal quale Gualtieri si è unito alla coalizione dei ministri delle finanze per la lotta al cambiamento climatico, da cui l'Italia era fuori finora, ha ribadito a Bruxelles l'impegno a rispettare le regole con la manovra 2020, si è impegnato con il collega tedesco Olaf Scholz ad approvare la Tobin tax entro ottobre. Immediata l'intesa con i colleghi esteri, visto il ruolo svolto da Gualtieri nel Parlamento europeo che l'ha reso conosciuto ai più. Non a caso è arrivato il sollievo dell'Ue per la ritrovata vena europeista del Conte bis e una sorta di apertura alla richiesta di flessibilità, che l'Italia sta già considerando.

Oggi, Gualtieri ha riferito che la Commissione europea ha confermato a Helsinki "la disponibilità ad approfondire forme per proteggere gli investimenti legati alle grandi priorità europee a partire dall'azione per il clima". Proprio riuscire a spuntare flessibilità sul 'geen new deal' dell'accordo di governo Pd-M5s è uno degli obiettivi di Roma verso la prossima Manovra.

A Helsinki non è decollato, invece, il discorso sulla modifica delle regole del Patto: la Francia frena, perché non vuole riaprire il vaso di Pandora. Comune invece l'insistenza - sulla Germania in primis - perché spenda riducendo il surplus, già sottolineata da Draghi. Il primo, ieri, è stato il ministro francese Bruno Le Maire, seguito dal vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis, e dal presidente dell'Eurogruppo Mario Centeno. Il messaggio è chiaro: "C'è preoccupazione per un rallentamento globale della crescita, la politica monetaria non può fare tutto da sola. Chiediamo a chi ha spazio di bilancio di investire, e a chi deve rafforzarsi di fare le riforme", ha detto Dombrovskis. La necessità di investire per crescere è un tema che torna anche nei numerosi bilaterali che Gualtieri ha avuto a margine delle riunioni. Con i colleghi francese e tedesco e con il vicepresidente della Commissione Ue. Assieme a Scholz dà nuovo slancio anche alla Tobin tax, dandosi l'Ecofin di ottobre come scadenza per raggiungere un accordo, bloccato da molti anni.

Quanto all'Italia, Dombrovskis ha detto: "Su flessibilità specifiche dobbiamo fare un'analisi approfondita, non posso trarre conclusioni ora, dipende in che stadio economico si trova l'Italia, cattivo, normale, buono, e questo sarà chiarito quando pubblicheremo le previsioni economiche", ha spiegato, dicendosi "incoraggiato" dal rispetto delle regole ribadito dall'italiano.

Commenti
    Tags:
    roberto gualtieriministro dell'economiaecofinmanovra finanziaria
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Wanda Nara sfida Belen Rodriguez Rondine vs la farfallina. FOTO

    Diletta, Blasi.. Gallery delle vip

    Wanda Nara sfida Belen Rodriguez
    Rondine vs la farfallina. FOTO


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Porsche Italia chiude un 2019 da record. vendite al +28%

    Porsche Italia chiude un 2019 da record. vendite al +28%

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.