A- A+
Economia
Il ministro Tria a Europa e mercati: "Abbiamo impegni da rispettare"
Foto IPA

Il ministro dell'Economia Giovanni Tria, nel penultimo giorno della sua visita ufficiale in Cina, ha trovato ad attenderlo il giudizio di Fitch sull'Italia. L'agenzia di rating non tocca il voto del Paese, BBB, ma abbassa le prospettive da "stabili" a "negative", citando il rischio che un governo diviso spinga fuori controllo i saldi di bilancio.

"Le agenzie, sia Fitch che Moody's, sospendono correttamente il giudizio in attesa di vedere i fatti - replica il ministro - nelle prossime settimane le dichiarazioni del governo si tradurranno in un programma ufficiale, in azioni, e credo che questo giudizio cambierà in positivo".

Il riferimento è agli appuntamenti che lo attendono al ritorno in Italia, la Nota di aggiornamento al Def a fine settembre, il documento che riassume gli impegni di bilancio per i prossimi anni, e poi subito dopo la legge di Stabilità. Il dubbio degli analisti e dei mercati, riflesso nell'impennata dello spread, è che Lega e 5Stelle provino a tirare la coperta dei saldi fuori dai parametri stabiliti dall'Europa per finanziare il loro faraonico programma elettorale: "Un'intesa nel governo è già stata trovata, corrisponde alle linee che sono state più volte espresse ufficialmente sia dal presidente del Consiglio che da me, in giugno e ad agosto al termine di una riunione con i due vicepresidenti (Salvini e Di Maio, ndr), e che delineano i confini di bilancio su cui si sta lavorando".

L'Italia dovrebbe quindi proseguire nel suo cammino di riduzione del debito pubblico. Ma è soprattutto sul deficit che andrà trovata una quadra, all'interno del governo e con l'Europa. Di Maio lo vorrebbe più vicino possibile alla soglia limite del 3% per avviare il reddito di cittadinanza, cioè lontanissimo dai precedenti impegni presi con Bruxelles per il 2019 (0,9%), mentre per il sottosegretario leghista Giorgetti il tetto si può anche sforare, se serve a mettere in sicurezza l'Italia.

Una flessibilità, come ribadito dal commissario europeo Pierre Moscovici, che l'Europa non potrà concedere. In un'intervista rilasciata al Sole24Ore proprio Moscovici ha elogiato Tria come un interlocutore serio e affidabile, marcando una esplicita distanza dagli altri esponenti del governo giallo-verde.

"Moscovici ha fatto riferimento a un rapporto di dialogo che non è mio personale, ma di tutto il governo", replica il ministro dell'Economia. "Ricordo che il mantenimento degli equilibri di bilancio non dipendono dal sì o dal no europeo ma dal rapporto con i mercati finanziari".

E qui Tria dettaglia: "Abbiamo impegni europei e vanno rispettati". Ma si tratta di impegni che ancor prima "dipendono dai rapporti con i mercati finanziari, che non è una dichiarazione astratta", argomenta come rispondendo alle teorie dei complottisti dello spread. "Il deficit significa chiedere prestiti e chiedere prestiti è anche una cosa legittima, ma bisogna trovare chi il prestito è disposto a darlo e a quali", precisa. L'essenza del problema è che così riassunta: "Se lei vuole comprare una casa, chiede un prestito. E chi dà un prestito si fida che lei possa ripagare le rate del mutuo. Ma se si chiede un prestito per andare al ristorante, è più complicato poi pagare le rate del mutuo". Tria tiene però il punto su questo: l'Italia non ha mai usato i soldi per gozzovigliare. "A volte", dice, "i mercati internazionali sono distratti. A volte leggono, invece di fare analisi attente. Guardano un pò i titoli sui giornali e pensano che in Italia ci sia la finanza allegra".

Commenti
    Tags:
    tria

    i più visti
    in evidenza
    Tre stelle a Mauro Uliassi E' il decimo chef in Italia

    Siamo il secondo paese al mondo

    Tre stelle a Mauro Uliassi
    E' il decimo chef in Italia

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.