Iliad, effetto su Tim: ricavi giù del 6%. Ma il low cost francese farà flop - Affaritaliani.it
A- A+
Economia
Iliad, effetto su Tim: ricavi giù del 6%. Ma il low cost francese farà flop

Si profilano due anni difficili per le compagnie italiane di tlc: la competizione nella telefonia mobile, scattata dopo l'ingresso nel mercato italiano della francese Iliad, finira' per pesare su ricavi dei principali operatori, ossia Wind-Tre, Telecom Italia e Vodafone. Questa e' la previsione dell'agenzia di rating Moody's, che mette in conto una frenata media del giro d'affari attorno al 4-6% per anno nel prossimo biennio.

'Le piu' grandi compagnie di tlc hanno dichiarato che non stanno pianificando un taglio delle tariffe dopo l'ingresso di Iliad. Ci sono pero' gia' state delle promozioni, soprattutto a livello di Giga, dopo l'ingresso della societa' francese', ha notato Moody's. A risentire maggiormente della concorrenza di Iliad sara' soprattutto Wind-Tre visto che opera in un segmento di clientela di fascia piu' bassa. Per contro Vodafone e Telecom operano in un segmento di qualita' piu' elevata.

In particolare Moody's prevede che Wind-Tre accusera' un calo dei ricavi dell'8-9%, con un giro d'affari che al 2019 si portera' attorno a 3,5 miliardi. Invece Telecom Italia e Vodafone registreranno un ribasso del giro d'affari del 4,5% all'anno fino al 2019. L'ebitda migliorera' al massimo dell'1% per Telecom e del 3-4% per Vodafone. Secondo Moody's, comunque, Iliad, anche se sta portando avanti una politica aggressiva, non cambiera' il mercato come ha fatto in Francia.

Moody's prevede infatti che Iliad conquistera' il 5-7% del mercato mobile italiano entro il 2020, ma non riuscira' a spingersi fino al 10%, proprio a causa del calo dei prezzi dei servizi. Inoltre Telecom e Vodafone potrebbero utilizzare la convergenza fisso-mobile per combattere la concorrenza di Iliad. Telecom, in particolare, aggiungono gli esperti della societa' di rating, e' in vantaggio visto che la compagnia e' l'unica che al momento in Italia vanta gia' un'integrazione fisso-mobile.

Intanto, Telecom Italia continua a perdere quota a Piazza Affari: i titoli segnano un calo dell'1,12%, attestandosi a 0,6 euro, livello minimo dal 2013. Ormai da inizio maggio le quotazioni della compagnia di tlc hanno lasciato sul parterre il 30% del proprio valore. E' scattato il conto alla rovescia per la pubblicazione dei conti del secondo trimestre, che saranno approvati dal cda che si riunira' martedi' prossimo. Gli investitori temono che i numeri risulteranno deludenti.

Alcuni broker, inoltre, consigliano cautela visto che la compagnia si trova ad affrontare sfide importanti come la concorrenza di Iliad, il 5g, proprio mentre il cda potrebbe essere poco coeso. Il board e' infatti espressione sia dell'azionista Vivendi, sia del fondo Elliott. Ad ogni modo solamente ieri gli analisti di Deutsche Bank hanno consigliato di acquistare le azioni di Telecom, per le quali hanno stimato un target di prezzo un target di prezzo a 1,29 euro.

'Riteniamo che il piano dell'amministratore delegato, Amos Genish, sia ancora supportato dal board - hanno spiegato gli esperti - Telecom potrebbe inoltre beneficiare della separazione della rete, di una eventuale aggregazione di questa con Open Fiber o della sua quotazione'. Gli esperti mettono inoltre in conto un miglioramento della regolamentazione sulle tlc, un miglioramento dei margini e una possibile conversione delle risparmio. Per gli esperti le azioni potrebbero risentire dell'attenzione sulla scena politica, l'asta sulle frequenze che si terra' a settembre e l'attesa per la trimestrale, prevista debole, oltre che della concorrenza di Iliad.

Sui conti, Deutsche Bank prevede che Telecom registrera' un calo del fatturato del 4,5% su base annua nel secondo trimestre, a 4,7 miliardi di euro. Il calo sara' peggiore rispetto al primo che invece era stato del 2,3%. L'ebitda, inoltre, scivolera' del 9,1% a 1,9 miliardi. Il debito dovrebbe essere diminuito a 25,3 miliardi. Anche Mediobanca ha reiterato la raccomandazione positiva sulle Telecom (outperform a 1,2 euro), ricordando tra l'altro che, come ha scritto Il Sole 24 Ore, la societa' e' anche in pole position con Trenitalia come sponsor della Serie A e della Coppia Italia di calcio.

Tags:
tlciliadtim

i più visti
in evidenza
Da Fedez al "fantasma dell'opera" I mariti delle donne più influenti

Costume

Da Fedez al "fantasma dell'opera"
I mariti delle donne più influenti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
La nuova tecnologia Ford risveglia dall’incubo di guida in contromano

La nuova tecnologia Ford risveglia dall’incubo di guida in contromano

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.