A- A+
Economia
Imprese sociali, 1 su 5 in difficoltà."È la prima volta, investire in hi-tech"

Dopo un lungo periodo durato 5 anni in cui il numero delle cooperative sociali in difficoltà è diminuito costantemente, passando da un 39,3% a un 15%, nell'ultimo anno si registra una inversione di tendenza, con un +4,5% di cooperative sociali in difficoltà (19,5%) e una flessione, seppur lieve, delle imprese con un andamento in crescita (dal 42% al 40% ) e stabile (dal 43% al 40,5%). E' quanto emerge dai dati dell'osservatorio Isnet sull'Impresa sociale. Diminuiscono dell'8% anche le imprese sociali che prevedono incrementi del personale (31% del campione a fronte del 39% del 2017), anche se la maggior parte delle organizzazioni garantisce livelli di stabilità (+11,5% rispetto allo scorso anno).

A conferma del valore sociale di queste imprese ad alta intensità relazionale, è significativo evidenziare che tra quelle con andamento economico stabile permane un atteggiamento fiducioso: il 78,2% delle organizzazioni prevede che l'organico resterà invariato. L'incertezza economica va di pari passo con la consapevolezza dell'importanza di avviare investimenti in innovazione. Crescono, si legge ancora nell'indagine, tutti gli indicatori legati a questo ambito (+13,7% di imprese che hanno sviluppato nuovi prodotti e servizi pari al 52,2% di segnalazioni; +8,3% che hanno identificato nuove aree geografiche in cui operare pari al 32,3% segnalazioni).

Contemporaneamente, il 94% del panel dichiara che gli obiettivi di innovazione non sono stati completamente raggiunti, e che ''si sarebbe potuto fare di più''. I principali ostacoli riguardano una scarsa risposta del mercato sia pubblico che privato (43,6%, +10% rispetto lo scorso anno) e la presenza di resistenze interne al cambiamento (34%, +12,6% rispetto al 2017). Un trend che rivela un certo dinamismo dell'impresa sociale, che, tuttavia, non sempre si accompagna a una piena capacità di cogliere le opportunità.

Su questo aspetto l'Osservatorio Isnet ha realizzato, in partnership con Banca Etica, per il secondo anno consecutivo, l'approfondimento 'Strumenti per lo sviluppo delle imprese sociali' con un focus su impresa sociale 4.0, per conoscere l'impatto delle nuove tecnologie sulle imprese sociali. I dati - i primi in Italia - evidenziano l'importanza di accompagnare le imprese sociali su questi temi. Dei 10 aspetti considerati (robotica avanzata, nuovi materiali, sensoristica, intelligenza artificiale, stampa 3D, blockchain e moneta virtuale, veicoli che si guidano da soli, genetica e bioprinting, sharing economy, digitalizzazione dei processi), ad esclusione della 'digitalizzazione dei processi' e considerando solo le imprese sociali che hanno indicato "non so rispondere" o "impatto né positivo né negativo", sono complessivamente ben il 37% gli intervistati con scarsa consapevolezza.

I valori di conoscenza e impatto positivo aumentano nel caso di organizzazioni con maggior propensione all'innovazione o per i settori di attività con ricadute elevate (ad esempio l'assistenza sociale per la robotica). Secondo Laura Bongiovanni, presidente di Associazione Isnet e responsabile dell'Osservatorio, "l'esigenza di cambiamento per l'impresa sociale suona oggi come una sorta di 'mantra': da più parti si invoca la necessità di diversificare sul versante profit, fare rete, innovare, cogliere le opportunità della rivoluzione 4.0; ma per cambiare non ci sono ricette precofenzionate e tantomeno, calate dall'alto". "Occorre partire dai 'dati di realtà', capire a che punto -continua- sono le imprese, quali siano i tentativi intrapresi e le difficoltà incontrate.

(Segue...)

Tags:
imprese socialiosservatorio isnet sull'impresa sociale

i più visti
in evidenza
Tutti pazzi per il caffè alla spina Illy, Cold Brew per i Millennial

Marketing

Tutti pazzi per il caffè alla spina
Illy, Cold Brew per i Millennial

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Intervista a tutto campo al presidente dell’Aci, Angelo Sticchi Damiani

Intervista a tutto campo al presidente dell’Aci, Angelo Sticchi Damiani

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.