A- A+
Economia
Industria, più vicina la recessione. A luglio nuovo calo di ordini e fatturato

A luglio si stima che il fatturato dell'industria diminuisca in termini congiunturali dello 0,5%. Anche gli ordinativi registrano a luglio un calo congiunturale (-2,9%), mentre nella media degli ultimi tre mesi si rileva un modesto aumento congiunturale (+0,1%). Lo ha reso noto l'Istat. Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 23 contro i 22 di luglio 2018), il fatturato totale diminuisce in termini tendenziali dello 0,6%, con cali dello 0,8% sul mercato interno e dello 0,3% su quello estero. In termini tendenziali l'indice grezzo degli ordinativi diminuisce dell'1%, sintesi di un leggero aumento sul mercato interno (+0,3%) e di un marcato calo su quello estero (-2,9%).

"Prosegue a luglio - è il commento dell'Istat - la flessione congiunturale del fatturato dell'industria, già rilevata a giugno, con risultati negativi sia per la componente interna sia per quella estera. Nella media degli ultimi tre mesi, invece, si registra una variazione leggermente positiva, sostenuta in particolare dai beni strumentali". Tra i settori delle attività manifatturiere "si segnala il risultato tendenziale positivo dell'industria alimentare e delle bevande. Anche al netto della componente di prezzo, il settore manifatturiero evidenzia una flessione congiunturale su base mensile e un modesto incremento su base trimestrale". 

Per Massimiliano Dona, presidente dell'Unione nazionale consumatori, i dati resi noti oggi dall'Istat sono "un disastro! Di male in peggio. Dopo il calo di giugno, proseguono i dati pessimi dell'industria italiana, con evidenti future ripercussioni sul Pil e sul possibile ritorno dell'Italia in recessione".

"Se poi confrontiamo i dati di oggi con quelli del luglio 2008, ossia con i valori pre-crisi, il quadro è ancor più sconfortante. Rispetto ad 11 anni fa il fatturato totale è diminuito del 9,2%, quello interno è crollato addirittura del 18,8%. Gli ordinativi totali sono calati in 12 anni del 16%, quelli interni sono franati del 27,6%, ossia più di un quarto", conclude Dona.

Secondo l'Istat, la dinamica congiunturale negativa del fatturato riflette cali mensili su entrambi i mercati: -0,6% è la flessione registrata dal mercato interno e -0,4% quella rilevata per il mercato estero. Per gli ordinativi la diminuzione congiunturale deriva da una marcata contrazione delle commesse provenienti dal mercato interno (-4,2%) e da una più modesta di quelle provenienti dall'estero (-0,8%). Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, a luglio gli indici destagionalizzati del fatturato segnano aumenti congiunturali del 3,1% per l'energia e dello 0,2% per i beni di consumo; variazioni negative si rilevano per i beni intermedi (-0,3%) e per i beni strumentali (-2,4%).

Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 23 contro i 22 di luglio 2018), il fatturato totale diminuisce in termini tendenziali dello 0,6%, con cali dello 0,8% sul mercato interno e dello 0,3% su quello estero. Nell'ambito del comparto manufatturiero, il settore alimentare registra la crescita tendenziale più rilevante (+4,9%), mentre l'industria farmaceutica mostra il calo maggiore (-10,9%). In termini tendenziali l'indice grezzo degli ordinativi diminuisce dell'1,0%, sintesi di un leggero aumento sul mercato interno (+0,3%) e di un marcato calo su quello estero (-2,9%). La maggiore crescita tendenziale si registra nelle apparecchiature elettriche (+8,8%), mentre il peggior risultato si rileva nell'industria dei mezzi di trasporto (-11,9%). 

Commenti
    Tags:
    industriaordini industria lugliofatturato industria luglio italia
    i più visti
    in evidenza
    Francesca Manzini, che lezione Nuda contro il body shaming

    Le foto e post dell'imitatrice

    Francesca Manzini, che lezione
    Nuda contro il body shaming


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lexus RX Hybrid, si rinnova e fissa nuovi standard

    Lexus RX Hybrid, si rinnova e fissa nuovi standard

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.