A- A+
Economia
Io Bimbo, IperBimbo e Papabù danno vita a G.I.P.I, secondo player nel retail per l'infanzia

L'unione fa la forza: nasce G.I.P.I, Gruppo Italiano Prima Infanzia, un nuovo player e prima centrale di acquisto in Italia  specializzata nel settore, per la distribuzione di prodotti per l'infanzia a livello nazionale. Con 111 punti vendita, su oltre 100mila metri quadri, la nuova centrale d'acquisto sarà un partner unico per l'industria e un retailer competitivo sul mercato.

In linea con scelte di aggregazione già adottate in Europa, ora anche i retailer italiani Io Bimbo, Iperbimbo e Papabù uniscono le forze per continuare a crescere e offrire prodotti di qualità a prezzi competitivi, con un servizio altamente specializzato in un mercato ancora molto frammentato. L'obiettivo di G.I.P.I., società consortile a responsabilità limitata, con un giro d'affari aggregato di 160 milioni di euro, è di crescere in tre anni del 15% e di incidere sia a monte che a valle della filiera.

Come prima centrale di acquisto specializzata nel settore, infatti, il nuovo consorzio favorirà uno sviluppo sostenibile del mercato per la maggiore capacità di acquisto e, in qualità di partner dell'industria, comunicherà il traffico di vendita e di stoccaggio ai fornitori in modo da aiutare una maggiore pianificazione degli stock, in una logica sempre più "just in time" con ricadute positive sui prezzi. Inoltre, con l'industria svilupperà linee di prodotto in esclusiva, realizzate apposta per le insegne aderenti a G.I.P.I., le quali avranno una distribuzione e una visibilità su scala nazionale grazie ai 111 punti vendita del consorzio in tutta Italia.

"Ci proponiamo al mercato come centrale di acquisto per crescere insieme con l'industria, con i colleghi e con il consumatore finale. Dialogheremo in modo compatto con i fornitori, pur mantenendo ognuno la propria identità e un rapporto diretto con il mercato locale, e metteremo a disposizione del nuovo polo distributivo i reciproci punti di forza", spiega Aldo Cuccu, presidente G.I.P.I.. Così Io Bimbo, Iperbimbo e Papabù (quest'ultimo raggruppa i punti vendita Ideal Bimbo, Paniate e Universo Bimbo) manterranno le proprie insegne sul territorio, mettendo invece a fattor comune ciò che li caratterizza per diventare un gruppo forte e sinergico, in grado di potenziare la partnership con l'industria e di offrire standard di qualità alti e uniformi in tutta Italia. La cooperativa Io Bimbo, per esempio, con i suoi 62 punti vendita porta un'affermata capacità di coordinamento associativo, un buon potere di negoziazione e una lunga esperienza di comunicazione con il cliente finale. Ideal Bimbo è particolarmente forte nella puericultura pesante e Iperbimbo nell'alimentazione; Universo Bimbo è invece più specializzato nella cosmetica per mamma e bambino e Paniate è l'esperto del giocattolo.

Ciascuna delle società aderenti è disponibile a valutare l'ingresso di nuovi affiliati che condividano la medesima politica di sviluppo all'interno del consorzio. È un mercato in continua evoluzione quello della distribuzione specializzata, caratterizzata da un'accurata e personalizzata assistenza alla vendita. "Stiamo assistendo a una rapida trasformazione del retail specializzato, che si propone oggi come una valida alternativa alla GDO di cui fa proprie le logiche di acquisto. Il negozio di puericultura diventa così il punto di riferimento anche per i piccoli acquisti quotidiani, come il latte in polvere, i biberon e i pannolini. Queste merceologie accrescono la pedonabilità nel punto vendita e portano il consumatore a una frequentazione più assidua, che non si limita pertanto agli acquisti importanti al momento della nascita (passeggino, carrozzina e seggiolino), ma che conserva un ruolo nel tempo", commenta Alessandra Negrello, responsabile Panel Baby Care di GfK, società di ricerche di mercato.

Sul fronte retail, G.I.P.I. condividerà la medesima politica promozionale nei diversi periodi dell'anno in tutti i punti vendita delle insegne aderenti sul territorio e, con una rivista trimestrale, fidelizzerà la clientela con informazioni utili e continui approfondimenti sui temi d'interesse per puerpere e future mamme. Inoltre allargherà la gamma di prodotti fino ai 6 anni, mentre finora il target delle proprie insegne è stato da -9 mesi a +3 anni (primissima infanzia). Punterà inoltre su linee di prodotto in esclusiva e collezioni a marchio proprio, per differenziarsi ulteriormente sul mercato. Garantirà lo stesso livello di servizio in tutta Italia, con corsi di formazione per il migliaio di addetti impiegati nei punti vendita aderenti al Gruppo. I corsi andranno dalle proprietà organolettiche del latte alla sicurezza dei seggiolini per auto e saranno tenuti dai fornitori/produttori e lo stesso progetto sarà esteso al pubblico delle mamme per accrescerne il livello di consapevolezza.

Tags:
infanziaretailbambini
in vetrina
Juventus e Milinkovic-Savic: accordo di massima. Le condizioni della Lazio

Juventus e Milinkovic-Savic: accordo di massima. Le condizioni della Lazio

i più visti
in evidenza
Da Scorsese a Tarantino Margot Robbie strega Cannes

Tutte le foto

Da Scorsese a Tarantino
Margot Robbie strega Cannes


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
FCA What’s Behind: è disponibile il secondo episodio

FCA What’s Behind: è disponibile il secondo episodio


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.