A- A+
Economia
Lo spread chiude a 190 punti base. Nuovi minimi dal maggio del 2018


Seduta positiva per i BTp decennali che si apprezzano sul secondario telematico molto piu' dei Bund decennali consentendo una chiusura dello spread nettamente sotto i 200 punti base a livelli non piu' raggiunti dalla terza settimana del maggio 2018. Il differenziale di rendimento tra il decennale benchmark italiano (Isin IT0005365165) e il pari durata tedesco conferma cosi' in chiusura la buona intonazione segnalata fin dall'avvio, indicato a 192 punti base, sei punti in meno rispetto al closing di venerdi'. Il rendimento del decennale italiano ha imboccato un ripido sentiero in discesa: 1,65% in chiusura dall'1,71% di stamani e dall'1,74% segnato nel finale di venerdi'.

Borse europee in cauto rialzo, nonostante il deludente dato sull'economia cinese, che nel secondo trimestre 2019 e' cresciuta "solo" del 6,2%, il ritmo piu' lento dal 1992. A limitare i guadagni sono state le incertezze di Wall Street: l'attivita' manifatturiera nell'area di New York e' rimbalzata e la trimestrale di Citigroup ha battuto le attese, ma nel complesso e' attesa una stagione delle trimestrali in calo e questo non incoraggia i mercati. Parigi ha cosi' guadagnato lo 0,1%, Francoforte lo 0,52%, Madrid lo 0,4% e Londra lo 0,34%. A passo piu' lento Milano, dove il Ftse Mib ha finito sulla parita' (-0,02%), sebbene lo spread sia calato a 190 punti, dopo essere sceso sotto questa soglia e ai minimi da fine maggio 2018, dai 198 della chiusura di venerdi', complice il fatto che venerdi' in tarda serata Dbrs ha confermato a "BBB" il rating sull'Italia e l'outlook a stabile. A Piazza Affari ha svettato Amplifon (+2,9%), sulla scia delle previsioni positive per i conti del secondo trimestre, in arrivo il 30 luglio, e si e' distinta Recordati (+2,08%), che ha acquistato da Novartis per 390 milioni di dollari i diritti per due farmaci per il trattamento di malattie rare. Deboli le banche (Banco Bpm -2,29% e Ubi Banca -1,92%) e i titoli esposti all'Asia come Moncler (-1,27%) e Ferragamo (-0,71%). Sulla parita' il petrolio (i contratti a settembre del Wti salgono dello 0,07% e quelli del Brent di pari scadenza dello 0,2%), mentre sul fronte dei cambi, l'euro si e' leggermente indebolito e si attesta attorno a 1,126 dollari (1,1273 in avvio e 1,1253 venerdi'). La moneta unica vale 121,579 yen (121,75 in apertura), mentre il cambio dollaro/yen e' pari a 107,97.

Cina: crescita rallenta a 6,2% in II trimestre, a minimi dal '92

Rallenta al 6,2% la crescita in Cina nel secondo trimestre 2019, scontando i contraccolpi della disputa tariffaria con gli Stati Uniti, ai minimi dal primo trimestre del 1992. Il dato del periodo compreso tra aprile e giugno scorsi e' in linea con le attese degli analisti e segna un ulteriore rallentamento rispetto al 6,4% registrato nel primo trimestre e al 6,6% del 2018. Sul rallentamento pesano anche le incertezze a livello globale derivanti dalle tensioni con gli Stati Uniti, di nuovo in fase di pausa e in attesa di una ripresa dei negoziati per risolvere la disputa sul commercio. I numeri diffusi dall'Ufficio Nazionale di Statistica, che portano la crescita al 6,3% nel primo semestre 2019, rientra negli obiettivi di crescita fissati dal governo tra il 6% e il 6,5% per l'anno in corso: segnali di stabilizzazione dell'economia sono comparsi nel mese di giugno, quando la produzione industriale e' cresciuta del 6,3% su base annua contro il 5% di maggio, mentre le vendite al dettaglio hanno registrato un aumento del 9,8% rispetto al +8,6% del mese scorso. In crescita anche gli investimenti in beni immobili, che nel primo semestre del 2019 hanno raggiunto un +5,8%, contro il 5,6% dei primi cinque mesi dell'anno, superando in tutti i casi le aspettative e mandando un segnale positivo rispetto agli stimoli all'economia messi in atto dal governo centrale. Perdono slancio, nel mese di giugno, gli investimenti immobiliari, cresciuti del 10,9% nel primo semestre contro l'11,2% del periodo compreso tra gennaio e maggio scorsi.

Su base congiunturale, la crescita del secondo trimestre e' stata dell'1,6%, in rialzo rispetto all'1,4% del periodo compreso tra gennaio e marzo scorsi. I risultati dell'ultimo mese hanno spinto in lieve rialzo le piazze asiatiche alla riapertura: Shanghai ha virato in positivo dopo una partenza a -0,31%, chiudendo la mattina con un +0,76%, e Shenzhen, dopo un avvio in calo, e' andata in pausa in rialzo dell'1,44%. A Hong Kong, l'indice Hang Seng guadagna lo 0,22%, mentre e' piatto il Kospi di Seul. Il rallentamento dell'economia e' risultato evidente dagli ultimi dati della bilancia commerciale relativi al primo mese di innalzamento al 25% delle tariffe Usa su 200 miliardi di dollari di prodotti Made in China a cui ha fatto seguito una misura di rappresaglia da parte della Cina su 60 miliardi di dollari di merci statunitensi.

Le esportazioni sono calate dell'1,3% a giugno, mentre le importazioni hanno registrato un calo del 7,3%. Ancora piu' evidente il crollo rispetto al rapporto con gli Usa: nei primi sei mesi dell'anno le esportazioni sono calate del 7,8%, mentre le importazioni sono crollate del 31% rispetto ai valori dello stesso mese del 2018. Dai dati diffusi, gli analisti si attendono nuove misure a breve-medio termine a sostegno dell'economia, dopo gli stimoli avviati nei mesi scorsi, e le ultime indicazioni del primo ministro, Li Keqiang, su strumenti finanziari a sostegno delle piccole imprese. Dall'inizio dell'anno, il governo centrale ha annunciato un taglio delle tasse equivalente a duemila miliardi di yuan (circa 260 miliardi di euro) e una quota di 2150 miliardi di yuan (277 miliardi di euro) per l'emissione di bond speciali da parte delle amministrazioni locali. Per sostenere l'accesso al credito, la banca centrale cinese ha poi abbassato i requisiti di riserva obbligatori delle banche per sei volte dall'inizio del 2018. Piu' recentemente ha operato ingenti iniezioni liquidita' nel sistema finanziario e si e' impegnata ad aumentare i prestiti per le piccole imprese cinesi.

Commenti
    Tags:
    spread btp bundpiazza affariborseborsaborse europeeborse asiatiche
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Anna Falchi, scollatura vertiginosa Cecilia, selfie senza reggiseno

    TAYLOR MEGA, SHARM BOLLENTE

    Anna Falchi, scollatura vertiginosa
    Cecilia, selfie senza reggiseno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Vodafone presenta quattro soluzioni di guida assistita su rete 5G

    Vodafone presenta quattro soluzioni di guida assistita su rete 5G

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.