A- A+
Economia


 

Prada

Chiamateli, se volete, i dieci uomini dalla valigia d'oro. Sono i "cacciatori" rimasti ancora senza una preda nel settore della gioielleria e del lusso che stanno girando in lungo e in largo l'Europa, partecipando ad aste o andando a "bussare" direttamente alla porta delle aziende più interessanti.

Perché anche nel dorato mondo dell'oreficeria la crisi si fa sentire, chi lavora come contoterzista producendo gioielli "unbranded" soffre il costo elevato delle materie prime e la concorrenza sempre più serrata dei produttori asiatici, che comprime i margini. Mentre chi ha marchi forti può essere tentato dal cederli per una buona offerta, specie quando vi siano da gestire future successioni non sempre agevoli. Come nel caso Pomellato o in quello Buccellati, dove la famiglia di gioiellieri milanesi ha mantenuto la produzione italiana grazie all'intervento del cavaliere bianco Claudio Sposito, deus ex machina del fondo pigliatutto Clessidra.

"All'asta per il ramo luxury di Harry Winston tenutasi a metà gennaio erano in dodici a contendersi la preda, poi finita a Swatch per un miliardo di dollari" spiega ad Affaritaliani una fonte a conoscenza dell'operazione. Una valutazione non proprio "economica", visto che le attività del gruppo americano i cui diamanti sono resi celebri da Marilyn Monroe nella canzone "Diamonds are a girl's best friend" (e nel film "Gli uomini preferiscono le bionde") sono stati acquistati in linea con quanto pagato da Lvmh per Bulgari (acquisita dai francesi per circa 21 volte l'Ev/Ebitda). Insomma, per chi ha marchi di "alto di gamma" la crisi non esiste, almeno in termini di valutazioni che i dieci uomini dalla valigia d'oro sono pronti a sottoscrivere.

bulgari mostra serpenti (26)

"In realtà i marchi veramente globali in questo settore sono solo tre: Cartier, controllata da Richemont (che a febbraio ha messo le mani anche sul brand italiano Marchisio, ceduto dalla famigia Mattioli, ndr), Bulgari, su cui ha messo le mani Lvmh, e Tiffany il cui maggior azionista è il fondo sovrano del Qatar", in tutti gli altri casi si tratta dunque di andare a valutare aziende operanti in nicchie (geografiche o di prodotto) più o meno redditizie. Le prede davvero in grado di accendere la fantasia dei grandi buyer, insomma, sono poche.

Una, Buccellati, è appena stata tolta dal mercato dal fondo Clessidra che con un investimento di 80 milioni ha rilevato il 70% del capitale dello storico marchio fiorentino e si propone di farla crescere nella nuova frontiera dell'Asia. Soci di minoranza resteranno sia Simest (fondo del minisero del Commercio entrato nel capitale a fine 2011) sia gli eredi del fondatore (i cui due rami principali, facenti capo a Gianmaria e Lorenzo, si sono riunificati dopo 40 anni di "divorzio" proprio nel 2011).

Anche in questo caso l'assegno staccato da Claudio Sposito appare in linea con le valutazioni "ante-crisi" (l'Ebitda di Buccellati nel 2011 è stato attorno ai 6 milioni di euro).

Per un'altra, Pomellato, sembra essere solo questione di tempo prima che anche gli ultimi dettagli siano messi a posto e giunga l'annuncio ufficiale di un passaggio della quota di controllo (l'81% in mano al fondatore Pino Rabolini e al l'amministratore delegato Andrea Morante, tramite la holding Ra.Mo.) a Ppr o meno probabilmente a Lvmh.

Tags:
hermespradapomellatobuccellati
in vetrina
Juventus-De Ligt, intesa con Raiola per il talento dell'Ajax. E Kean...

Juventus-De Ligt, intesa con Raiola per il talento dell'Ajax. E Kean...

i più visti
in evidenza
De Lellis-Iannone, che passione Lui pilota bacia i piedi. Lei.. Video

La coppia dell'estate. I gossip

De Lellis-Iannone, che passione
Lui pilota bacia i piedi. Lei.. Video


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuovo Mercedes-Benz GLS :eleganza lussuosa dal carattere offroad

Nuovo Mercedes-Benz GLS :eleganza lussuosa dal carattere offroad


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.