A- A+
Economia

Un "reddito universale" entro il 2020: e' la promessa fatta oggi da Emmanuel Macron, nel quadro del nuovo piano anti-poverta' presentato a Parigi. Una misura, quella descritta dal presidente francese, che punta a rimettere ordine nella giungla dei sussidi sociali, fondendoli in un unico strumento piu' chiaro e trasparente. "Con una legge nel 2020 istituiremo un 'reddito universale di attivita'' per permettere ad ognuno di vivere in modo decente", ha annunciato Macron, precisando che chiunque potra' "accedervi non appena i suoi redditi passeranno al di sotto di una certa soglia".

La misura consiste, in pratica, nella fusione di almeno tre sussidi gia' esistenti: il Revenu de Solidarite' Active (Rsa il reddito minimo garantito destinato a chi non lavora e non ha piu' diritto ai sussidi di disoccupazione, pari attualmente a 550,93 euro), le Apl (Aide personnalise'e au logement) e la Prime d'Activite'. L'obiettivo, come dichiarato da Macron durante la presentazione al Muse'e de l'Homme, e' anche interrompere una volta per tutte "l'accumulo degli aiuti" che "finisce per generare errori, confusione" e alimenta "discorsi insopportabili sull'assistenzialismo".

Ai tre pilastri fondamentali se ne potranno aggiungere altri nel progetto finale. Il reddito universale d'attivita', ha assicurato il leader francese, sara' uno strumento "semplice, equo e trasparente. Metteremo insieme il maggior numero di prestazioni sociali affinche' si possa finalmente fornire una risposta unica per garantire che la gente viva degnamente". Ma dovra' anche consentire di riaccedere rapidamente al mondo del lavoro. Ogni beneficiario dovra' infatti iscriversi ad un "percorso di inserimento" in cui sara' impossibile rifiutare oltre due "ragionevoli" offerte professionali.

Il 'Plan pauvrete'' prevede inoltre uno stanziamento totale di 8 miliardi di euro per i prossimi quattro anni. Di questi, 50 milioni di euro contribuiranno agli aiuti all'infanzia e all'inserimento dei giovani in difficolta', in particolare, per consentire di trovare un tetto, una formazione, un impiego, a chi "non ha una soluzione". Previsti anche aiuti ai comuni piu' poveri per la costruzione di asili nido, l'estensione dei pasti a 1 euro gia' attuato nelle mense pubbliche di alcune municipalita' e la prima colazione gratuita nelle scuole delle zone maggiormente depresse.

Con questa nuova strategia (rinviata di due mesi rispetto al previsto), Macron, la cui popolarita' e' in forte calo nei sondaggi, tenta anche di scrollarsi di dosso l'immagine di 'presidente dei ricchi', con cui viene accusato dall'opposizione. Per Marine Le Pen (Rassemblement National), il presidente "si interessa molto tardi al problema della poverta'. Finora ha fatto soprattutto molti regali fiscali ai ricchi". Mentre Jean-Luc Me'lenchon accusa il presidente dare "solo briciole all'oceano di miseria che esiste nel nostro Paese". Secondo l'Insee, l'Istituto Nazionale di Statistica, in Francia ci sono 8,8 milioni di poveri. Il 65% di essi vive nelle grandi citta'.

Commenti
    Tags:
    macronreddito universale francia

    i più visti
    in evidenza
    "Mai amato Silvia Provvedi" Su Belen e Moric rivela che...

    FABRIZIO CORONA CHOC

    "Mai amato Silvia Provvedi"
    Su Belen e Moric rivela che...

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

    Nuova BMW X4, il SAV coupè dal carattere sportivo

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.