A- A+
Economia
Manovra, Conte tira dritto. Salvini-Di Maio: "Piena fiducia in lui"
LaPresse

Le parole del Commissario europeo per gli Affari economici, Pierre Moscovici che hanno gelato un po' gli entusiasmi della maggioranza M5S-Lega dopo la proposta italiana a Bruxelles di ridurre il deficit (nominale) previsto per il 2019 dal 2,4 al 2,04% non generano nessun commento da parte del premier italiano. Secondo quanto trapela da fonti di Palazzo Chigi Giuseppe Conte è concentrato sul negoziato.

Quello che filtra è "fiducia e orgoglio per la proposta fatta, che pure in una responsabile riduzione del rapporto deficit-Pil lascia invariati redditi di cittadinanza e quota 100, coerentemente con quanto sempre promesso all'elettorato italiano. Questa è la strada intrapresa e che si continuerà a percorrere". I due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini invece, in una nota congiunta, ribadiscono la piena fiducia in quanto fatto fino ad ora dal presidente del Consiglio nella trattativa con Jean Claude-Juncker.

Tria moscovici ape 2
 

"Continuiamo a sostenere con convinzione - scrivono infatti i capi politici di M5S e Lega - la nostra proposta. Piena fiducia nel lavoro di Conte. Siamo persone di buon senso e soprattutto teniamo fede a ciò che avevamo promesso ai cittadini, mantenendo reddito di cittadinanza e quota 100 invariati. Manterremo tutti gli impegni presi, dal lavoro alla sicurezza, dalla salute alle pensioni senza penalizzazioni, dai risarcimenti ai truffati delle banche al sostegno alle imprese". Stamattina, Moscovici aveva fatto sapere che la riduzione del deficit italiano "non era ancora sufficiente".

"E' un passo nella giusta direzione, ma tuttavia non ci siamo ancora, ci sono altri passi da fare, forse da entrambe le parti", aveva affermato Moscovici in un'audizione al Senato francese. "Non possiamo scendere a compromessi con le regole", aveva aggiunto il Commissario Ue, ribadendo che non esiste un "trattamento privilegiato" per la Francia.

LP 8013772
 

"Queste regole, possiamo applicarle in modo intelligente, flessibile e sottile, ma non possiamo derogare da esse", aveva insistito poi Moscovici.

"Stiamo cercando il modo - aveva aggiunto - di rendere compatibili queste scelte politiche, che sono quello che sono e che sono legittime, con delle regole uguali per tutti e che tutti devono seguire". "Nella fase attuale - aveva concluso Moscovici - stiamo oscillando tra un dialogo intenso, positivo e costruttivo per trovare una soluzione e la necessaria preparazione delle fasi procedurali, nel caso in cui questo dialogo non abbia successo, il che naturalmente non ci auguriamo".

Commenti
    Tags:
    manovralegge di bilancioprocedura d'infrazione uetrattativa italia-ue deficit-pilpierre moscovici
    i più visti
    in evidenza
    Lorenzo Sonego fa sognare l'Italia Quarti di finale a Montecarlo

    TENNIS, CHE IMPRESA!

    Lorenzo Sonego fa sognare l'Italia
    Quarti di finale a Montecarlo


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La Guardia di Finanza arruola due SUV 3008 Peugeot

    La Guardia di Finanza arruola due SUV 3008 Peugeot

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.