A- A+
Economia
McCormick raddoppia in Toscana. Investimento da 200 milioni di euro

Matteo Renzi può sorridere: nonostante le incertezze politiche, le aziende di Firenze continuano a piacere agli investitori internazionali. L’ultimo esempio viene da McCormick, colosso mondiale delle spezie e degli aromi quotato a Wall Street che dopo aver rilevato nel febbraio 2015 il ramo d’impresa di Drogheria & Alimentari (facente capo alla famiglia Carapelli/Barbagli) dedicato alla produzione di spezie, ha fatto il bis comprandosi Giotti Spa, leader italiano nel campo degli aromi, pagandola oltre 12 volte l’Ebitda atteso per il 2016

Di Luca Spoldi

Chissà se il premier Matteo Renzi lo prenderà come un segnale di buon augurio: nonostante l’incertezza politica gli investimenti in Italia, e in particolare in Toscana, da parte di grandi gruppi industriali mondiali sembrano tornare a crescere, con un colosso mondiale quotato a Wall Street come McCormick & Company, leader mondiale nel settore delle spezie e degli aromi, che in meno di due anni ha deciso di investire oltre 200 milioni di per rilevare aziende nel settore delle spezie e degli aromi alimentari.

Dopo aver rilevato, nel febbraio 2015, il ramo d’impresa dedicato alla produzione di spezie di Drogheria & Alimentari, società fondata a Firenze nel 1880 e poi rilevata nel 1987 dalla famiglia Carapelli/Barbagli (ex proprietari dell’omonimo olio d’oliva), gli americani hanno infatti annunciato il bis, ossia l’acquisto del 100% di un’altra società fiorentina, la Giotti Spa, finora facente capo all’omonima famiglia e leader italiana nella produzione di aromi naturali e biologici, estratti di erbe aromatiche e basi aromatiche per tutti i settori merceologici alimentari (oltre che produttore di succhi concentrati di frutta), con due stabilimenti in Italia (a Scandicci e Fidenza) ed uno in Macedonia.

Se il deal per Drogheria & Alimentari era costato a McCormick & Co. 85 milioni di euro, questa seconda operazione, che ha visto la piccola merchant bank Kon Group, con Francesco Ferragina e Giovanni Nucera, impegnata nel ruolo di advisor finanziario per il venditore e Laroma Jezzi & Partners come consulente legale (mentre McCormick è stata assistita CP Advisors con Salvo Mazzotta e Marco Garro per la parte finanziaria e da Shearman e Sterling per quella legale), ha visto gli americani sborsare 120 milioni di euro, vale a dire 12 volte l’Ebitda atteso per il 2016 (oltre 10 milioni di euro, +40% abbondante dai meno di 7 milioni del 2015) ovvero due volte il fatturato previsto a fine anno (60 milioni, +13% di circa 53 milioni del 2015).

A differenza di molte operazioni analoghe condotte da fondi di private equity e venture capital, l’interesse del colosso americano non si limita ai marchi, bensì al know-how e alla capacità produttiva delle attività rilevate. Nell’ambito dell’accordo dello scorso anno, ad esempio, il gruppo Drogheria & Alimentari ha poi investito 4,5 milioni di euro per espandere di altri 7 mila metri quadrati lo stabilimento di San Piero a Sieve (Fi), facendolo diventare uno dei più grandi d’Europa ed incrementato da 16 a 18 le linee di prodotti (destinata a crescere ancora l’anno prossimo col lancio di una nuova linea di decorazioni per dolci) per garantire i volumi previsti.

La Giotti, molto nota nel settore per la sua capacità innovativa, dovrebbe poter crescere a sua volta, visto che McCormick & Co., gruppo che capitalizza oltre 11,7 miliardi di dollari, non fa mistero di volersi espandere nel settore degli aromi per applicazioni industriali, inclusi i prodotti nutrizionali, anzi Lawrence E. Kurzius, numero uno del gruppo americano, ha già sottolineato come l’acquisizione di Giotti sia “un importante tassello nella realizzazione della nostra strategia di sviluppo”.

Dal canto suo Malcolm Swift, a capo della divisione Global Industrial and International Business di McCormick, ha chiosato: “Ci aspettiamo una forte crescita grazie alle competenze di Giotti nei segmenti dei prodotti healt and nutrition. I proprietari e i dipendenti della Giotti condividono con McCormick la medesima grande storia e l’impegno per l’innovazione e la qualità. Saremo lieti di lavorare assieme per raggiungere nuovi successi”. 

Tags:
mccormick toscana raddoppiomccormick investimenti

in vetrina
Aida senza slip? Cecilia Rodriguez topless e la Canalis...

Aida senza slip? Cecilia Rodriguez topless e la Canalis...

i più visti
in evidenza
Giocare a golf allunga la vita In forma con 18 buche a settimana

Costume

Giocare a golf allunga la vita
In forma con 18 buche a settimana

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Peugeot protagonista con al nuova 508 al Salone dell'Auto Parco del Valentino

Peugeot protagonista con al nuova 508 al Salone dell'Auto Parco del Valentino

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.