A- A+
Economia
Mediaset, in 5 anni spesa in spot ko. Il Biscione si protegge dalla Silicon

Trasferita la sede legal in Olanda, paese “amico” di chiunque voglia mantenere il controllo di un’azienda pur senza averne la maggioranza (chiedere agli eredi Agnelli), varata la fusione tra Mediaset e la controllata spagnola Mediaset Espana, posta Mediaset stessa sotto il “cappello” della holding Mediaset Investment Nv, ridenominata Mediaforeurope (Mfe), Piersilvio Berlusconi può tirare un sospiro di sollievo.

Se con un blitz aveva rilevato il 9,6% del capitale (il 9,9% dei diritti) di ProSiebenSat.1 Media, principale emittente tedesca destintata a diventare perno del futuro polo della televisione generalista “free” europea, che in futuro potrebbe allargarsi ai francesi di Tf1, con la riorganizzazione della catena di controllo ha messo forse definitivamente in un angolo Vivendi.

piersilvio berlusconi
 

Di Mfe, infatti, Fininvest (al 41,29% in Mediaset) avrà il 35,5% del capitale, Vivendi (al 28,8% in Mediaset di cui un 19,2% in Simon Fiduciaria) scendereà al 23,1 di Mfe (di cui il 15,39% in Simon Fiduciaria). Soprattutto, della holding di diritto olandese la famiglia Berlusconi deterrà oltre il 50% dei diritti di voto (e potrà senza problemi distribuire il dividendo post-fusione da 100 milioni di euro). Mettere in un angolo il gruppo che fa capo a Vincent Bolloré era doppiamente importante, perché i francesi da tempo hanno fatto sapere di voler creare un loro polo televisivo europeo e dopo due anni di stallo in Italia avevano appena rilevato per un miliardo, con Canal Plus, la piattaforma M7 distribuisce a pagamento canali televisivi locali e internazionali in Belgio, Olanda, Austria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria e Romania.

Oltre a rintuzzare la concorrenza di Canal Plus/Vivendi, il futuro polo televisivo europeo dei Berlusconi deve però guardarsi dai colossi di oltre oceano. Nel rutilante mondo dei media è in atto da tempo un “risiko” che si gioca sulla scacchiera mondiale e che ha già visto il gruppo Disney rilevare Fox e Comcast fondersi con Sky.

Ma il vero fenomeno di questi ultimi anni è l’emergere prepotente di un modello anche tecnologicamente alternativo alla “vecchia” televisione, quello dello streaming di contenuti video. Dietro ci sono i colossi della Silicon Valley da Google (con Youtube) ad Amazon (Prime Video), da Facebook a Microsoft, per non parlare di Netflix. Gruppi che dopo anni di battaglie stanno iniziando a trovare accordi per meglio spartirsi la torta: ad aprile tra Google e Amazon è scoppiata la pace almeno per quanto riguarda i dongle, quei dispositivi non più grandi di una classica chiavetta Usb che si collegano ad una presa Hdmi di un qualsiasi televisore HD/Full HD permettendo all’utente di vedere film, immagini, musica, YouTube, Chrome e Google Play sul televisore al quale è collegato grazie ad un collegamento streaming con computer, smartphone e tablet.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    mediasetprogetto mediasetmedia for europemediaforeuropemfepiersilvio berlusconifininvest
    i più visti
    in evidenza
    FRANCESCA MANZINI, CHE LEZIONE NUDA CONTRO IL BODYSHAMING

    Le foto e post dell'imitatrice

    FRANCESCA MANZINI, CHE LEZIONE
    NUDA CONTRO IL BODYSHAMING


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Quando le Ruote da Sogno diventano eco-sostenibili

    Quando le Ruote da Sogno diventano eco-sostenibili

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.