A- A+
Economia
Mediaset: Vivendi, soluzione amichevole non è più priorità

Dopo le continue porte in faccia ricevute da Mediaset sull'operazione Premium, i francesi di Vivendi cambiano strategia. "Nelle attuali circostanze, Vivendi al momento non e' piu' intenzionata a dare priorita' alla ricerca di una soluzione amichevole e si riserva il diritto di intraprendere tutte le azioni necessarie per difendere i suoi interessi e quelli dei suoi azionisti". Cosi' si conclude un duro comunicato del gruppo francese presieduto da Vincent Bollorè sulla vicenda Mediaset e Mediaset Premium. Vivendi ribadisce che il business plan di Mediaset Premium, che prevede il pareggio nel 2018, si basa su "assunti irrealistici" e che pertanto "non puo' essere ritenuta responsabile dell'attuale situazione".

Il gruppo francese sottolinea di avere ripetutamente dichiarato di essere aperto a discussioni sulla controversia con Mediaset e di avere cercato soluzioni alternative nei mesi scorsi. La sola risposta all'"approccio costruttivo di Vivendi" da parte di Mediaset e Fininvest - prosegue il comunicato del gruppo francese - e' stata quella di diffondere "dichiarazioni pubbliche aggressive e di iniziare una serie di azioni legali". Tra queste, la nuova istanza presentata il 12 ottobre che mira ad "intimidire Vivendi" e chiede il sequestro del 3,5% del capitale di Vivendi. Mediaset e Vivendi hanno concluso un accordo l'8 aprile scorso per la cessione della pay-tv Premium al gruppo francese, con incluso uno scambio azionario del 3,5%.

Il 26 luglio e' stato reso noto che Vivendi, ritenendo appunto "irrealistico" il business plan di Premium, manteneva l'impegno allo scambio azionario, ma con la prospettiva di salire al 15% del capitale di Mediaset in tre anni tramite un bond convertibile e che invece di acquistare il 100% della pay tv, intendeva fermarsi al 20%. La comunicazione aveva subito innescato una dura presa di posizione di Mediaset e Finivest, che hanno in seguito anche avviato azioni legali contro Vivendi con la richiesta di danni multi-milionari. Pure nel crescendo dello scontro, stando alle indiscrezioni i contatti tra i due fronti non si sarebbero, pero', mai interrotti. Con le dichiarazioni odierne di Vivendi, tuttavia, il dossier sembra avere preso una piega insanabile. Almeno per quanto riguarda una soluzione amichevole.

Tags:
mediaset vivendiprocesso mediaset vivendi su mediaset premiumtrattativa mediaset vivendi su premium

in vetrina
Alice Sabatini, vacanza bollente col fidanzato. Casalegno topless..GALLERY VIP

Alice Sabatini, vacanza bollente col fidanzato. Casalegno topless..GALLERY VIP

Advertisement
Advertisement
i più visti
in evidenza
Caprioglio, Ornella Muti e... Grande Fratello Vip 3, che rumors

Milan News

Caprioglio, Ornella Muti e...
Grande Fratello Vip 3, che rumors

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Nuova BMW Serie 8 Coupé: un concentrato di lusso e tecnologia

Nuova BMW Serie 8 Coupé: un concentrato di lusso e tecnologia

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.