A- A+
Economia
Messina: Intesa Sanpaolo primo erogatore di credito, cassaforte degli italiani
l Consigliere Delegato di Intesa Sanpaolo Carlo Messina, il Chief Economist Gregorio De Felice e il Responsabile della Ricerca Industry & Banking Fabrizio Guelpa alla presentazione della decima edizione del Rapporto annuale sui Distretti industriali.

Messina: Intesa Sanpaolo è il primo erogatore di credito e la cassaforte degli italiani

 

Alla presentazione del Rapporto sui distretti industriali Carlo Messina, Consigliere Delegato di Intesa Sanpaolo, sottolinea il ruolo del Gruppo di infrastruttura finanziaria primaria del Paese: “Abbiamo erogato 50 miliardi di euro nel 2017 a imprese e famiglie sul medio termine. Il totale dei nostri impieghi è intorno ai 400 miliardi di euro, il risparmio degli italiani che amministriamo è pari a un trilione euro. Da una parte siamo la cassaforte degli italiani, dall'altra siamo uno dei più grandi erogatori di credito per la Pmi in Europa e a medio termine abbiamo erogato quanto il resto del sistema bancario italiano. Rappresentiamo insomma una infrastruttura finanziaria italiana, siamo pronti a erogare nei prossimi anni 250 miliardi di euro a termine a favore di imprese e famiglie. Se la crescita sarà superiore siamo pronti a incrementarli, avendo un chiaro eccesso di capitale non abbiamo nessun vincolo nel sostenere imprese, se non la qualità che esprimono. La salute del sistema delle imprese è in forte miglioramento, vediamo l'Italia come un Paese forte, molto forte, molti giudizi sulla sua presunta fragilità e debolezza sono totalmente sbagliati. In termini di risparmio delle famiglie siamo sopra i 6 trilioni di euro, quindi uno dei colossi mondiali, un elemento di forza e di stabilità assoluta anche a fronte dei 2 trilioni di euro del debito pubblico; inoltre ci sono 500-600 milioni di euro di proprietà immobiliari dello Stato. È vero che le imprese in molti casi hanno sofferto la crisi, ma oggi quel che c'è nel mondo dell'imprenditoria è da campioni. Inoltre nella crescita del Pil all'1,5% non è ricompresa la crescita delle costruzioni che poteva portare al 2% come gli altri Paesi. La crescita c'è ed è forte. Ma siamo consapevoli che la crescita ha in sé alcune condizioni di non equità, non solo in Italia, e ha provocato diseguaglianze e una forte povertà su cui vogliamo intervenire. Per questo siamo anche diventati la più grande banca d'impatto al mondo, per sostenere chi ha difficoltà di accesso al credito abbiamo deciso di mettere a disposizione 250milioni euro con cui erogare un miliardo e 250 milioni credito per queste classi. Inoltre abbiamo deciso anche di sostenere, finanziare nelle mense i pasti. Ci sono file alla Caritas di persone vestite come noi. Così finanziamo10mila pasti al giorno, vale a dire 3milioni 650mila pasti all'anno, 6mila posti letto al giorno, 3mila medicine al giorno, oltre agli abiti. Credo faccia parte dell'avere una visione, essere responsabili”.

 

 

Messina: Intesa Sanpaolo è il primo erogatore di credito e la cassaforte degli italiani

 

 

Il Consigliere Delegato di Intesa Sanpaolo Carlo Messina ha presentato oggi con il Chief Economist Gregorio De Felice e il Responsabile della Ricerca Industry & Banking Fabrizio Guelpa la decima edizione del Rapporto annuale che la Direzione Studi e Ricerche della Banca dedica all’evoluzione economica e finanziaria delle imprese distrettuali. Il Rapporto analizza i bilanci aziendali degli anni 2008-16 di quasi 18.000 imprese appartenenti a 153 distretti industriali e di quasi 54.000 imprese non-distrettuali attive negli stessi settori di specializzazione. Presenta poi le stime sui risultati di bilancio delle imprese nel 2017 e le previsioni per il biennio 2018-19. L’analisi si sofferma, infine, sui cambiamenti strutturali che hanno interessato negli ultimi dieci anni il tessuto produttivo distrettuale, nella fase di crisi finanziaria e di successiva lenta ripresa.

 

Messina: Intesa Sanpaolo è il primo erogatore di credito e la cassaforte degli italiani. Distretti Industriali, i risultati 2016-17

 

 

-    FATTURATO E MARGINI DELLE IMPRESE DISTRETTUALI OLTRE I LIVELLI PRE-CRISI
Nel biennio 2016-17 i distretti industriali hanno ottenuto buoni risultati: la crescita cumulata del fatturato è stata pari al +4,6%, mentre l’EBITDA margin, in seguito alla debolezza dei prezzi, si è stabilizzato a un livello del 7,6%.
Complessivamente nei distretti la crescita del fatturato tra il 2008 e il 2017 è stata pari  al 13%, a fronte del +8,7% delle aree non distrettuali. Anche i margini unitari sono ormai su livelli superiori a quelli pre-crisi. Al contrario, al di fuori dei distretti il divario è ancora significativo.
Sul territorio italiano sono molte le aree di eccellenza distrettuale. Ordinando i distretti industriali oggetto dell’analisi per performance di crescita e reddituale, è possibile ricavare una classifica dei 20 distretti migliori. Tutte le macro-aree italiane sono presenti. Prevalgono i distretti del Nord-Est (10) e del Nord-Ovest (5). Il Centro e il Mezzogiorno sono presenti rispettivamente con due e tre distretti. Tutte le principali filiere produttive sono rappresentate, anche se emerge una prevalenza dei distretti dell’agro-alimentare (6) e della metalmeccanica (7).
Ai primi tre posti di questa classifica, e tra loro molto vicini, ci sono l’Occhialeria di Belluno, la Gomma del Sebino bergamasco e il Prosecco di Conegliano- Valdobbiadene.

 


Messina: Intesa Sanpaolo è il primo erogatore di credito e la cassaforte degli italiani. Distretti Industriali, previsioni per il biennio 2018-19

 

 

-    NEL 2018-19 PREVISTA UN’ACCELERAZIONE DELLA CRESCITA, AL 5,8% CUMULATO

La presenza di nuovi attori altamente dinamici e di esternalità positive rappresenteranno fattori di competitività importanti per i distretti industriali. Nel biennio 2018-19 è prevista un’accelerazione della crescita (+5,8% cumulato), trainata nuovamente dai mercati esteri, in presenza di una domanda interna che rimane sostenuta, con un maggior ruolo per i beni di investimento. In particolare, un contributo importante potrà venire dalla filiera metalmeccanica, sulla spinta degli investimenti in macchinari, a loro volta supportati dalle misure di incentivazione previste nel Piano Industria 4.0.
Nel biennio 2018-19 vi sarà poi spazio per un rafforzamento dei margini unitari (diffuso a tutti i settori distrettuali). Il processo sarà, tuttavia, lento e graduale, frenato dalle elevate pressioni competitive presenti sui mercati internazionali.

I fattori di competitività dei distretti
Più elementi portano a pensare che i distretti industriali possano continuare a essere un punto di forza dell’economia italiana. Ne sono una testimonianza:

la buona capacità di reazione alla crisi degli ultimi anni, che ha restituito un tessuto produttivo più forte e competitivo. La base produttiva ha subito modifiche importanti, risultando ridimensionata in termini numerici  ma  ampliata  per  valori di fatturato (+12,3 miliardi di euro) e, soprattutto, maggiormente pronta ad affrontare il complesso contesto competitivo internazionale, grazie a una crescente diffusione di leve strategiche quali marchi registrati a livello internazionale (oltre la metà delle grandi imprese ne possiede almeno uno), brevetti e certificazioni di qualità;

l’elevata propensione a servire mercati esteri sempre più lontani e ad alto potenziale e la crescente presenza all’estero con filiali produttive e commerciali. Stati Uniti e mercato cinese (Cina e Hong Kong) sono i paesi in cui l’export dei distretti è cresciuto di più tra il 2008 e il 2016 (+3 miliardi di euro e +1,7 miliardi rispettivamente). La distanza media delle esportazioni distrettuali ha, pertanto, registrato un aumento diffuso in tutti settori (+400 km circa a livello complessivo), con in testa i mobili e i prodotti e materiali da costruzione;

la crescente presenza all’estero con filiali produttive e  commerciali  da  parte delle imprese leader distrettuali, con il duplice obiettivo di rafforzare le loro piattaforme distributive e di ampliare la gamma produttiva. Nell’ultimo anno si sono messe in evidenza soprattutto grandi imprese del settore Agro-alimentare;

il ritorno in Italia di produzioni precedentemente esternalizzate (re-shoring) e il buon interesse degli investitori esteri verso gli asset distrettuali  italiani.  Spiccano, in particolare, soprattutto operazioni che hanno interessato imprese del Sistema moda;

la dinamicità dei distretti agro-alimentari (+29,2% la crescita del fatturato tra il 2008 e il 2017) che sfruttano il know-how e la forza commerciale delle produzioni DOP e IGP italiane (all’interno dei distretti il 72% delle aziende appartiene a un’area a indicazione geografica);

la capacità delle imprese della Meccanica di offrire macchinari interconnessi e soluzioni meccatroniche (il 69% delle imprese dichiara di produrre macchinari 4.0), grazie anche ai forti legami con la filiera ICT. Il 60% delle imprese della Meccanica nell’ultimo anno ha fatto acquisti di tecnologia ICT da fornitori localizzati in Italia, con punte dell’80% tra le imprese di dimensioni medio-grandi;

lo sviluppo in prossimità dei territori distrettuali di poli ICT, in grado di fornire tecnologia utile per introdurre innovazione sia nei processi produttivi sia nei prodotti. Nei poli ICT di Milano, del Veneto e di Bologna e Modena la distanza media degli scambi tra fornitori e acquirenti di tecnologia è bassa (inferiore ai 150 km), mostrando così relazioni molto strette fra attori appartenenti alla stessa area;

la buona diffusione di imprese femminili (pari al 23% del totale), molto presenti nel Sistema moda (quasi una su tre) e, in particolare, nelle specializzazioni più vicine al consumo come l’abbigliamento, la maglieria, l’oreficeria e le calzature. Nella maglieria e abbigliamento di Carpi, ad esempio, un’impresa su due è amministrata da donne;

la presenza di imprese giovanili, soprattutto nel Mezzogiorno, altamente dinamiche e in grado di garantire un ricambio generazionale. Nei distretti un’impresa su dieci è gestita da under 35, con punte del 15,5% nel Mezzogiorno  e del 20% nella Metalmeccanica e nel Sistema moda. Inoltre, tra il 2012 e il 2016 il fatturato delle imprese giovanili localizzate nei distretti è salito del 19%, quasi il doppio rispetto alle altre imprese distrettuali;

la nascita e lo sviluppo di nuove specializzazioni “distrettuali”, come ad esempio la cosmesi, che vanta già oggi 2,3 miliardi di avanzo commerciale, concentrata in alcune province lombarde e competitiva grazie a un mix di fattori: qualità, creatività, design e vicinanza a fornitori di essenze, packaging e macchinari.

Tags:
carlo messinaintesa sanpaolocarlo messina intesa sanpaolointesa sanpaolo distretti industrialigregorio de felice intesa sanpaolo distretti industriali

in vetrina
Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

Massimiliano Allegri e Ambra Angiolini si sposano: nozze a giugno 2019

i più visti
in evidenza
Bonaventura rischia 5 mesi di stop Socio di Elliot: ecco due offerte

Milan News

Bonaventura rischia 5 mesi di stop
Socio di Elliot: ecco due offerte

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

Dal 15 novembre scatta l’obbligo del montaggio di pneumatici invernali

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.