A- A+
Economia
Micillo, Morelli, Barrese e Maioli. Ecco i banchieri del futuro

di Luca Spoldi
Andrea Deugeni

La lunga crisi del credito italiano iniziata nel 2011 non rimescola solo insegne e vecchi marchi del sistema bancario italiano. Il risiko porterà in dote anche un ricambio delle posizioni di vertici del sistema, tra giovani leoni e senior manager il cui profilo è pronto ad essere indicato dai cacciatori di testa in ogni nuova nomina. In parte è già avvenuto, con l’arrivo sulla poltrona di amministratore delegato di Unicredit di Jean-Pierre Mustier, già ai vertici di Societe Generale e poi, dal 2011 al 2014, a capo del Corporate&investment banking dell’istituto, e la promozione di Carlo Messina ai vertici di Intesa Sanpaolo, gruppo in cui entrò da giovane fin dal 1996 come responsabile dell’ufficio Pianificazione del Banco Ambrosiano Veneto.

bper
 

Ma quali sono gli altri “top banker” italiani in attesa di guadagnarsi i galloni da comandante di una delle maggiori banche nazionali quando questi istituti dovranno cambiare timoniere? Di talenti, spiega chi osserva da vicino le vicende del nostro sistema bancario, ce ne sono. E molti. Autentici cavalli di razza di cui presto potremmo sentir parlare. 

Alessandro Vandelli, 58 anni, i galloni li ha già guadagnati con la nomina, tre anni fa, ad amministratore delegato di Bper Banca, gruppo all’interno del quale ha vissuto tutta la sua carriera, iniziata nel 1984 e che lo ha visto assumere con gli anni incarichi di crescente responsabilità tra cui quelli di direttore centrale e poi vice direttore generale e Chief financial officer di Bper, nonché, dal 2010 al 2012, quello di direttore generale della controllata Banco di Sardegna.

Anche Fabrizio Viola, banchiere dalla lunga e ricca carriera nel mondo popolare (è stato in Bpm, Bpvi e Bper), entrato nel gennaio 2012 come direttore generale di Mps, ha ricevuto i galloni da amministratore delegato dello stesso istituto nell’aprile di quello stesso anno. L’avventura a Siena si è conclusa “ex abrupto” lo scorso settembre, con l’arrivo del suo successore Marco Morelli, mentre Viola è stato nominato amministratore delegato di Bpvi e consigliere di amministrazione di Veneto Banca, istituti finiti in liquidazione coatta amministrativa lo scorso 25 giugno di cui Viola resta per ora amministratore delegato.

Victor Massiah
 

Romano come Viola, anche Victor Massiah ricopre da anni incarichi di vertice: prima di essere nominato consigliere delegato di Ubi Banca, nel 2008, l’ex consulente di McKinsey (come Alessandro Profumo, ex numero uno di Unicredit e poi presidente di Mps, passato di recente a guidare Finmeccanica, ma anche come Corrado Passera, già numero uno di Banca Intese, poi di Poste Italiane, infine ministro sotto il governo Monti) ha iniziato la carriera nel Banco Ambrosiano Veneto nel 1997, divenendone già l’anno successivo il direttore commerciale e, ancora un anno dopo, il responsabile area mercato della neocostituita Banca Intesa (nata dalla fusione di Banco Ambrosiano Veneto e Cariplo).

La sua esperienza come consulente deve essergli giovata non poco quando nel 2001 viene nominato amministratore delegato di IntesaBci e Lab, società cui spettava il compito di portare il gruppo a livelli di eccellenza nel mondo dei servizi finanziari facendo leva sulle nuove tecnologie. Nel 2002 Massiah lascia IntesaBci e approda al gruppo Banca Lombarda e Piemontese di cui diventa direttore generale l’anno seguente. E’ la mossa decisiva, visto che la fusione con Bpu - Banche popolari Unite porta alla nascita, nel 2007, di Ubi Banca e il passo indietro di Giampiero Auletta Armenise(romano, figlio del conte Gianni, padre-padrone di Banca nazionale dell’agricoltura, passato poi alla presidenza di Rothschild Bank) porta Massiah sulla poltrona di consigliere di amministrazione del gruppo nel 2008.

claudio costamagna e fabio gallia ape
 

Tra coloro che potrebbero tornare a sedersi su una poltrona “importante” vi è poi certamente Fabio Gallia, il cui nome era circolato a inizio anno tra i possibili sostituti di Francesco Caio come amministratore delegato di Poste Italiane. Gallia, 53enne alessandrino, ha iniziato la sua carriera “dall’altra parte della barricata”, come gestore dei fondi di Ersel-Giubergia, di cui nel 1996 venne nominato Chief investment officer e, tre anni dopo, partner e direttore generale. Lasciato Torino, Gallia si trasferì a Capitalia di cui dal 2002 fu vice direttore generale con responsabilità per le aree finanza e wealth management, per essere l’anno successivo nominato co-direttore generale del gruppo, con responsabilità per le politiche commerciali (oltre ad esser vice presidente del Cda di Capitalia Asset Management Sgr). Dal 2003 al 2005 Gallia è anche Ceo di Fineco, poi con l’assorbimento della società in Capitalia viene nominato Ceo di Banca di Roma, ruolo che lascia solo due anni dopo a seguito dell’acquisizione e fusione di Capitalia in Unicredit.

Il gestore e banchiere alessandrino non rimane disoccupato a lungo: il primo gennaio 2008 è nominato direttore generale della Banca Nazionale del Lavoro (ormai controllata da Bnp Paribas) per diventarne l’amministratore delegato nove mesi dopo. Quatto anni dopo Gallia è nominato “Head of Italy” per Bnp Paribas. Il ruolo offre al banchiere la visibilità necessaria per spiccare il volo verso Cassa depositi e prestiti, di cui è dal luglio del 2015 l’amministratore delegato. A proposito di banchieri italiani che lavorano per gruppi stranieri: tra le “giovani leve” si sta mettendo in luce Giampiero Maioli, classe 1956, entrato in Cariparma nel 1992, sei anni dopo fu il manager che seguì l’ingresso della banca nel gruppo Intesa Sanpaolo.

maioli
 

Sempre Maioli seguì anche, nel 2007, il passaggio dell’istituto al gruppo Credit Agricole (già azionista di Intesa Sanpaolo col 18%), passaggio fondamentale per la nascita del gruppo bancario Cariparma Credit Agricole di cui Maioli è stato nominato da subito direttore generale e poi dal 2010 amministratore delegato. Senior country officer per l’Italia di Credit Agricole, tra le altre cariche Maioli ricopre quella di vice presidente di Amundi Sgr e di Credit Agricole Vita oltre ad essere consigliere di amministrazione di Banca Popolare FriulAdria e Carispezia (le altre due controllate italiane del “gigante verde” transalpino). Incarichi certamente di prestigio, ma il banchiere emiliano (è nativo di Vezzano sul Crostolo) potrebbe ambire ad altro, tanto che il suo nome è circolato a lungo come possibile successore di Federico Ghizzoni ai vertici di Unicredit, prima che Jean-Pierre Mustier vincesse la corsa.

Ultimo ma non meno importante tra i papabili prossimi top banker italiani, Stefano Barrese: anche lui romano, giovanissimo (è del 1970), dal gennaio dello scorso anno Barrese è il responsabile della divisione Banca dei Territori di Intesa Sanpaolo, come dire il cuore dell’impero di Messina. Come altri prima di lui, anche Barrese ha iniziato la sua esperienza professionale (nel 1995) nel settore della consulenza, in Arthur Andersen, per far poi fare il suo ingresso in Banca Intesa tre anni più tardi (dopo un breve passaggio in Erg Petroli).

stefano barrese
 

La fusione tra Banca Intesa e Sanpaolo Imi gli offre la possibilità di occuparsi con ruoli di crescente responsabilità di capital management, controllo sinergie, pianificazione fino alla nomina, nel 2013, a responsabile della direzione Pianificazione e controllo di gestione e della direzione Marketing in Banca dei Territori, per essere poi nominato responsabile Sales and marketing. Sarà un caso, o forse no, la sua scheda viene presentata, sulla pagina dedicata al top management di Intesa Sanpaolo, subito dopo quelle, nell’ordine, di Gian Maria Gros Pietro (presidente), Carlo Messina (amministratore delegato) e Davide Alfonsi (chief risk officer).

La squadra di Ca' de Sass, infine, fanno notare sempre gli attenti osservatori, vanta anche un altro cavallo di razza che è Mauro Micillo (nella prima foto in alto), banchiere a capo del braccio corporate e investment banking di Intesa Sanpaolo, Banca Imi, che avrebbe messo in ombra anche l'esperto Gaetano Miccichè in partenza, secondo alcuni rumors che circolano nella City milanese, verso Cassa Depositi e Prestiti al posto di un demotivato Claudio Costamagna.  Micillo, classe 1970, approda in Banca Intesa ancora sotto la gestione Passera, ma con un incarico di prestigio dopo una lunga carriera nonostante la giovane età (Fineco, Eurizon, Banca Esperia, Capitalia e Banca Popolare di Vicenza): amministratore delegato e direttore generale di Eurizon Capital Sgr e presidente di Eurizon Capital. Nel gennaio 2014 inizia la sua scalata a Banca Imi, partendo dalla poltrona di direttore generale. 

Tags:
banchieri italianimauro micillointesa sanpaologiampiero maiolicariparmamassiah ubifabrizio violamarco morelli mps
in vetrina
Georgina: "Io e Cristiano Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"

Georgina: "Io e Cristiano Ronaldo? Basta uno sguardo e ci capiamo"

i più visti
in evidenza
Cristina Chiabotto si sposa. FOTO Dice sì a Marco Roscio, c'è la data

Costume

Cristina Chiabotto si sposa. FOTO
Dice sì a Marco Roscio, c'è la data


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Camp Jeep 2019: debutto europeo per la Gladiator

Camp Jeep 2019: debutto europeo per la Gladiator


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.