A- A+
Economia
Microsoft e Vodafone insieme per la sicurezza delle imprese italiane

Microsoft e Vodafone annunciano una collaborazione per offrire alle imprese italiane Microsoft 365 Business, la soluzione di Modern Workplace, pensata per le piccole e medie imprese, che integra le tecnologie di Office 365 e Windows 10, con soluzioni avanzate di gestione dei dispositivi in completa sicurezza, per assicurare la massima protezione dei dati aziendali e supporto all’adeguamento al nuovo regolamento generale per la protezione dei dati personali (GDPR).

Una collaborazione coerente con la strategia di Vodafone nell’aiutare le PMI nel loro percorso di digitalizzazione e adeguamento verso il nuovo regolamento, che combina l’affidabilità e la qualità della rete Vodafone, con le soluzioni di sicurezza gestita di Microsoft, per offrire ai clienti la massima protezione nel traffico e nella gestione dei dati. Vodafone è il primo operatore a rendere disponibile nel proprio marketplace la soluzione Microsoft 365, il cui obiettivo è proprio quello di rispondere alle esigenze del nuovo modo di lavorare dei dipendenti delle piccole e medie imprese, basato sempre di più sulla collaborazione, sulla mobilità in completa sicurezza con tool e device evoluti, aumentando la produttività e la creatività non solo individuale, ma anche collettiva, in qualunque luogo e momento (https://cloud-apps.vodafone.it/home).

I dati dell’ultimo rapporto Clusit (Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica) parlano chiaro: gli attacchi informatici sono cresciuti su scala globale del 240% rispetto al 2011 e colpiscono sempre più settori cruciali, come la politica, la finanza e i cittadini privati, che nel 2017 sono stati vittime di crimini informatici su larghissima scala. In Italia sono circa 10 miliardi di euro i danni causati dal crimine informatico, ogni 5 minuti un italiano è vittima del cybercrime, e le PMI sono spesso del tutto inconsapevoli dei rischi che corrono. È da qui che nasce quindi l’esigenza di aiutare le imprese del nostro Paese a garantire la sicurezza dei dati dei loro clienti, soprattutto in un momento in cui, in vista dell’applicazione europea del GDPR, in Italia si stima che solo un’azienda su dieci sarà conforme al nuovo regolamento entro la data della sua applicazione, che il 50% circa delle aziende ha intrapreso azioni per adeguarsi al nuovo regolamento, e che l’87% delle aziende prevede di incrementare il budget destinato alla sicurezza informatica nei prossimi tre anni. (Fonte: Osservatorio Information and Privacy School Management Politecnico di Milano, 6 febbraio 2018).

Tags:
microsoftvodafone

in vetrina
Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

Zverev batte Djokovic: a 21 anni è il re delle Atp Finals 2018

i più visti
in evidenza
Si ferma anche Calhanoglu Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Milan News

Si ferma anche Calhanoglu
Allarme infortuni, Gattuso in crisi

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Opel punta a un ruolo guida nel progresso della mobilità elettrica

Opel punta a un ruolo guida nel progresso della mobilità elettrica

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.