A- A+
Economia
Moda: bene Aeffe e Piquadro, soffrono Tod’s e Safilo. Chi vince e chi perde

Moda e lusso, non è tutto oro ciò che luccica a giudicare dai conti trimestrali e dall’andamento dei titoli dell’indice Ftse Italia Moda Prodotti per la casa e la persona, che anche oggi sfiora un punto percentuale di perdita, andando a ridurre la già non esaltante performance a 12 mesi (+8,7%, contro il +13,8% messo a segno dall’indice Ftse Mib nello stesso periodo). Se piccoli gruppi della moda e del lusso “made in Italy” come Aeffe e Piquadro continuano a sorprendere positivamente, per “big” del calibro di Tod’s e Safilo resta ancora molto lavoro per tornare a veder crescere fatturato e utili, dopo qualche passo falso fatto in un recente passato, come l’aver sottovalutato l’importanza del canale e-commerce.

 

Si prenda Tod’s: il gruppo di Diego della Valle ha registrato risultati 2017 in linea con le attese, con fatturato in calo del 4% a 963 milioni di euro, un Ebitda leggermente migliore del previsto a 160,5 milioni, ma comunque in calo dell’11% rispetto all’esercizio precedente, un utile netto di 71 milioni (-18%) su cui ha pesato anche un maggiore tax rate e una posizione finanziaria netta positiva per soli 9 milioni contro i 19 milioni attesi, complice un incremento del magazzino. Numeri che si legano ad un outlook non particolarmente incoraggiante secondo gli esperti di Equita Sim che sottolineano come il management appaia ancora impegnato “in diverse iniziative di rilancio del business”.

 

Tod’s “ha confermato in particolare il concetto che il primo semestre sarà più difficile e che bisognerà aspettare il secondo semestre per vedere dei miglioramenti, come già indicato da Della Valle a gennaio”. Sensazione rafforzata anche dal fatto che l’unico marchio che continua a crescere per ora è Roger Viver (+7,8% del fatturato a 179,3 milioni di euro), mentre il marchio principale, Tod’s, ha registrato una contrazione delle vendite del 7,7% a 515,7 milioni di euro. I soli segnali positivi vengono dall’e-commerce, “che cresce a doppia cifra, anche oltre il 30%” come ha sottolineato il direttore finanziario Emilio Macellari.

 

Quanto a Safilo il 2017 si è chiuso con una perdita netta di 251,6 milioni di euro, contro il rosso da 142,1 milioni dell’anno precedente, a causa in particolare di poste non ricorrenti. La perdita rettificata è comunque salita a 47,1 milioni di euro, ossia oltre il triplo rispetto ai 15,4 milioni del 2016, con un peggioramento anche dei margini operativi (l’Ebitda è crollato del 68% a 25,9 milioni, mentre il dato rettificato si è comunque contratto del 53,7% a 41,1 milioni). Il tutto a fronte di vendite nette pari a 1,047 miliardi, in calo del 16,4% (-15,5% a cambi costanti), complice il passaggio del marchio Gucci da licenza a contratto di fornitura.

 

Per il 2018 l’azienda guidata dal presidente Eugenio Razelli (in attesa che dal primo aprile arrivi, da Unilever, il nuovo Ceo, Angelo Trocchia) si attende un progressivo recupero delle normali condizioni di business nei mercati maturi, mentre sui mercati emergenti si dovrebbe registrare una crescita più robusta. A cambi costanti la società padovana si attende “che le vendite del portafoglio dei marchi in continuità tornino a crescere nel 2018, compensando l’uscita della licenza Céline” e che il margine Ebitda rettificato migliori grazie ad un incremento del margine industriale lordo, “sul quale dovrebbero incidere una migliore dinamica del price/mix di vendita e ulteriori efficienze distributive e di approvvigionamento, e attraverso il completamento, entro l’anno, dell’annunciato piano di efficientamento dei costi generali”.

 

Insomma, anche per Safilo la speranza è di vedere qualche segnale incoraggiante più nella seconda parte dell’anno che da qui a giugno, nel frattempo il debito netto del gruppo è salito a 131,6 milioni, contro i 48,4 milioni a fine 2016. Cosa che in uno scenario che sta andando verso la fine del “denaro a costo zero” potrebbe non sembrare del tutto rassicurante agli occhi degli investitori più prudenti. Forse anche per questo la società ha preferito non proporre la distribuzione di dividendi.

 

Tanto nel caso di Tod’s quanto di Safilo, a conti in calo e scarsa visibilità sull’andamento futuro degli utili gli analisti hanno subito risposto con nuove sforbiciate dei target price: Ubs ha tagliato quello sul gruppo di Della Valle da 48 a 45 euro per azione, mentre Kepler Cheuvreux ha limato quello su Safilo da 4,8 a 4,6 euro. In compenso accanto a grandi nomi che sembrano avere ancora una volta deluso, vi sono alcuni gruppi di minori dimensioni che continuano a sorprendere in positivo a conferma della vivacità del settore.

 

E’ il caso di Piquadro e Aeffe: nel caso del gruppo guidato da Marco Palmieri il titolo, salito già del 4% nelle ultime cinque sedute, mette a segno un rialzo di oltre lo 0,8% anche oggi nonostante un calo quasi l’1% dell’indice Ftse Mib, dopo aver confermato che sono in corso trattative in esclusiva con Richemont per verificare la possibilità di pervenire a un accordo definitivo per acquisire la Maison Lancel, al momento controllata del gruppo francese (che da poco ha lanciato un’Opa sull’italo-francese Yoox Net a Porter) e attiva nell’ideazione, produzione e distribuzione di articoli di pelletteria. Lancel è da tempo in affanno, con vendite calate dai 137 milioni del 2011-2012 a meno di una settantina di milioni, tanto che nel 2012 Richemont aveva già provato a cederla a Kering, che però aveva risposto con un cortese diniego.

 

Aeffe, invece, dopo un +14% segnato nei cinque giorni precedenti oggi ha chiuso in allungo del 6,3% a 2,625 euro, facendo così salire la capitalizzazione ad oltre 275 milioni di euro (circa l’83% di rialzo rispetto a un anno fa). Come ricordavano già alcuni giorni fa gli analisti di Mediobanca Securities, che giudicano il titolo un “outperform” (ossia un titolo in grado di fare meglio del mercato) ed hanno appena alzato il target price da 3 a 3,3 euro per azione, a far correre le quotazioni è l’indicazione di un “buon inizio” d’anno fornita dalla società  in occasione della presentazione dei conti 2017, chiusi con una crescita dei ricavi (+11,4%), dei margini (Ebitda +45,1%) e dell’utile netto, volato dai 3,5 milioni del 2016 a 11,5 milioni lo scorso anno, il tutto con un indebitamento in calo da 59,5 a 50,6 milioni.

 

Tags:
moda contiaeffepiquadrotod’ssafiloe-commerce

in vetrina
Laura Torrisi di nuovo single con il rallysta Luca Betti è finita. E Inzaghi... I GOSSIP

Laura Torrisi di nuovo single con il rallysta Luca Betti è finita. E Inzaghi... I GOSSIP

Advertisement
Advertisement
i più visti
in evidenza
"No al Grande Fratello Vip 3" Rifiuto eccellente. News cast

Spettacoli

"No al Grande Fratello Vip 3"
Rifiuto eccellente. News cast

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Il 24 giugno Alfa Romeo compie 108 anni

Il 24 giugno Alfa Romeo compie 108 anni

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.