A- A+
Economia
Consob chiede danni per 723mila € e condanna. Fondazione Mps ne vuole 623

Mps: Consob chiede danni per 723mila euro e condanna imputati 

Consob, parte civile nel processo Mps al tribunale di Milano, ha chiesto al tribunale la condanna degli imputati come da richiesta della procura e la condanna dei responsabili civili Mps, Deutsche Bank e Nomura, oltre che il riconoscimento del danno non patrimoniale nei suoi confronti 'da valutare in modo equitativo' e il risarcimento del danno patrimoniale per un massimo di 743mila euro e un minimo di 298mila euro, pari a quanto e' costato alla Consob il lavoro in piu' svolto nella vicenda Mps. In via subordinata, l'avvocato Provvidente ha chiesto per la Commissione l'accertamento del danno da valutare in maniera equitativa e di una provvisionale di 295mila euro. Per il legale 'il mercato non e' stato informato della reale situazione della banca', e quindi erano state approntate le operazioni Santorini e Alexandria 'per coprire le perdite' in parte provocate dall'acquisizione di Antonveneta. La Consob si e' costituita parte civile per il reato di manipolazione del mercato relativa alle operazioni Alexandria, Santorini e Fresh del 2008, e per quello di ostacolo alle funzioni di vigilanza per le operazioni Alexandria e Chianti classico. Infine la Banca d'Italia, parte civile nello stesso procedimento in merito al reato di ostacolo alle funzioni di vigilanza per le operazioni Fresh del 2008 e Chianti classico, ha chiesto che le venga riconosciuto il danno da valutare in maniera equitativa.

Mps: Fondazione Mps chiede 623 milioni di risarcimento 

 La Fondazione Mps, parte civile nel processo in corso al tribunale di Milano, ha chiesto un risarcimento per danni patrimoniali e non patrimoniali di quasi 623 milioni di euro. La richiesta e' arrivata dall'avvocato Giunta nei confronti dei 5 imputati nei confronti dei quali la Fondazioni e' costituita parte civile: Daniele Pirondini, ex direttore finanziario, Gian Luca Baldassarri, ex responsabile dell'area Finanza, Marco Di Santo, all'epoca dei fatti responsabile Alm (Asset lliabilities management e capital management) all'interno dell'area Tesoreria e Capital management, sempre della banca senese, Sadeq Sayeed, all'epoca dei fatti ceo di Nomura International Plc London, e Raffaele Ricci, che era responsabile delle vendite per l'Europa e il Medio Oriente di Nomura. 

Secondo l'avvocato Giunta 'Fondazione Mps ha assunto delle decisioni rovinose per il proprio patrimonio, indotta da false informazioni' e sulla base 'di falsita' di bilancio ha partecipato a un aumento di capitale' di Mps, per sostenere il quale 'ha chiesto un finanziamento di 600 milioni di euro'. Inoltre, 'quando e' stato svelato il falso in bilancio, Fondazione Mps ha venduto le azioni Mps a un prezzo unitario quasi dimezzato rispetto al valore di acquisto'. In questo modo si sono creati sia danni patrimoniali che non patrimoniali alla Fondazione. In particolare, i danni non patrimoniali, stimati in circa 100 milioni di euro, derivano 'dalla lesione del diritto dell'operatore a operare le proprie scelte' in maniera consapevole e dalla 'lesione alla reputazione' della Fondazione 'nell'accostamento alle condotte di Mps'. I danni patrimoniali, valutati in circa 520 milioni di euro, derivano dal 'danno da sottoscrizione' dell'aumento di capitale della banca senese e dal 'deprezzamento delle azioni vendute dopo lo svelamento della falsita' di bilancio'. In via subordinata, l'avvocato di Fondazione Mps ha chiesto il riconoscimento del danno da valutare in sede civile e una provvisionale complessiva di 53 milioni di euro, di cui 32 milioni nei confronti di Pirondini e Di Santo e 21 milioni nei confronti di Baldassarri, Sayed e Ricci. Come ulteriore richiesta in subordine, infine, la Fondazione Mps ha chiesto al tribunale di Milano il riconoscimento di una provvisionale da valutare in modo equitativo. Nei confronti dell'ex presidente di Mps Giuseppe Mussari e dell'ex direttore generale Antonio Vigni, anch'essi imputati in questo procedimento, la Fondazione Mps non si e' mai costituita come parte civile, in quanto e' in corso nei loro confronti una causa civile al tribunale di Firenze. Per quanto riguarda gli altri imputati (ex manager di Deutsche Bank), Fondazione Mps ha ritirato la costituzione di parte civile nel corso del processo perche' e' stato raggiunto un accordo transattivo. 

Commenti
    Tags:
    mpsmps consobconsobmps consob dannifondazione mps risarcimentoconsob mps danni
    i più visti
    in evidenza
    LAETITIA CASTA, COVER NUDA Dalla Isoardi a Belen... Le foto

    GOSSIP E LE FOTO DELLE VIP

    LAETITIA CASTA, COVER NUDA
    Dalla Isoardi a Belen... Le foto


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Honda-E, la city car di moda

    Nuova Honda-E, la city car di moda

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.