A- A+
Economia
Mutui, lo spread presenta il conto. Evitare in banca i rincari autunnali
Mutuo

Quattro mesi (dal 7 maggio scorso a oggi) sono bastati al Ftse Mib per passare dal massimo degli ultimi 9 anni e mezzo ai livelli attuali, ovvero dal +12% al -7% di performance da inizio anno e in parallelo allo spread Btp-Bund per balzare dall’1,22% al 2,85%. Dire che i mercati attendano al varco il governo italiano è poco, se è vero come è vero che la performance della Borsa di Milano in questi quattro mesi è stata la peggiore di tutte in Europa con l’eccezione di Atene e che il rendimento dei Btp decennali solo nell’ultimo mese è balzato dal 2,72% al 3,22%, il dato peggiore dal 2013 in qua.

mutui contratto mutuo
 

Potrebbe sembrare che le vicissitudini di Piazza Affari e dei titoli di stato italiani (che per Goldman Sachs sono destinate a continuare almeno sino alla presentazione della manovra di bilancio, a metà ottobre) siano una questione che interessa solo chi investe i propri risparmi in tali asset, ma non è così: l’incremento del “rischio Italia” finisce infatti col riverberarsi in un costo della raccolta che per le banche italiane è superiore a quello delle loro principali concorrenti europee e mondiali. A sua volta tale incremento di costo va a comprimere i già limitati margini di guadagno dei nostri istituti, che sono ancora alle prese col progressivo smaltimento degli stock di debiti deteriorati accumulatisi negli anni della crisi.

Borsa
 

Così inevitabilmente la tentazione di scaricare almeno una parte dei costi sulla clientela, quindi sui nuovi mutui e sui nuovi fidi, è grande anche perché nel primo semestre dell’anno gli spread medi di offerta su mutui a tasso variabile e a tasso fisso si erano ridotti ai minimi storici, inducendo persino una ripresa delle domande di surroga per cercare di approfittare di tale situazione.

Chi vi è riuscito si è assicurato un interessante sconto: un mutuo del valore di 140.000 euro, durata 20 anni, valore immobile 220.000 euro, in media ha visto applicato al suo nuovo contratto uno spread dello 0,7% sull’Euribor a 6 mesi (contro lo 0,8% applicato nel primo trimestre dell’anno), tasso usato come riferimento in questa tipologia di contratti e che da aprile a oggi è aumentato solo frazionalmente passando da un tasso negativo dello 0,272% ad uno negativo dello 0,268%, consentendo al tasso finale pagato dai mutuatari di mantenersi attorno allo 0,5% annuo.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    mutuirate mutuo spreadtassi mutui fissi e variabili

    i più visti
    in evidenza
    La moglie rompe il silenzio "Michael è un combattente e..."

    Schumi, parla Corinna

    La moglie rompe il silenzio
    "Michael è un combattente e..."

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Moto Guzzi. L’Aquila torna… in pista con il Trofeo “Fast endurance”

    Moto Guzzi. L’Aquila torna… in pista con il Trofeo “Fast endurance”

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.