A- A+
Economia
Officina Stellare debutta su AIM Italia

Borsa Italiana dà oggi il benvenuto su AIM Italia a Officina Stellare, società attiva nella progettazione e produzione opto meccanica di strumentazione scientifica (telescopi) per applicazioni quali osservatori astronomici, stazioni di monitoraggio, sistemi in orbita.

In fase di collocamento la società ha raccolto 5,2 milioni di Euro. Il flottante al momento dell’ammissione è del 15,00%, (15,63% in caso di esercizio integrale dell’opzione Greenshoe) con una capitalizzazione pari a 33,0 milioni di Euro.

Officina Stellare è stata assistita da Banca Finnat in qualità di Nominated Advisor, Global Coordinator e Specialist dell’operazione.

Officina Stellare debutta su AIM Italia: il commento di Borsa Italiana

In occasione dell’inizio delle negoziazioni Barbara Lunghi, Head of Primary Markets di Borsa Italiana, ha affermato: “Siamo lieti di celebrare oggi la quotazione su AIM Italia di Officina Stellare, PMI innovativa nel settore aerospaziale con uno spiccato orientamento alle ricerca scientifica. Riteniamo che la quotazione in Borsa Italiana rappresenti per Officina Stellare un’opportunità importante per continuare a competere nel settore della New Space Economy e per alimentare ulteriormente le proprie ambizioni di sviluppo, visibilità ed espansione a livello globale, coinvolgendo un’ampia platea di investitori”.

Luca Tavano, Head of Italy Mid&Small Caps Product Development Borsa Italiana, ha detto ad Affaritaliani.it: “Questo momento estivo è un momento caldo in tutti i sensi perché è il periodo in cui generalmente arrivano più quotazioni. Su AIM con Officina Stellare arriva oggi la quattordicesima IPO che porta a 118 le società quotate sui nostri mercati. Per i prossimi mesi abbiamo delle buone aspettative, auspichiamo infatti una buona stabilità nei mercati finanziari”.

tavano borsa
Tavano (Borsa): "Momento estivo è caldo anche per le molte acquisizioni"

Debutto sull' AIM per la "Ferrari" dei telescopi

OFFICINA STELLARE (OS) è una PMI innovativa con sede legale a Sarcedo, in provincia di Vicenza, attiva nella progettazione e produzione di telescopi e strumentazione ottica ed aerospaziale “d’eccellenza”, sia ground-based che space-based.

La società è stata fondata nel 2009 da Riccardo Gianni (Presidente), Giovanni Dal Lago (Amministratore delegato) e Gino Bucciol (Responsabile Business Development), ai quali si è aggiunto nel 2012 il socio e consigliere Fabio Rubeo.

Giovanni Dal Lago, CEO e co-fondatore di Officina Stellare, ha dichiarato ad Affaritaliani.it: "Produciamo telescopi d’eccellenza, strumenti che vengono utilizzati per applicazioni di ricerca, difesa e aerospaziali. Abbiamo deciso di quotarci perché il mercato della new space economy è molto importante e l’AIM è un’ottima opportunità per raccogliere capitali che andremo a investire in nuove infrastrutture e in facility per una vera e propria space factory. Il processo di IPO è andato molto bene. È stato un treno in corsa abbiamo iniziato sei mesi fa. Come advisor finanziario abbiamo Ambromobiliare. Il nomad è Banca Finnat. La società è inoltre assistita dallo Studio Legale Chiomenti in qualità di Advisor Legale, dallo Studio Pompanin Dimai come Tax advisor, da Hepteris Studio come advisor per il Business Plan. La società di revisione incaricata è Mazars, mentre Clarkson Hyde ha agito in qualità di revisore incaricato della due diligence delle informazioni gestionali e di mercato. Close to Media è consulente per la comunicazione".

dal lago
Dal Lago (CEO OS): "Con i capitali raccolti daremo vita a una space factory"

"Siamo nati 10 anni fa e non abbiamo cominciato in un garage, ma in un appartamento" - ha detto Riccardo Gianni, Presidente Officina Stellare. "Volevamo un nome italiano per vendere in tutto il mondo il nostro prodotto di alto livello. Avevamo, insomma, in mente la Ferrari. L’Italia non solo nel nome ma anche nel logo: le due stelle sono infatti un disegno di Galileo".

Officina Stellare annovera tra i propri clienti consolidati la NASA, il KASI (Korea Astronomy and Space Institute) ed altre importanti agenzie spaziali e molti tra i principali player internazionali, sia corporate che governativi, del mercato aerospaziale globale.

Officina Stellare punta a realizzare la prima Space Factory riconosciuta a livello mondiale, un luogo espressamente dedicato allo sviluppo delle tecnologie applicate all’Aerospazio. L’azienda conta così di consolidare la propria posizione e il proprio core business nella New Space Economy tramite la fornitura di competenze e prodotti ad aziende terze del settore (B2G e B2B) e lo sviluppo di beni ed applicazioni commerciali da posizionare direttamente sul mercato col brand Officina Stellare (B2C).

Con New Space Economy s’ intende la nuova serie di opportunità commerciali che si renderanno disponibili nel prossimo futuro grazie alla cosiddetta “democratizzazione dello spazio”, ovvero la crescente accessibilità all’ambito spaziale concessa agli operatori commerciali (e non più solo agli enti più importanti, come principalmente avviene ora).

Commenti
    Tags:
    officina stellareaim italiaborsa italiana
    i più visti
    in evidenza
    Agostino Penna vince Tale e Quale Pronostico di Affari azzeccato

    MediaTech

    Agostino Penna vince Tale e Quale
    Pronostico di Affari azzeccato


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Volkswagen T-Roc R: il crossover da… pista!

    Volkswagen T-Roc R: il crossover da… pista!

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.