A- A+
Economia
Pace fiscale si ha con la pace intellettuale

È difficile accettare l’idea che chi ha pendenze con il fisco, possa chiudere la propria posizione debitoria con una piccola cifra rispetto all’ammontare della cartella esattoriale. Questo perché, anzitutto, urta chi con sacrificio si sente trattato “da fesso”, pagando fino all’ultimo centesimo ogni sussulto dell’Agenzia delle Entrate.

Vero, tuttavia bisogna scindere il condono – vissuto come un indulto a causa di una pressione fiscale disarmante – dalla pace fiscale, che somiglierebbe di più ad una amnistia. Ovvero una rinuncia generale dello Stato a martoriare le tasche dei cittadini da quel momento in poi. In sostanza, si inverte il paradigma, non è il contribuente ad essere in fallo, ma lo Stato stesso che ammette di avere esagerato e rinuncia a buona parte delle richieste erariali.

Spiega il Senatore e Sottosegretario Armando Siri, ideatore leghista di questa proposta:  "Dobbiamo dare la possibilità a chi oggi viene considerato 'inesigibile’ di saldare il proprio debito con una piccola somma. Le cartelle potranno essere saldate pagando un'aliquota variabile, del 6, il 10 o il 25% a seconda dell'entità del debito e del reddito del debitore". Prosegue nel ragionamento: "Ci sono 750 miliardi di euro di questi crediti inesigibili, che si considerano tali ma solo nelle condizioni date. Se cambiamo queste condizioni, le rendiamo più favorevoli, la gente pagherebbe un prezzo ragionevole per recuperare dignità: Qui parliamo di persone inseguite dal Fisco che non possono avere conti correnti, o un bancomat, che si devono nascondere". 

In visibile contrapposizione con i dati snocciolati dal Ministro dell’Economia Tria negli scorsi mesi, che aveva fortemente ridimensionato il parterre del recuperabile. Una svista, per errore di calcolo, approccio, ed algoritmo ministeriale. È ovvio che la platea degli esigibili, considerando le attuali richieste del Fisco, sia molto più piccola rispetto a quella che si avrebbe con questo progetto di legge. Spiegandoci meglio, un ex artigiano con 50mila euro di cartella che ha perso il lavoro, non riuscirà mai a chiudere la propria pendenza con il fisco, ma se come afferma Siri gli proponessimo un saldo e stralcio di 5mila euro, farebbe lo sforzo di pagare pur di tornare in regola, riaprire un conto corrente e magari una Partita Iva. Tornando sul mercato, ottiene dignità, e soprattutto da una mano alla spirale virtuosa della crescita.

Tutto ciò, come dicevamo all’inizio, si accompagna ovviamente con un nuovo testo dei tributi, cardine della Flat Tax al 15% (sempre partorita da Siri) che potrebbe andare a regime nel giro di tre esercizi.

Andrea Lorusso
Twitter @andrewlorusso

Commenti
    Tags:
    pace fiscalefiscoflat tax

    i più visti
    in evidenza
    Il fatto della settimana Tria e Di Maio visti dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Tria e Di Maio visti dall'artista

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Scandola d’Amore si aggiudicano il 25° Rally Adriatico

    Scandola d’Amore si aggiudicano il 25° Rally Adriatico

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.