A- A+
Economia
Palazzi, navi, filiali e prestiti in sofferenza: al via il gran ballo delle cessioni delle banche Ue

Cosa hanno in comune 38 palazzi, una flotta mercantile del Mare del Nord, degli sportelli bancari in Portogallo e dei complessi immobiliari in Spagna? Sono tutti asset ritenuti non più strategici dalle banche che li possedevano fino a qualche giorno fa e che pertanto li hanno ceduti. In verità tali asset condividono anche un’altra caratteristica: sono quasi sempre asset “distressed” ossia frutto di investimenti e prestiti colpiti dalla crisi finanziaria del 2008 o dal perdurante della debolezza dell’economia europea da allora. Con l’estate, mentre l’attenzione della maggioranza di analisti e investitori è rivolta alle evoluzioni della crisi greca e delle prospettive dell’euro, le grandi banche europee hanno infatti deciso di accelerare nuovamente le cessioni con cui ormai da alcuni anni stanno via via riducendo l’esposizione al rischio e alleggerendo i propri bilanci.

A cedere i 38 immobili, del valore complessivo di 205 milioni ed oggetto di contratti di leasing risolti e tornati nella disponibilità della società, è stata Unicredit (4 degli immobili in questione erano in comproprietà con Mediocredito Italiano, gruppo Intesa Sanpaolo). La flotta di 18 mercantili (13 porta container e 5 cargo dry bulk) apparteneva invece a Commerzbank, che l’aveva costituita nel 2003 fondando Hanseatic Ship Asset Management (Hsam) nell’ambito di una strategia volta a ridurre l’esposizione della banca tedesca all’industria dei trasporti marittimi. Barclays sarebbe invece in trattative “avanzate” per vendere la sua rete di sportelli in Portogallo (ma sarebbe intenzionata a mantenere il controllo del business delle carte di credito).

Infine sarebbe CaixaBank ad essere impegnata a definire in queste ultime ore la cessione di un portafoglio di prestiti non performanti (“bad loans”) del valor nominale di 790 milioni di euro collegati a complessi immobiliari appena ultimati e a terreni e case ancora in costruzione. Ma se le grandi banche europee vendono, chi compra? Quasi sempre operatori specializzati nella gestione di asset “distressed”, ma non solo. Nel caso degli immobili ceduti da Unicredit a muoversi è stato il fondo Kona (controllato da Bnp Paribas), le cui quote, peraltro, saranno “nella disponibilità di fondi di investimento affiliati a Cerberus European Investments”. I crediti cartolarizzati legati ai progetti immobiliari spagnoli starebbero invece per finire nel portafoglio di Blackstone.

E le navi? Se le sono comprate KKR in joint venture con Borealis Maritime attraverso il veicolo finanziario Embarcadero Maritime III, sborsando la somma di 254,5 milioni di dollari. In quest’ultimo caso KKR e Borealis Maritime hanno visto salire a 50 vascelli la flotta che controllano complessivamente dopo aver già investito oltre 600 milioni di dollari, ma hanno fatto sapere di essere intenzionati a sfruttare ulteriori occasioni che si presentassero per nuove transazioni. Si noti che KKR è lo stesso gruppo che a fine giugno aveva annunciato il lancio di una “piattaforma” italiana, guidata da Andrea Giovanelli e che si avvarrà di Alvarez&Marsal come “preferred service provider”, destinata a fornire a società italiane medio-grandi capitali e competenze operative per aiutarle a uscire definitivamente dalla crisi. A tale piattaforma, nel cui portafoglio iniziale sono state inclusi gruppi industriali come Alfa Park, Burgo, Comital Saiag, Lindberg, Manucor e Orsero, Unicredit e Intesa Sanpaolo trasferiranno, al determinarsi di alcune condizioni, la rispettiva esposizione in crediti e in capitale di rischio nei confronti di un selezionato numero di imprese in ristrutturazione (ma la “bad bank”, come inizialmente era stata denominata l’operazione, è aperta anche ad altre banche e società).

Tags:
bancheasset
Loading...
in vetrina
Milan, Piatek e... l'obiettivo 70 milioni di euro

Milan, Piatek e... l'obiettivo 70 milioni di euro

i più visti
in evidenza
Marcuzzi, un mare di 'nostalgia' Senza reggiseno. E lato B..

TAYLOR MEGA, SHARM BOLLENTE

Marcuzzi, un mare di 'nostalgia'
Senza reggiseno. E lato B..


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ford svela la nuova Mustang Mach-E da 465 CV

Ford svela la nuova Mustang Mach-E da 465 CV


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.