A- A+
Economia
Pensioni, arriva la quota 100. L'età effettiva? Non è detto che si abbassi
Foto LaPresse

Tra i punti qualificanti del “contratto di governo” sottoscritto da Lega e M5S, il capitolo previdenziale è incentrato sull’abolizione della riforma Fornero, l’introduzione della possibilità di andare in pensione da parte di lavoratori che con 41 anni di anzianità contributiva raggiungano “quota 100” sommando la propria età anagrafica, la separazione tra assistenza e previdenza e la proroga dell’opzione donna che permette alle lavoratrici con 57 anni (58 se autonome) e 35 anni di contributi di andare subito in pensione. Ultimo ma non meno importante punto, il contratto prevede l’erogazione di una pensione di cittadinanza rappresentata da un’integrazione per quei pensionati che ricevano un assegno inferiore ai 780 euro mensili.

Elsa Fornero apeFoto LaPresse
 

Detto che secondo i calcoli di enti indipendenti come l’Osservatorio Cpi guidato da Carlo Cottarelli questa riforma previdenziale costerebbe 8,1 miliardi, per i quali non si è finora precisata alcun tipo di copertura, cosa cambierebbe per i lavorori italiani se la riforma riuscisse comunque ad essere approvata in Parlamento?

Partiamo dai numeri attuali: il bilancio previsionale dell’Inps per il 2018 parla di 227,3 miliardi di entrate previdenziali (i contributi pagati da imprese e lavoratori) e 321,5 miliardi di prestazioni previdenziali (ossia le pensioni erogate). A coprire il buco di oltre 94 miliardi ci pensa lo stato, da cui l’Inps prevede di ricevere quest’anno 108,3 miliardi.

Le due principali prestazioni previdenziali sono ad oggi la pensione di vecchiaia e quella anticipata: quanto alla ripartizione delle uscite, per l’anno in corso l’Inps prevede di erogare a ex lavoratori dipendenti privati 158,8 miliardi di euro, a ex lavoratori dipendenti pubblici 71,7 miliardi, a ex autonomi 33,3 miliardi, a invalidi civili 18,3 miliardi e a parasubordinati e liberi professionisti meno di 1,2 miliardi. In linea generale al momento per ottenere la prima il lavoratore deve avere almeno 66 anni e 7 mesi di età (che dovrebbero salire a 67 anni dal prossimo primo gennaio) e 20 anni di contributi versati, per la seconda occorrono 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne, un anno in più per gli uomini, a prescindere dall’età anagrafica (il requisito dovrebbe salire di 5 mesi dal primo gennaio 2019).

(Segue...)

Tags:
pensioniquota 100 pensioni cosa cambianovità pensioniriforma pensioni m5s-legadi maio salvini pensioniinpscontratto di governoforneropensione di vecchiaiapensione anticipata
Loading...
in vetrina
Milan, Piatek e... l'obiettivo 70 milioni di euro

Milan, Piatek e... l'obiettivo 70 milioni di euro

i più visti
in evidenza
Marcuzzi, un mare di 'nostalgia' Senza reggiseno. E lato B..

TAYLOR MEGA, SHARM BOLLENTE

Marcuzzi, un mare di 'nostalgia'
Senza reggiseno. E lato B..


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Parte da Parigi la rivoluzione elettrica di DS Automobiles

Parte da Parigi la rivoluzione elettrica di DS Automobiles


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.