A- A+
Economia
Pensioni d'oro, "formula Letta" per Di Maio. Come non farsi bocciare il taglio
Foto LaPresse

Pensioni d’oro: Luigi Di Maio va in cerca di un argomento “pop” con cui animare l’estate 2018 e lo trova negli assegni previdenziali per chi prende “4-5.000 euro netti senza aver pagato i contributi adeguati”: la prossima settimana, ha dichiarato il ministro pentastellato, “calendarizzeremo il taglio delle pensioni d’oro” in Commissione Lavoro al Senato. Detta così sembrerebbe una bazzecola arrivare a “un taglio dell’assegno”. Di Maio è talmente sicuro che si tratti di una misura “di giustizia sociale” che promette: “Ce la metteremo tutta” affinché il provvedimento sia pronto prima della pausa estiva.

Che il tema della perequazione delle pensioni, con taglio di quelle più elevate non potendosi più promettere l’innalzamento di tutte le altre sia un tema politicamente molto “pop” è evidente, che sia facile passare dalla parole ai fatti è tutto meno che scontato. Il primo a provarci fu Silvio Berlusconi nel 2011, introducendo un contributo di solidarietà del 5% per chi percepiva una pensione tra i 90 e i 150 mila euro annui, del 10% tra i 150 e i 200 mila euro annui e del 15% sopra i 200 mila euro annui, da applicare peraltro solo fino al 2014. La misura non dispiacque neppure a Mario Monti, che succeduto a Berlusconi confermò l’applicazione del contributo.

Peccato che la misura sia stata poi sonoramente bocciata dalla Corte Costituzionale, in quanto lesiva del principio di uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge (articolo 3 della Costituzione), perché il contributo si applicava non a tutti, ma solo ad alcune categorie di cittadini (appunto chi percepiva pensioni superiori ai 90 mila euro annui). Variare l’indicazione del tetto da annuale a mensile non sembra poter variare la fondamentale discriminazione che una norma specificamente “contro” le pensioni d’oro rischia di avere insita in sé. Con l’evidente rischio di un’ennesima bocciatura e dunque, come accaduto già nel 2013, con la necessità di rimborsare pari pari i prelievi effettuati, maggiorati d’interesse.

Ma perché la Corte Costituzionale non giudica tassare le “pensioni d’oro” quell’atto di “giustizia sociale” di cui parla Di Maio? Perché nel momento in cui il legislatore sceglie di trattare diversamente i redditi dei titolari di trattamenti pensionistici da chi le stesse cifre le percepisce ad esempio come reddito da lavoro o d’impresa, compie un atto discriminatorio.

Nel caso del contributo di Berlusconi-Monti, ad esempio, il contributo di solidarietà, notò la Corte, si applicava “su soglie inferiori e con aliquote superiori”, rispetto a tutti gli altri cittadini per i quali la misura era prevista per “redditi oltre 300.000 euro lordi annui, con un’aliquota del 3%, salva in questo caso la deducibilità dal reddito”. Insomma: non è incostituzionale tassare le pensioni “d’oro” o meno che siano.

E’ incostituzionale tassare diversamente chi guadagna 90 mila euro (o qualsiasi altra soglia) in quanto titolare di pensione rispetto a chi li guadagna, ad esempio, affittando appartamenti o a chi li intasca come stipendio. Un precedente a favore della tassazione delle pensioni d’oro, del resto, esiste: il governo di Enrico Letta, succeduto a quello di Monti, impose a sua volta un contributo di solidarietà per le pensioni sopra la soglia dei 91 mila euro, intascando 160 milioni di prelievo fiscale. In questo caso la Corte Costituzionale ritenne legittimo il prelievo trattandosi di un contributo “interno al circuito previdenziale, giustificato in via del tutto eccezionale dalla crisi contingente e grave del sistema”.

(Segue...)

Tags:
pensioni d’oronovità pensionipensioni d'oro corte costituzionalepensioni newsluigi di maiofiscoprevidenzaequità sociale

i più visti
in evidenza
Quando finisce il caldo anomalo Pronta l'irruzione di aria fredda

Cronache

Quando finisce il caldo anomalo
Pronta l'irruzione di aria fredda

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Groupe PSA si aggiudica il « International Van Of The Year 2019 »

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.