A- A+
Economia
Pensioni, rivalutazione e aumento dell'1,1%


Advertisement
Advertisement

Per i pensionati arriva un piccolo aumento e per chi vuole smettere di lavorare diventano pienamente operativi sia l'anticipo pensionistico volontario, che dovrebbe scattare a gennaio, sia quello 'social' con i costi a carico dello Stato. Quest'ultimo si allarga a più categorie: anche a disoccupati ed a chi assiste familiari invalidi o disabili. C'è poi - scrive l'Ansa - un anticipo ad hoc, al massimo di 2 anni, per le mamme lavoratrici. Sono queste, in campo previdenziale, le principali novità che scattano con il nuovo anno.

Subito la rivalutazione - Con la rata di pagamento del 3 gennaio torna l'indicizzazione dei trattamenti, dopo due anni di blocco. Gli assegni saranno rivalutati in base all'inflazione del 2017 che è per ora provvisoriamente stimata pari all'1,1%.

Ape social di allarga - Si allarga la platea di chi può accedere all'anticipo pensionistico - Ape social - a carico dello Stato. Una prima tranche di lavoratori ha già potuto accedere a questo strumento e ha appena ricevuto questa indennità. Ma ora si ampliano i confini di utilizzo. A beneficiarne possono essere 15 categorie di lavoratori (prima erano 11) che hanno svolto attività considerate gravose ma anche per coloro che hanno 63 anni e sono disoccupati, oppure invalidi, oppure impegnati nella cura di parenti disabili.

Mamme, l'Ape social guarda ai figli - Per le mamme lavoratrici la possibilità di accedere all'anticipo pensionistico a carico dello Stato viene "pesato" in base ai figli. E' previsto uno 'sconto' sull'età per andare in pensione pari ad un anno per ogni figlio, con un tetto complessivo di 2 anni.

Ape volontaria arriva in ritardo, ma arriva - Doveva partire a maggio ma, con i ritardi accumulati, dovrebbe partire a gennaio l'ape volontaria, dopo la firma delle convenzioni con banche e assicurazioni.
L'Ape volontaria è la possibilità di anticipare l'andata in pensione attraverso una sorta di prestito da restituire. Il meccanismo, che vale per tutti i lavoratori, funziona così: si può andare in pensione dai 63 anni ottenendo un reddito che poi va restituito in 20 anni a valere sulla futura pensione.

Equiparazione uomo-donna -  Si conclude nel 2018 il percorso iniziato sei anni fa che ha portato ad un allineamento dell'età per la pensione di vecchiaia tra uomini e donne che si attesta ora a 66 anni e 7 mesi per poi salire a 67 anni nel 2019. Il balzo è di un anno per le dipendenti del settore privato - che fino al 2017 potevano uscire a 65 anni e 7 mesi - mentre è di sei mesi per le lavoratrici autonome, che potevano uscire a 66 anni e un mese.

Tags:
pensioni 2018

in vetrina
Grande Fratello Vip 3 cast: Cecilia Capriotti e.. I nuovi nomi. Gf Vip 3 news rumors

Grande Fratello Vip 3 cast: Cecilia Capriotti e.. I nuovi nomi. Gf Vip 3 news rumors

i più visti
in evidenza
Belen-Iannone a Ibiza Crisi superata. E con loro...

GOSSIP

Belen-Iannone a Ibiza
Crisi superata. E con loro...

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Jeep Renegade MY 2019, pronta a partire per nuove avventure

Jeep Renegade MY 2019, pronta a partire per nuove avventure

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.