A- A+
Economia
Pil, crescita in frenata. Finanziaria: strada in salita per il governo Conte
Foto LaPresse

E’ da inizio anno che una lunga serie di dati deludenti sul fronte della crescita, più bassa del previsto quasi ovunque, ma anche a livello di inflazione, al contrario più elevata delle stime (almeno negli Usa) sta dando qualche preoccupazione ai mercati, che a inizio anno vedevano gli investitori posizionati per sfruttare uno scenario ancora da “riccioli d’oro” con bassa inflazione e crescita in accelerazione. Negli ultimi giorni, poi, il quadro ha finito col capovolgersi quasi completamente rispetto alle attese, con un diffuso rallentamento della produzione industriale in aprile in Europa contro attese per una riaccelerazione della crescita in America.

Giovanni Tria ape

 

In particolare, a causa del rallentamento degli ordini in Germania la produzione industriale ad aprile è calata dell’1% contro attese per un incremento dello 0,3%, in Francia il calo è stato dello 0,5%, contro attese di +0,3%, la Spagna il calo è stato dell’1,8% contro il -0,2% che il mercato si attendeva. Al contrario negli Usa dopo aver stimato una crescita annualizzata del Prodotto interno lordo (Pil) del 2,8% nel primo trimestre, la Fed di Atlanta prevede ora una riaccelerazione al +4,5% nel secondo trimestre. Effetti che, avvertono gli analisti di Commerzbank, potrebbero in parte essere già stati corretti in maggio grazie al calo dell’euro contro dollaro.

E’ chiaro però che un approccio commerciale “bellicoso” come quello dell’attuale amministrazione Trump (che dal primo giugno ha fatto scattare dazi contro acciaio e alluminio europeo e che ancora tratta con la Cina per rimuovere quelli fatti scattare nei confronti del colosso asiatico) rischia di pesare anche nei prossimi trimestri sulle prospettive dei paesi esportatori come la Germania ma anche l’Italia. Non può dunque essere una sorpresa che le previsioni di crescita dell’economia italiana siano tornate a flettere.

Di Maio ape 4

 

In particolare se ancora pochi mesi fa il governo Gentiloni aveva messo nero su bianco, nel Def, una previsione di crescita del Pil dell’1,5% quest’anno, dell’1,4% l’anno prossimo e dell’1,3% nel 2020, qualche giorno fa, Bank of America Merrill Lynch ha tagliato a +1,1% e +0,9% le previsioni di crescita per il Pil italiano (da +1,4% e +1,1% rispettivamente), nell’ambito di una revisione delle stime per l’intera Eurozona, vista ora in crescita del 2,1% quest’anno e dell’1,7% il prossimo (da +2,4% e +1,9%). Ma prima l'hanno fatto l'Ocse e recentemente l'ufficio studi della Confcommercio.

Se per un investitore questo vuol dire ricalibrare il peso dei propri investimenti, aumentando la percentuale di asset statunitensi (anche con rischio di cambio aperto) e diminuendo quella di asset denominati in euro, per il governo Conte il sia pur lieve rallentamento della crescita rischia di essere uno scoglio che mette a rischio la sua navigazione, per almeno due motivi.

trump conte ape
 

Primo, con un Pil di 1.600 miliardi di euro circa, ogni 0,1% vale 1,6 miliardi di euro di risorse, ovvero (ipotizzando una tassazione media tra le due aliquote proposte del 15% e del 20%) circa 300 milioni di gettito fiscale. Minore crescita significa dunque minori risorse disponibili (nello specifico circa 6,5 miliardi di Pil meno quest’anno e circa 8 miliardi meno l’anno prossimo, ovvero 2 miliari e 2,4 miliardi rispettivamente di minor gettito fiscal) a copertura dei progettati incrementi di spesa pubblica o dei progettati decrementi di prelievo fiscale: servirebbe dunque trovare il modo di liberare risorse, ad esempio aprendo maggiormente i mercati per consentire loro un maggiore sviluppo, o ridurre il perimetro del settore pubblico, ma le misure inserite nel “contratto di governo” o non ne parlano o sembrano andare in direzione opposta.

Segue...

Tags:
stime crescita italiapil italiadef m5s lega italaconti pubblici italiaivareddito cittadinanzaflat tax

i più visti
in evidenza
Grande Fratello Vip 3 terremoto 10 in nomination: TUTTI I NOMI

Grande Fratello Vip News

Grande Fratello Vip 3 terremoto
10 in nomination: TUTTI I NOMI

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Honda CR-V: primo contatto con la nuova generazione

Honda CR-V: primo contatto con la nuova generazione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.