A- A+
Economia
Più pensionati che lavoratori entro il 2050. L'Ocse lancia l'allarme anziani

E' allarme anziani: l'Istat certifica che aumentano i disoccupati tra i 35 e i 49enni, mentre l'Ocse mette in guardia dal fatto che in alcuni Paesi come l'Italia, entro il 2050 "il numero di persone anziane fuori dal mercato del Lavoro potrebbe essere quasi uguale o superiore a quello dei lavoratori". Nel nostro Paese, comunque, a luglio il tasso di disoccupazione è salito dello 0,1%, al 9,9% mentre dopo la crescita registrata nei primi mesi dell'anno, a luglio la stima degli occupati risulta in lieve calo rispetto al mese precedente; il tasso di occupazione passa al 59,1% (-0,1 punti percentuali).

lavoro operaio
 

E se aumenta l''occupazione giovanile, ossia nella classe d'età tra i 15 e i 24 anni, i 35-49 enni stentano a trovare un posto di lavoro visto che a luglio ne sono registrati 45 mila in meno e 19 mila disoccupati in più. Tengono, seppur di poco, le altre fasce d'eta'. Tra i 25 e i 34 anni ci sono stati 5 mila occupati in piu', e 21 mila disoccupati in meno ma anche 7 mila inattivi in piu'. Nella fascia d'eta' degli oltre 50enni, si sono registrati 7 mila occupati in piu' ma anche 5 mila disoccupati in piu'. Gli inattivi invece calano di 11.000 unita'.

I dati Istat rilevano inoltre che nel trimestre maggio-luglio 2019 l'occupazione mostra invece segnali consistenti di crescita rispetto ai tre mesi precedenti (+0,4%, pari a +101 mila unità), di maggiore intensità per gli uomini. E se per età si registrano segnali positivi tra i 15-24enni e gli ultracinquantenni, ci sono segnali negativi tra i 35-49enni e di sostanziale stabilita' tra i 25-34enni, confermando quindi le difficolta' di trovare un lavoro per gli over 35.

Citando espressamente l'Italia, l'Ocse invita quindi i governi a "promuovere maggiori e migliori opportunita' di Lavoro in eta' avanzata per proteggere il tenore di vita e la sostenibilita' delle finanze pubbliche". Ritardando l'eta' media alla quale i lavoratori anziani lasciano la forza Lavoro e riducendo il divario di genere nella partecipazione alla forza Lavoro in eta' piu' giovane, la percentuale del 50% ed oltre di persone anziane fuori dal mercato del lavoro per l'area Ocse potrebbe essere ridotto ad appena il 9%.

Secondo i dati Ocse, sulla base degli attuali modelli pensionistici, il numero di persone anziane (50+) fuori dalla forza Lavoro a causa dell'inattività o del pensionamento che dovranno essere sostenute da ciascun lavoratore potrebbe aumentare di circa il 40%, passando da 42 per 100 lavoratori nel 2008 a 58 per 100 lavoratori nel 2050 in media nell'area Ocse. 

Commenti
    Tags:
    pensionipensionatiocseallarme anziani
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Victoria’s Secret, show annullato Niente sfilata di Angeli per Natale

    Costume

    Victoria’s Secret, show annullato
    Niente sfilata di Angeli per Natale


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Skoda. Ecco Kamiq, il City Suv camaleontico per giovani e famiglie

    Skoda. Ecco Kamiq, il City Suv camaleontico per giovani e famiglie

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.