A- A+
Economia
PopBari, bufera sulla banca: indagati gli Jacobini e l'ex De Bustis
Marco Jacobini, Presidente della Banca Popolare di Bari, che partecipa alla Fiera Internazionale dell’agricoltura di Foggia con un proprio stand e la nuova gamma di prodotti dedicati “Semina”.

Associazione a delinquere, truffa, ostacolo all'attività di vigilanza della Banca d'Italia e false dichiarazioni nel prospetto informativo depositato alla Consip. Sono i reati contestati dalla Procura di Bari, che ha fatto notificare un avviso di proroga delle indagini, ai vertici della Banca Popolare di Bari (BpB). I fatti - riporta Repubblica - risalgono al periodo 2013-2016 quando la BpB acquistò la Cassa risparmio di Teramo.

Sei gli indagati: il presidente Marco Jacobini, l'allora direttore generale Vincenzo De Bustis, ex amministratore delegato di Mps e Deutsche Bank Italia, i due figli di Jacobini, Gianluca e Luigi (rispettivamente condirettore generale e vice), il responsabile della linea contabilita' e bilancio della popolare Elia Circelli, il dirigente dell'ufficio rischi Antonio Zullo. A carico di Marco Jacobini e dei suoi due figli si ipotizzano anche i reati di concorso in maltrattamenti ed estorsione.

De Bustis, invece, è accusato solo di maltrattamenti. La vicenda all'attenzione dei pm riguarda presunte irregolarità nascoste nei bilanci dell'istituto di credito svelate ai magistrati da un funzionario incaricato di mettere a posto le carte nell'ufficio rischi. Il dipendente avrebbe evidenziato ai vertici della banca le irregolarità emerse durante la sua attività, ma queste sue segnalazioni non sarebbero state gradite dai vertici della banca, al punto che il funzionario sarebbe stato mobbizzato e licenziato.

Sulla Banca popolare di Bari la Procura ha in corso un'altra indagine che riguarda criteri e metodi con cui la BpB ha gestito gli ordini di vendita delle azioni da parte di alcuni soci prima che queste venissero deprezzate. In particolare, ritiene la Procura, per agevolare alcuni grossi azionisti, gli ordini di vendita dei titoli sarebbero stati inseriti manualmente senza rispettare l'ordine cronologico e violando cosi' il principio della parità di trattamento dei soci, a danno dei piccoli azionisti.

Una delle contestazioni mosse in questa indagine riguarda la vendita, prima che venissero deprezzate, delle 430mila azioni della Banca Popolare di Bari contenute nel portafoglio della società barese Debar. Alla Debar - secondo l'accusa - sarebbe stato concesso di vendere le azioni nell'asta del marzo 2016, prima cioe' dell'assemblea dell'aprile successivo in cui le stesse azioni subirono un deprezzamento del 20 per cento, da 9,53 a 7,50 euro.

Anche in questa inchiesta, come in quella che ha portato alla proroga delle indagini a carico di Jacobini, di manager ed ex manager della Bpb, si ipotizza il reato di ostacolo alle attivita' degli organi di Vigilanza, Consob (rpt Consob) e Banca d'Italia.

Tags:
banca popolare di barifamiglia jacobini popolare di bariindagini banca popolare di bari
Loading...
in vetrina
Asteroide verso la Terra. Rischio gelo perenne e choc climatico

Asteroide verso la Terra. Rischio gelo perenne e choc climatico

i più visti
in evidenza
Marcuzzi, un mare di 'nostalgia' Senza reggiseno. E lato B..

TAYLOR MEGA, SHARM BOLLENTE

Marcuzzi, un mare di 'nostalgia'
Senza reggiseno. E lato B..


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ford svela la nuova Mustang Mach-E da 465 CV

Ford svela la nuova Mustang Mach-E da 465 CV


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.