A- A+
Economia
Popolari, aperta la procedura Ue. Nel mirino la riforma di Renzi del 2015

La Corte di giustizia dell'Unione europea ha formalmente aperto la procedura che porterà al giudizio sulla riforma delle Banche popolari varata dal governo italiano nel 2015. Con una lettera datata 23 gennaio, infatti, la Cancelleria della Corte Ue ha trasmesso alle parti la notifica della domanda di rinvio pregiudiziale, sottolineando che «le parti in causa davanti al giudice nazionale (il Consiglio di Stato, ndr), gli Stati membri, la Commissione e, quando ne sia il caso, il Parlamento europeo, il Consiglio e la Bce hanno il diritto di presentare alla Corte osservazioni scritte sulle domande di pronuncia pregiudiziale nel termine di due mesi dalla presente notifica». Il Cancelliere informa inoltre le parti che il presidente della Corte non ha accolto la richiesta del Consiglio di Stato di «trattare i quesiti posti in un procedimento pregiudiziale accelerato». Al termine dei due mesi va aggiunto il termine forfettario in ragione della distanza di 10 giorni.

Commenti
    Tags:
    banche popolari corte ue
    i più visti
    in evidenza
    E' morto a 70 anni Niki Lauda Fu una leggenda della Formula 1

    Sport

    E' morto a 70 anni Niki Lauda
    Fu una leggenda della Formula 1


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan X-Trail: gamma motori rinnovata

    Nissan X-Trail: gamma motori rinnovata

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.