A- A+
Economia
Poste Italiane si dà alla finanza: acquistato il 10,3% di Anima da Mps

Che non fossero più solo lettere e cartoline per Poste Italiane lo si sapeva già da tempo, ma oggi il gruppo ha confermato ancora di più di voler ampliare il suo business puntando anche sul risparmio gestito. Francesco  Caio ha infatti acquistato da Banca Monte dei Paschi di Siena  una partecipazione del 10,3% detenuta dall'istituto in Anima Holding. Il controvalore complessivo dell'operazione e' di 6,967 euro per azione, in linea con la media del prezzo registrato dal titolo Anima nell'ultimo mese. In particolare, il corrispettivo previsto e' pari a 6,80 euro per ciascuna azione oggetto di compravendita, per un totale di complessivi 210 milioni di euro, a cui si aggiunge il dividendo per l'esercizio 2014 che sara' attribuito a Bmps (euro 0,167 per azione, euro 5,2 milioni in totale per la partecipazione detenuta).

Nell'ambito dell'accordo, al fine di proteggere Poste da eventi di straordinaria portata legati al rischio di mercato - si legge in una nota - e' stato previsto un meccanismo di aggiustamento del prezzo di cessione a favore di Poste parametrato al prezzo medio di mercato delle azioni Anima ponderato per i volumi giornalieri scambiati dalla data di sottoscrizione del contratto fino al 24 luglio 2015, data entro cui deve essere completato il Capital Plan di Bmps. Qualora il prezzo medio ponderato dovesse risultare inferiore a euro 5,27, Bmps sara' obbligata a retrocedere a Poste l'importo di euro 1,53 per ciascuna azione. La compravendita comportera' per Bmps un impatto netto positivo a conto economico, come somma della plusvalenza realizzata e del dividendo incassato e al netto di eventuali effetti del meccanismo di aggiustamento prezzo, di circa Euro 115 milioni, con un impatto positivo sul CET1 consolidato pari a circa 20 bps.

L'esecuzione della compravendita e' subordinata all'avveramento di alcune condizioni sospensive, tra cui l'ottenimento delle eventuali necessarie autorizzazioni di legge (e, ove necessario, della conferma della Consob circa l'assenza di obbligo di effettuare un Offerta Pubblica di Acquisto) e la sottoscrizione di un accordo fra Bmps, Poste e Banca Popolare di Milano, con il quale Bpm esprima il proprio assenso all'esecuzione della compravendita delle azioni e Poste subentri in ogni diritto e obbligazione di Bmps con piena liberazione di quest'ultima, ai sensi del patto parasociale sottoscritto fra la stessa Bmps e Bpm in data 5 marzo 2014, gia' reso noto al mercato.

Tale accordo consentira' a Bmps - si legge sempre nella nota - di cedere la partecipazione in Anima e, al tempo stesso, rispettare gli impegni assunti al tempo con Bpm grazie al subentro di Poste nel patto parasociale. Il termine ultimo per l'avveramento delle condizioni sospensive e' il 15 luglio 2015. La vendita della partecipazione in Anima da parte di Bmps si colloca tra le azioni previste dal Capital Plan della Banca, predisposto a novembre scorso a seguito della conclusione dell'esercizio di Comprehensive Assessment e che, come pubblicamente annunciato, prevedeva in aggiunta all'aumento di capitale della Banca anche una serie di azioni non diluitive per gli azionisti, rappresentate da ulteriori misure di capital management volte alla cessione di partecipazioni non core e attivi del portafoglio proprietario ad alto assorbimento patrimoniale. Bmps ritiene opportuno sottolineare che, anche a seguito della descritta vendita, Anima restera' un partner strategico per la Banca e tutti i rapporti commerciali attualmente in essere tra Bmps e Anima continueranno ad essere regolati dall'accordo commerciale quadro, sottoscritto da Bmps e Anima inizialmente nel 2009 e successivamente modificato nel 2010 e regolante gli impegni di distribuzione dei prodotti del risparmio gestito di Anima attraverso la rete Bmps. Si ricorda che l'accordo commerciale ha una durata ventennale, ovvero fino al 29 dicembre 2030. Bmps e' stata assistita nell'operazione da Citi e UBS Limited, che come noto agiscono in qualita' di financial advisors nel contesto del Capital Plan della Banca.(AGI) Red/Mav
 
 Soddisfatto Caio: "L'acquisizione del 10,3% di Anima ha una forte valenza industriale e conferma l'impegno di Poste Italiane nel settore del risparmio gestito che costituisce, con i servizi postali e logistici, e gli strumenti digitali di pagamento e transazioni, uno dei pilastri strategici del piano industriale del gruppo"., ha detto l'ammministratore delegato e direttore Generale di Poste.
 
Immediata la reazione a Piazza Affari dove salgono sia i titoli Mps (+1,63%)  sia quelli Anima (+5,5%).

Tags:
poste. poste italianeanimaanima holdingmpsmontepaschipiazza affarifrancesco caio

in vetrina
Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

Diletta Leotta: "Gol dell'anno? Voto Brignoli. E il Contadino cerca moglie..."

i più visti
in evidenza
Da Picasso all'arte islamica in Iran Jaca Book, ecco i libri in uscita

Novità editoriali

Da Picasso all'arte islamica in Iran
Jaca Book, ecco i libri in uscita

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Rimini Street Food, la prima guida ai cibi di strada, sbarca in televisione

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.