A- A+
Economia
Private equity, i piani di Andrea Bonomi

Che fine ha fatto Andrea Bonomi? Il nipote di Anna Bonomi Bolchini a differenza della nonna ha sempre mantenuto buoni rapporti col "mondo Mediobanca", tanto che col suo fondo di private equity Investindustrial è stato spesso chiamato da Piazzetta Cuccia a occuparsi di partite delicate, non sempre con successo come nel caso di Bpm e di Rcs Mediagroup.

In realtà, però, i successi più importanti Bonomi li ha ottenuti sempre quando si è tenuto distante dalla finanza e dai salotti buoni tricolori ed ha puntato su storie industriali, come con Aston Martin Lagonda, Gardaland, Permasteelisa, Elilario, Artsana, Valtour e soprattutto Ducati, rivenduta con una lauta plusvalenza ai tedeschi di Volkswagen-Audi nel 2012.

Dopo diversi mesi sotto traccia, Bonomi di recente è tornato a far parlare di sé per due mosse distinte. Con Strategic Capital, un fondo d'investimento dedicato ad acquisire partecipazioni di minoranza in società quotate per sostenerne la crescita, ha rilevato il 3% del capitale della Tod's dei fratelli Della Valle, investendo 60 milioni per ritrovarsi immediatamente alle spalle di Oppenheimerfunds (3,697% del capitale) e Bernard Arnoult (3,462%), il padron del colosso del lusso francese Lvmh.

Il gruppo guidato da Diego Della Valle (che nella battaglia per il controllo di Rcs si era schierato, con Bonomi, contro Urbano Cairo) è proprietario dei marchi Tod's, Hogan, Fay e Roger Vivier, ha un fatturato di oltre un miliardo, e dopo un periodo di appannamento legato alla crisi del settore abbigliamento-moda è tornato a recuperare terreno in borsa, con gli analisti di Citigroup (che sul titolo esprimono un "buy" con target price di 79 euro) che in un report recente hanno sottolineato il re-rating in atto dei multipli del settore, aggiungendo che Tod's "resta un obiettivo di acquisizione in un comparto in consolidamento".

Con Andrea Bonomi e il gruppo Arnault tra i soci, nota Citigroup, "ora Tod's ha due azionisti sensibili, strategici di lungo periodo, oltre all'azionista di controllo, Diego Della Valle" (60,663% del capitale), che potranno aiutare la società nel processo di recupero delle vendite a parità di perimetro tuttora necessario, come sottolineano molti analisti, a sostenere i margini.

La seconda mossa di Bonomi è stata rivolta al suo interno e ha riguardato il fondo Investindustrial IV, finora focalizzato su investimenti in buyout in imprese di medie e grandi dimensioni, preferibilmente del Sud Europa ed in particolare in Spagna, Italia e Portogallo. Il fondo, che nel 2008 aveva raccolto circa un miliardo di euro e che aveva scommesso sul gruppo spagnolo PortaAventura, su cui aveva poi impostato una serie di grandi progetti di sviluppo, tra i quali in particolare la realizzazione del Ferrari Land (primo parco tematico dedicato al "cavallino" in Europa, secondo al mondo dopo quello di Abu Dhabi), si stava avvicinando a scadenza, essendo come tutti i fondi di private equity di durata decennale.

Oltre a una partecipazione in PortaAventura, Investindustrial IV ha ancora partecipazioni in Snai, in Perfume Holding e in Emeru (un servizio di ambulanze spagnolo). Liquidare il fondo avrebbe significato dover disinvestire da tutte le partecipazioni e rinunciare a vedere i frutti della scommessa del Ferrari Land. Così Bonomi ha chiesto agli investitori che avevano investito nel fondo se volevano proseguire, ottenendo il via libera dal 55% degli investitori ad estendere di altri 5 anni la durata del fondo e raccogliendo altri 150 milioni di euro dai vecchi investitori tra cui, pare, Alpinvest (società di private equity che attualmente conta su 39 miliardi di euro di patrimonio gestito).

Insomma: lontano dai "salotti buoni", Andrea Bonomi è tornato al mestiere che sa fare meglio, raccogliere fondi da investire in progetti a lungo termine, nell'ottica dei "fondi castori" più che in quella, di breve termine, dei "fondi locusta". Un approccio più congeniale al nipote della "sciura dei danée" che, formatosi professionalmente nel mondo degli affari anglosassoni, è portato a operare facendo prevalere la razionalità all'emozione, pensando agli sviluppi di business più che alle relazioni (o diatribe) personali.

Un approccio che finora non l'ha mai tradito e che potrebbe portarlo nel prossimo futuro a rilanciare anche un'altra recente scommessa, quella nel settore dei giocattoli dove con Artsana (proprietaria dei marchi Chicco, Prenatal e Pic) ha già costituito, nel 2014, una joint-venture con la Giochi Preziosi di Enrico Preziosi nel settore delle attività retail (alla joint-venture fanno capo 130 Toy Center, 20 Bimbo Store e 250 negozi Prenatal).

Vista la difficile coabitazione coi cinesi di Ocean Gold Global (49% di Giochi Preziosi) e la problematica ristrutturazione in atto del gruppo Preziosi, che lo scorso anno ha ceduto al private equity Vertis Sgr la controllata Preziosi Food (azienda da una sessantina di milioni di fatturato che produce snack dolci e salati),  da mesi si specula su un intervento di Investindustrial, che potrebbe agire da aggregante tra il gruppo Preziosi ad Artsana per vita ad un polo del gioco tricolore.
 
Finora Bonomi non si è mai voluto sbottonare, limitandosi a confermare "contatti regolari tra le due aziende, nell'interesse comune", un riserbo che chi frequenta l'ambiente del private equity sa bene essere tipico delle fasi di studio dei dossier, quando c'è da decidere se valga o meno la pena investire in un progetto e nel caso attraverso quali modalità. Se son rose fioriranno, come si dice in questi casi.

 

Tags:
andrea bonomi
Loading...
in vetrina
CHIARA FERRAGNI SENZA REGGISENO ALLO SPECCHIO. E POI.. I SELFIE DELLA FERRAGNI

CHIARA FERRAGNI SENZA REGGISENO ALLO SPECCHIO. E POI.. I SELFIE DELLA FERRAGNI

i più visti
in evidenza
M5s, teca dei ricordi alla Camera C'è anche la cravatta di Di Maio

Politica

M5s, teca dei ricordi alla Camera
C'è anche la cravatta di Di Maio


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Grandland X Hybrid4, il primo ibrido di Opel

Grandland X Hybrid4, il primo ibrido di Opel


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.