A- A+
Economia
Procedura Ue, deposito da 4 miliardi e multa da 9: cosa rischia l'Italia
LaPresse

La Commissione Ue ha bocciato la bozza di manovra di bilancio 2019 dell’Italia, che non ha trovato alcuna sponda neppure nell’Eurogruppo o presso la Bce (Mario Draghi avrebbe anzi ribadito al ministro dell’Economia e finanza italiano, Giovanni Tria, che la manovra dovrà rispettare gli impegni presi, scanso equivoci). Così i mercati stanno già mettendo in conto uno “showdown” il prossimo 21 novembre, quando tornerà a riunirsi la Commissione Ue trascorse le canoniche tre settimane concesse ad ogni stato membro per proporre modifiche ad una manovra che sia stata bocciata.

Ma cosa rischia di concreto l'Italia se le eventuali modifiche che dovessero essere proposte non venissero giudicate comunque sufficienti? A quel punto la Commissione Ue aprirebbe formalmente la procedura di infrazione per deficit eccessivo e violazione della regola del debito.

Infografica procedura d'infrazione
 

Se riguardo al debito pubblico c’è ben poco da dire, visto che non dovrebbe superare in teoria il 60% mentre nel caso italiano è più che doppio e pari ad oltre il 132% e rispetto al 2018 è previsto rimanere sostanzialmente stabile (mentre per i paesi che, appunto, superano la soglia del 60% dovrebbe scendere gradualmente ma costantemente ogni anno), ci si potrebbe chiedere perché l’Italia venga messa sul banco degli imputati per un deficit/Pil programmato attorno al 2,4%, dunque ben al di sotto del limite formale del 3%.

La risposta è che dopo la crisi del debito del 2010 che portò al “bailout” delle Grecia, la Commissione Ue, a seguito di una decisione condivisa e votata da tutti i partner europei (Italia compresa ovviamente) guarda al deficit “strutturale”, ossia senza tenere conto degli effetti legati al ciclo economico, per evitare di usare un rigore eccessivo in fasi di recessione o di rilassarsi eccessivamente in fasi di crescita economica (come quella in cui si trova l’Italia, per quanto modesta possa essere).

Il deficit strutturale che l’Italia si era in precedenza impegnata a rispettare per il 2019 era pari a -0,6% del Pil (ossia si puntava a un surplus strutturale dello 0,6%), quello proposto dal governo Lega-M5S è pari a +0,8%, pari ad una differenza dunque dell’1,4% del Pil. Non solo: anche sul 2,4% potrebbero esservi dei rilievi, perché secondo la Commissione Ue le previsioni italiane sulla crescita del Pil (e dunque sul rapporto deficit/Pil) sono molto aleatorie e dunque lo stesso 2,4% potrebbe alla fine risultare vicino o sopra il 3%. Per queste due (ma forse anche tre) possibili violazioni, la Commissione Ue ha la facoltà, non l’obbligo, di aprire la procedura di infrazione ma pare quasi certo che non ci sarà una marcia indietro se da parte italiana non verranno proposte "modifiche sostanziali", come chiesto da Bruxelles, alla bozza di manovra, cosa al momento improbabile.

Una volta aperta la procedura, la Commissione Ue chiederà alla Corte di Giustizia europea di valutare il caso. Se la Corte di Giustizia, una volta svolte le dovute indagini, riterrà che l’Italia effettivamente non abbia rispettato uno o più degli obblighi previsti dal Tfue (Trattato sul funzionamento dell’unione europea o “patto di stabilità”), essa sarà obbligata a prendere dei provvedimenti ed emettere una sentenza.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    procedura d'infrazioneconti pubblici italialegge di stabilità

    i più visti
    in evidenza
    Il fatto della settimana Toninelli visto dall'artista

    Culture

    Il fatto della settimana
    Toninelli visto dall'artista

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Lamborghini SC18 Alston: la prima One-Off targata Squadra Corse

    Abiti sartoriali da Uomo, Canali

    Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2018 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.