A- A+
Economia
Scherzo del Milleproroghe a Calenda
Foto LaPresse

Il decreto Milleproroghe, approvato non senza polemiche la scorsa settimana, gioca un brutto scherzo a Carlo Calenda. Sarebbero infatti stati tagliati i fondi per il 2018 allo Iai, l'Istituto per gli affari internazionali, presieduto da Nelli Feroci e di cui l'ex ministro dello Sviluppo Economico è membro del comitato direttivo. Dei 100 mila euro previsti, ne arriveranno 90 mila. E questo, scrive La Verità, perché "occorre riconoscere una maggior obiettività di questi enti no profit, visto che al loro interno vi si annoverano figure politiche".

Tagliati anche 4.500 euro all'Aspen di Giulio Tremonti, altro pensatoio. Tornando allo Iai, oltre a Calenda, ne fanno parte, Riccardo Alcaro Vincenzo Amendola Gianni Bonvicin iAnna Caffarena Maurizio Caprara Silvia Colombo Marta Dassù Giovanni De Gennaro Raffaella Del Sarto Federica Di Camillo Sergio Fabbrini.

Commenti
    Tags:
    iaicalendamilleproroghe
    i più visti
    in evidenza
    Lampedusa contro le sigarette Stop al fumo in spiaggia

    Cronache

    Lampedusa contro le sigarette
    Stop al fumo in spiaggia


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Enel X,Nissan e RSE avviano la prima sperimentazione Vehicle to Grid

    Enel X,Nissan e RSE avviano la prima sperimentazione Vehicle to Grid

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.