A- A+
Economia
La solitudine dei manager tra web e telefono: 500mila 'malati' in Italia

Il primo a parlarne è stato Manuel Vázquez Montalbán, ma nel suo "La solitudine dei manager" internet e smartphone ancora non esistevano e il problema in questione era di tutt'altro genere. Fatto sta che i 'malati' di solitudine al livello nazionale vanno aumentando, sono circa 4 milioni, è in particolare si concentrano nelle grandi metropoli (Milano su tutte) e tra i dirigenti.

Significativo è infatti l’incremento di manager colpiti dal fenomeno, circa il 7% in più rispetto all’anno precedente. A soffrire di questo stato d’animo sono circa 500.000 dirigenti, indipendentemente dalla dimensione dell’azienda guidata. 

La figura del “capo” è sempre stata percepita come isolata, posta al vertice della piramide gerarchica. Oggi, complici la crisi economica e una diffusione di terminali e dispositivi tecnologici sempre maggiore, questo divario sembra essersi accentuato, riducendo le relazioni tra i vertici e i collaboratori a semplici e impersonali scambi di e-mail, massaggi di chat e concise telefonate formali.

“Gli esseri umani esistono in funzione della loro rete di relazioni e soffrono se queste non sono efficaci. – ha commentato Max Formisano, formatore professionista di manager e quadri e autore del libro Se solo potessi… creare relazioni efficaci, scritto a quattro mani con Davide Tambone, edito Gribaudi –. Da sempre i dirigenti di azienda si trovano a dover far fronte a problemi di tipo economico e burocratico, ma oggi, causa la crisi economica che ha costretto molti ad apportare riduzioni di spese e del personale, a tutto questo si somma un sentimento di ostilità e diffidenza da parte dei collaboratori nei suoi confronti, come se fosse una sorta di nemico più che un alleato. Il ricorso a comunicazioni mediate da strumenti tecnologici ha contribuito a rendere i rapporti sempre più freddi e impersonali. La maggior parte dell’attività di coaching aziendale riguarda proprio le relazioni capo-collaboratore. Per instaurare una relazione professionale efficace e positiva con i collaboratori è necessario partire dall’aspetto umano, cercando di motivarli, fornire loro un obiettivo e farli sentire parte integrante dell’intero sistema.”

La prima cosa dalla quale partire è, dunque, guadagnare la fiducia dell’interlocutore, in quanto consente di aumentare la velocità dello scambio e diminuirne i costi. Per far sì che l’altro si fidi di noi, dobbiamo rispettare quattro principi: integrità (essere schietti e leali), intento (esplicitare finalità e aspettative) e capacità (mettere in evidenza i punti di forza e gli strumenti in possesso dell’azienda e del collaboratore per raggiungere l’obiettivo finale) e risultati (illustrare quelli raggiunti e prospettare una stima di quelli futuri). L’unica strada efficace che ha un leader è creare responsabilità nei collaboratori, conquistando la loro fiducia e fornendo loro continui stimoli e motivazioni.”

Tags:
solitudinemanagermax formisano
in vetrina
Emily Ratajkowski nuda contro la legge anti-aborto. EMILY RATAJKOWSKI, LE FOTO

Emily Ratajkowski nuda contro la legge anti-aborto. EMILY RATAJKOWSKI, LE FOTO

i più visti
in evidenza
Grande Fratello 16, doppia bomba Due ingressi clamorosi in Casa

News e gallery

Grande Fratello 16, doppia bomba
Due ingressi clamorosi in Casa


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz Sprinter: con la giusta (at)trazione

Mercedes-Benz Sprinter: con la giusta (at)trazione


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.