A- A+
Economia
Spread, Boccia (Confindustria) a politici e governo: attenzione al linguaggio
LaPresse


"Faccio appello a tutta la politica e ai responsabili del governo a fare attenzione al linguaggio, perche' a volte, solo a causa del linguaggio, aumenta lo spread. E questo e' inaccettabile". Lo dice il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, dopo l'aumento del premio sul rendimento dei titoli di Stato italiano registrato tra ieri e oggi. "Lo spread puo' essere uno spauracchio - aggiunge Boccia a margine di un incontro con i candidati europei a Napoli - perche' le nostre imprese vivono anche di indebitamento finanziario con le banche, cosi' le famiglie con i mutui e il Paese con il debito pubblico". Boccia ricorda che all'aumento dello spread corrisponde un aumento del costo del denaro che determina un ampliamento del divario di competitivita' con gli altri Paesi. "Dobbiamo stare attenti - avverte il leader di Confindustria - ed e' uno dei motivi per cui dovremmo fare un piano di medio termine e di rientro del debito pubblico e fare un'operazione verita'".

Commenti
    Tags:
    spread boccia
    i più visti
    in evidenza
    Elisa Isoardi scatenata. VIDEO Il suo charleston è un successo

    Ballando con le stelle

    Elisa Isoardi scatenata. VIDEO
    Il suo charleston è un successo


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford: il robot Digit per le consegne a domicilio

    Ford: il robot Digit per le consegne a domicilio

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2019 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.